Passa ai contenuti principali

UN EVENTO MOLTO BRUTTO- COSA NE PENSATE? DA GIUSEPPE

Carissimi lettori, oggi vi voglio parlare di una cosa che mi sta a cuore. Non so chi di voi ha seguito il caso del fratello che ha ucciso la sorella solo perchè la ragazza aveva una relazione con un transessuale. Non si puoò pensare che nel 20piu se a uccidere 0 ci sia ancora questo tipo di chiusura mentale da parte di famiglie che non accettano il fatto che il proprio caro abbia una relazione con una persona dello stesso sesso. Accetto il fatto che non tutti abbiano la mentalità aperta per accettare la cosa, ma non si può morire solo perché si è omosessuale. Se si guarda bene la cosa, è la come se fosse una grossa forma di razzismo, ancora di più se a uccidere è un fratello. No, questa cosa non va bene.



Cosa ne pensate?


Commenti

Post popolari in questo blog

LE PAROLE STRANIERE DA ITALIANIZZARE (VERSIONE ITALIANA)

Oggi giorno nella nostra lingua usiamo un sacco di forestierismi provenienti maggiormente dall’inglese e dal francese. Ce ne sono alcuni che non italianizziamo mai come “computer”, “mouse”, “hamburger”, “lime”, “marshmallow”, “baseball”, “motel”, “revolver”, “metal detector”, “pacemaker”, “motocross”, “mountain bike”, “bob”, “backgammon”, “guardrail” o “spinnaker”. I corrispettivi italiani di questi forestierismi come “elaboratore”, “topo”, “amburghese”, “limetta”, “toffoletta”, “pallabase”, “autostello”, “rivoltella”, “cercametalli”, “segnapassi”, “motocampestre”, “rampichino”, “guidoslitta”, “tavola reale”, “guardavia” o “fiocco a pallone” sono decisamente ormai caduti in disuso e tutto questo ha portato alla definitiva contaminazione della lingua italiana. In Italia però c’è l’Accademia della Crusca di Firenze (sito web: www.accademiadellacrusca.it) che ha lo scopo di salvaguardare la lingua italiana e dal 2015 ha fondato il gruppo Incipit che ha lo scopo di monitorare i forestieris…

LE BANDIERE, I CARTELLI E I LOGHI

La mia passione, oltre a quello delle parole straniere da tradurre in italiano, sono le bandiere, i cartelli e i loghi poiché sono molto belli, colorati e creativi. Dedico molto tempo ad approfondire la conoscenza di questi simboli, mi piace ricercarli in internet specialmente quelli di una volta per guardare com'erano fatti. A casa mia colleziono anche libri dedicati a questi simboli.

La mia prima passione sono le bandiere che sono dei drappi di uno o di più colori variamente disposti, attaccati lungo uno dei lati a un’asta o all’albero della nave su cui vengono innalzati: simboli di una nazione, di un’associazione, di un partito, o insegne di corpi e unità militari. La scienza che studia le bandiere si chiama “vessillologia”, parola coniata da Whitney Smith nel 1959 che è il fondatore americano della FIAV (Federazione Internazionale Associazioni Vessillologiche), cioè la federazione internazionale dedicata alla vessillologia. Per esempio la bandiera dell’Italia è rettangolare col…

ITALIANIZING THE FOREIGN WORDS (ENGLISH VERSION)

Everyday in the italian language are importing a lot of borrowed words come mostly from english or french and for this the italians are considered xenophiles because themselves formerly are a people of explorers and navigators. In Italy exists the Accademia della Crusca of Florence that protects the italian language and in 2015 have founded the Incipit group that has the purpose to monitor the incipient loanwords in the phase in which they take place in the italian language like "jobs act", “spending review”, "smart working", "voluntary disclosure", "bail-in", "bail-out", "stepchild adoption", "whistleblower", "flat tax" or "hotspot" and their italian equivalents are "legge del lavoro", “revisione della spesa pubblica”, "lavoro agile", "collaborazione volontaria", "salvataggio interno", "salvataggio esterno", "adozione del configlio", &q…