Passa ai contenuti principali

UNA VACANZA CHE NON SI PUO’ DIMENTICARE


Un luglio caldo di qualche anno fa io  , mamma Tiziana,  papà Gianfranco, Renzo, Susanna, Franco, Wanda , Cilio e  Annamaria abbiamo deciso di fare un bellissimo viaggetto in Grecia nell’ isola di Rodi. Alla partenza eravamo molto assonati perché era mattino presto io e Renzo abbiamo cominciato a fare le nostre battutine stupidine del tipo “siamo stanchi morti” dicevo io “no, siamo stanchi vivi”  diceva Renzo.  Dopo aver fatto il check-in e aver imbarcato i bagagli siamo andati in un bar per fare colazione. Durante la colazione Franco, detto da tutti “Camomilla”, ci ha comunicato che era il suo primo viaggio in Grecia e in un villaggio.  In tarda mattinata siamo atterrati all’aeroporto di Rodi e lì c’era un pullman che ci portava al nostro villaggio il SETTEMARI RODOS PRINCES. Sul pullman io, Cilio e  Franco eravamo in ultima fila e scherzavamo,  la coppia Susanna e Renzo che erano poco più avanti di me , erano sempre appiccicati mentre Cilio e Franco non stavano così appiccicati alle loro donne. Finalmente siamo arrivati nel Villagio dove ci hanno dato le camere,  purtroppo hanno fatto un errore  e a Franco, Wanda, Cilio e Annamaria  hanno dato una camera comunicante, “ma nemmeno un po’ di privacy” ha detto Franco. La cosa è finita bene,  avevano letto che  Franco e Annamaria avevano gli stessi cognomi e quindi la reception aveva capito male.  Dopo aver disfatto i bagagli siamo andati tutti a pranzo e dopo il pranzo al bar io ho bevuto un bicchiere d’acqua e gli altri uomini la Fernet Brakna. Dopo pranzo abbiamo riposato qualcuno in camera e qualcun altro in spiaggia verso le 16:00 siamo scesi in spiaggia dove Franco ha ricevuto un regalone da parte mia:  un grande salvagente di Winnie The Pooh “adesso ti posso annegare” mi ha detto e io gli ho risposto “Camomilla non sai nemmeno nuotare”.
In quella settimana sono successe molte cose: qualcuna strana  e qualcuna normale. Ecco qualche esempio: La Susy ha preso una scottatura e quindi ha passato la metà della settimana all’ ombra,  il Renzo non trovava più la Susy perché era andata a fare shopping  e infine a me mi hanno preso per un Asinello che saliva all’ acropoli. Non eravamo da soli ma c’erano anche tanti e tante belle fanciulle: gli animatori e le animatrici che si chiamavano Paolo, Ciccio, Elisa, Laura, Fray e Francesco.  Io , Renzo, Susanna e Paolo eravamo sempre assieme ci chiamavano “Fratelli D’Italia “perché era il nostro motto ma cantavamo tantissime altre canzoni tipo O’saracina, Jamè e tante altre canzoni meridionali. In quella vacanza mi sono divertito  un mondo perché ho conosciuto meglio  le persone che prima conoscevo appena e mi ha fatto stare più tempo con la mia grandissima amica Susanna che è molto gentile e scherzosa. 

Jacopo

Commenti

Post popolari in questo blog

Buon Anniversario Mamma e Papà

Carissimi mamma papà, auguri di buon anniversario. Io sono felice di festeggiare con voi l’anniversario di matrimonio. Vi voglio un sacco di bene. Mamma e papà vi ringrazio di stare affianco a voi. Mamma sei simpatica e sei bravissima a cucinare cose buone. Papà sei simpatico e bravissimo e sei bravissimo a fare le parole crociate. Papà è bellissimo guardare la partita in televisione insieme.
Tanti auguri di buon anniversario da Roby Per mamma e papà Vi voglio tanto bene




LE PAROLE STRANIERE DA ITALIANIZZARE

Oggi giorno nella nostra lingua usiamo un sacco di forestierismi provenienti maggiormente dall’inglese e dal francese. Ce ne sono alcuni che non italianizziamo mai come:

·backgammon = tavola reale ·baseball = pallabase ·biberon = poppatoio ·bob = guidoslitta ·bulldozer = apripista ·bunker = casamatta ·camion = autocarro ·chef = capocuoco ·computer = elaboratore ·container = contenitore ·cowboy = vaccaro ·decoder = decodificatore ·encoder = codificatore ·frac = marsina ·garage = autorimessa ·gilet = panciotto ·guardrail = guardavia ·halibut = ippoglosso ·hamburger = svizzera

LA MIA AMICA ENZA

mia amica Enza Io ho tantissime amiche ma in particolare vi vorrei descrivere Enza . È una brava donna sempre sorridente , è molto abbronzata , la conosco da settembre ma c’è voluto qualche mese per essere suo amico. All’ inizio la chiamavo sempre Signora Enza ma lei mi ha detto di chiamarla solo Enza.  La frequento quasi tutte le mattine e ci sentiamo anche su messanger e whatsapp. Io ho incominciato a frequentarla perché viene in piscina all’ “Oasi” dove vado io. Enza è sposata con il mio amico Antonio e ha due figlie e tre nipoti maschi e una femmina , la femmina ha 7 mesi mentre i maschi sono più grandi. Con Enza qualche volte usciamo anche a mangiare con le nostre amiche Franci, Olga, Gina, Lory e Alberta .Quando facciamo queste cenette partecipano anche i loro mariti Antonio, Luciano e Gianfranco e ci divertiamo proprio tanto. Settimana scorsa mi ha regalato il vino che ha fatto Antonio che io non ho ancora provato, quando vado al mare gli scriverò una bella cartolina. Enza no…