Passa ai contenuti principali

Esperienza con universitari


Carissimi lettori dovete sapere che noi ragazzi del millepiedi ogni anno con i nostri educatori abbiamo la possibilità di fare un esperienza molto bella che ci fa arricchire ogni volta in modo diverso.
Ma voi vi starete chiedendo ma di cosa stanno parlando?ora cercheremo di spiegarvi meglio.
Come già specificato è una cosa che facciamo ogni anno ma solitamente andiamo a farlo fisicamente a Milano.
Grazie ad un invito che ci fa l’università di Milano andiamo a parlare ai ragazzi della figura dell'educatore e della importanza della relazione che si crea con l'utente o con l'educatore stesso.
Questa mattina abbiamo fatto proprio questo con un nostro educatore  ma lo abbiamo fatto in un modo diverso a causa del corona virus  ci siamo collegati su zoom io (Giuseppe), Jacopo, Andrea e Sharon.
Questa esperienza è sempre bella perché ci permette di interagire con gli studenti e i loro prof.

Giuseppe e gli altri ragazzi del Millepiedi

Commenti

Post popolari in questo blog

LE PAROLE STRANIERE DA ITALIANIZZARE (VERSIONE ITALIANA)

Oggi giorno nella nostra lingua usiamo un sacco di forestierismi provenienti maggiormente dall’inglese e dal francese. Ce ne sono alcuni che non italianizziamo mai come “computer”, “mouse”, “hamburger”, “lime”, “marshmallow”, “baseball”, “motel”, “revolver”, “metal detector”, “pacemaker”, “motocross”, “mountain bike”, “bob”, “backgammon”, “guardrail” o “spinnaker”. I corrispettivi italiani di questi forestierismi come “elaboratore”, “topo”, “svizzera”, “limetta”, “toffoletta”, “pallabase”, “autostello”, “rivoltella”, “cercametalli”, “segnapassi”, “motocampestre”, “rampichino”, “guidoslitta”, “tavola reale”, “guardavia” o “fiocco pallone” sono decisamente ormai caduti in disuso e tutto questo ha portato alla definitiva contaminazione della lingua italiana. In Italia però c’è l’Accademia della Crusca di Firenze (sito web: www.accademiadellacrusca.it) che ha lo scopo di salvaguardare la lingua italiana e dal 2015 ha fondato il gruppo Incipit che ha lo scopo di monitorare i forestierismi i…

ITALIANIZING THE FOREIGN WORDS (ENGLISH VERSION)

Everyday in the italian language are importing a lot of borrowed words come mostly from english or french and for this the italians are considered xenophiles because themselves formerly are a people of explorers and navigators. In Italy exists the Accademia della Crusca of Florence that protects the italian language and in 2015 have founded the Incipit group that has the purpose to monitor the incipient loanwords in the phase in which they take place in the italian language like "jobs act", “spending review”, "smart working", "voluntary disclosure", "bail-in", "bail-out", "stepchild adoption", "whistleblower", "flat tax" or "hotspot" and their italian equivalents are "legge del lavoro", “revisione della spesa pubblica”, "lavoro agile", "collaborazione volontaria", "salvataggio interno", "salvataggio esterno", "adozione del configlio", &q…