Passa ai contenuti principali

Spàtlze di spinaci con speck e panna di Jacopo

Gli Spàtlze di spinaci sono dei gnocchetti tipici tirolesi di forma irregolare il cui l’impasto è composto da spinaci lessati, farina, uova e acqua (o a volte latte). Gli Spàtlze vengono realizzati mettendo l’impasto nella speciale pressa per Spàtlze molto simile ad uno schiacciapatate ( che potete tranquillamente usare in sostituzione della pressa ); spremendo l’impasto fuoriesce e cade nell’ acqua bollente. In questa ricetta gli Spàtlze di spinaci vengono conditi con salsa di speck, panna ed erba cipollina.

INGREDIENTI PER GLI SPATZLE
200 g di spinaci lessati e strizzati
250 g di farina doppio 00
3 uova piccole
100 ml acqua
Sale fino q.b
Noce moscata da grattugiare q.b.

INGREDIENTI PER IL CONDIMENTO
100 g speck a fette sottili
30 g di burro
250 ml di panna fresca liquida
Pepe nero q.b
Sale fino q.b
Erba cipollina tritata 2 cucchiai

Preparazione

Tritare gli spinaci e metterli in un frullatore insieme  alle uova, all’ acqua ,alla noce moscata  e al sale; frullate gli ingredienti  e riduceteli in una crema liscia e fine. Versate il composto di spinaci in una ciotola e, poco alla volta, aggiungete la farina mescolando continuamente per amalgamare il tutto, quindi lasciate riposare per qualche minuto. Mettere a bollire l’acqua sul fuoco e nel frattempo, prendere gli ingredienti da utilizzare per il condimento: tritare l’erba cipollina e lo speck e versare quest ‘ultimo in una padella nella quale avrete fatto sciogliere il burro (oppure scaldare con 2 cucchiai di olio di oliva). Fate soffriggere lo speck e poi aggiungete la panna il pepe, l’erba cipollina tritata e aggiustate di sale. Ponete l’impasto degli Spàtlze in uno schiacciapatate con i fori grossi e posizioniate l’attrezzo sopra la pentola di acqua in ebollizione quindi spremete per far fuoriuscire gli gnocchetti. Gli Spàtlze che cadranno nell’ acqua bollente, saranno cotti quando riaffioreranno in superfice; a quel punti prendeteli con una schiumarola, scolateli bene e trasferiteli in una padella per fari saltare per pochi secondi nel condimento di panna e speck. Servire gli Spàtlze immediatamente .  

Commenti

Post popolari in questo blog

Buon Anniversario Mamma e Papà

Carissimi mamma papà, auguri di buon anniversario. Io sono felice di festeggiare con voi l’anniversario di matrimonio. Vi voglio un sacco di bene. Mamma e papà vi ringrazio di stare affianco a voi. Mamma sei simpatica e sei bravissima a cucinare cose buone. Papà sei simpatico e bravissimo e sei bravissimo a fare le parole crociate. Papà è bellissimo guardare la partita in televisione insieme.
Tanti auguri di buon anniversario da Roby Per mamma e papà Vi voglio tanto bene




LE PAROLE STRANIERE DA ITALIANIZZARE

Oggi giorno nella nostra lingua usiamo un sacco di forestierismi provenienti maggiormente dall’inglese e dal francese. Ce ne sono alcuni che non italianizziamo mai come:

·backgammon = tavola reale ·baseball = pallabase ·biberon = poppatoio ·bob = guidoslitta ·bulldozer = apripista ·bunker = casamatta ·camion = autocarro ·chef = capocuoco ·computer = elaboratore ·container = contenitore ·cowboy = vaccaro ·decoder = decodificatore ·encoder = codificatore ·frac = marsina ·garage = autorimessa ·gilet = panciotto ·guardrail = guardavia ·halibut = ippoglosso ·hamburger = svizzera

LA MIA AMICA ENZA

mia amica Enza Io ho tantissime amiche ma in particolare vi vorrei descrivere Enza . È una brava donna sempre sorridente , è molto abbronzata , la conosco da settembre ma c’è voluto qualche mese per essere suo amico. All’ inizio la chiamavo sempre Signora Enza ma lei mi ha detto di chiamarla solo Enza.  La frequento quasi tutte le mattine e ci sentiamo anche su messanger e whatsapp. Io ho incominciato a frequentarla perché viene in piscina all’ “Oasi” dove vado io. Enza è sposata con il mio amico Antonio e ha due figlie e tre nipoti maschi e una femmina , la femmina ha 7 mesi mentre i maschi sono più grandi. Con Enza qualche volte usciamo anche a mangiare con le nostre amiche Franci, Olga, Gina, Lory e Alberta .Quando facciamo queste cenette partecipano anche i loro mariti Antonio, Luciano e Gianfranco e ci divertiamo proprio tanto. Settimana scorsa mi ha regalato il vino che ha fatto Antonio che io non ho ancora provato, quando vado al mare gli scriverò una bella cartolina. Enza no…