Passa ai contenuti principali

HEIDI




Io guardo pochissimo la televisione ma il mio cartone animato preferito è Heidi. Questo cartone è molto bello e a me e a Mia mamma ci fa rilassare tantissimo.  La storia racconta di questa piccola bambina svizzera di nome Heidi che era una povera orfana e viveva con la zia Dete. Quando aveva 6 anni la zia trova un posto di lavoro a Francoforte quindi non poteva accudirla e quindi la lascia a suo nonno che si chiama Hessen ma lo chiamano tutti “Vecchio dell’alpe “, questo nonno era molto solitario e burbero e viveva in una baita in alto alla montagna con il suo cane Nebbia e le sue caprette Bianchina e Diana. Dopo qualche giorno che Heidi abitava con lui conobbe Peter il ragazzo che portava le capre all’ alpeggio. Dopo qualche anno è tornata Zia Dete dicendo che voleva portare con se Heidi a Francoforte ma Heidi non voleva separarsi dal nonno e da Peter. A Francoforte Zia Dete la porta subito a casa di Clara Seseman. Clara era una bellissima ragazza bionda che non poteva camminare ed era sempre assistista dalla cattivissima signorina Rotermeier. Heidi soffriva di nostalgia e quindi non poteva stare a Francoforte perché se no si ammalava. E quindi il dottore si era accorto che la piccola era molto pallida e sognava sempre il nonno così ordino a Sebastiano il maggiordomo di accompagnare Heidi a casa sua. Heidi era molto felice perché voleva tornare a casa dal Nonno Hessen e da Peter il suo migliore amico ma era anche triste perché doveva lasciare la sua amica Clara, ma Clara le fece una promessa “quando sarà primavera verrò a trovarti”. Quando la piccola arriva a Majefeld il paese del nonno i suoi amici erano tutti felici di rivederla ma Heidi trova tre cambiamenti : uno era il suo letto di fieno che era stato disfatto da suo nonno perché non pensava che tornasse indietro ,la seconda era che Fiocco di neve la sua capretta preferita aveva  avuto una figlia e la terza era che Bianchina la capra del Nonno era incinta. Heidi quell’ inverno incominciò ad andare a scuola con il suo amico Peter e quindi si era trasferita in paese Heidi era bravissima a scuola ma Peter non lo era per niente lui preferiva andare a correre con la slitta. Nel frattempo a casa Seseman Clara era un pochino triste perché voleva andare a trovare la sua amica Heidi e quindi ordinò alla signorina Rotermeier di scrivere un telegramma al papà per digli di tornare a casa. Prima è andato il Dotor Klassen a trovare Heidi e poi ha detto a Clara che poteva andare. Clara e Heidi erano molto contente di rivedersi Clara è stata da Heidi quasi un mesetto e le loro giornate passavano sempre velocemente giocando e facendo esercizi per imparare a camminare. Ma un bel giorno d’estate Clara ha finalmente imparato a camminare da sola e quindi è ritornata a Francoforte.



JACOPO 

Commenti

Post popolari in questo blog

Buon Anniversario Mamma e Papà

Carissimi mamma papà, auguri di buon anniversario. Io sono felice di festeggiare con voi l’anniversario di matrimonio. Vi voglio un sacco di bene. Mamma e papà vi ringrazio di stare affianco a voi. Mamma sei simpatica e sei bravissima a cucinare cose buone. Papà sei simpatico e bravissimo e sei bravissimo a fare le parole crociate. Papà è bellissimo guardare la partita in televisione insieme.
Tanti auguri di buon anniversario da Roby Per mamma e papà Vi voglio tanto bene




LE PAROLE STRANIERE DA ITALIANIZZARE

Oggi giorno nella nostra lingua usiamo un sacco di forestierismi provenienti maggiormente dall’inglese e dal francese. Ce ne sono alcuni che non italianizziamo mai come:

·backgammon = tavola reale ·baseball = pallabase ·biberon = poppatoio ·bob = guidoslitta ·bulldozer = apripista ·bunker = casamatta ·camion = autocarro ·chef = capocuoco ·computer = elaboratore ·container = contenitore ·cowboy = vaccaro ·decoder = decodificatore ·encoder = codificatore ·frac = marsina ·garage = autorimessa ·gilet = panciotto ·guardrail = guardavia ·halibut = ippoglosso ·hamburger = svizzera

LA MIA AMICA ENZA

mia amica Enza Io ho tantissime amiche ma in particolare vi vorrei descrivere Enza . È una brava donna sempre sorridente , è molto abbronzata , la conosco da settembre ma c’è voluto qualche mese per essere suo amico. All’ inizio la chiamavo sempre Signora Enza ma lei mi ha detto di chiamarla solo Enza.  La frequento quasi tutte le mattine e ci sentiamo anche su messanger e whatsapp. Io ho incominciato a frequentarla perché viene in piscina all’ “Oasi” dove vado io. Enza è sposata con il mio amico Antonio e ha due figlie e tre nipoti maschi e una femmina , la femmina ha 7 mesi mentre i maschi sono più grandi. Con Enza qualche volte usciamo anche a mangiare con le nostre amiche Franci, Olga, Gina, Lory e Alberta .Quando facciamo queste cenette partecipano anche i loro mariti Antonio, Luciano e Gianfranco e ci divertiamo proprio tanto. Settimana scorsa mi ha regalato il vino che ha fatto Antonio che io non ho ancora provato, quando vado al mare gli scriverò una bella cartolina. Enza no…