Passa ai contenuti principali

UN GRUPPO MUSICALE ROCK FEMMINILE ITALIANO NON MOLTO CONOSCIUTO OVVERO “LE RIVOLTELLE”


Esiste un gruppo musicale rock femminile italiano non molto conosciuto che ha usato il nome italiano del revolver al plurale ovvero “Le Rivoltelle” e vengono dalla Calabria precisamente dalla provincia di Cosenza. Il gruppo è nato nel 2005 ed è composto dalla cantante Elena Palermo, la bassista Alessandra Turano, la batterista Paola Aiello e la chitarrista Angela Massafra. Hanno esordito nel 2010 con la canzone “La Notte” (collegamento: https://www.youtube.com/watch?v=fhtvdBIMyqY), che fu una cover del cantante italo-belga Salvatore Adamo. Nel 2011 hanno pubblicato l’album “Donne Italiane” in occasione dei 150 anni dell’unità d’Italia. L’anno successivo ovvero nel 2012 hanno pubblicato l’album omonimo “Le Rivoltelle” di cui è stato anticipato il singolo “Taglia 38” (collegamento: https://www.youtube.com/watch?v=cY0QaJbFIMs), che è una canzone che mi piace moltissimo. Altre canzoni famose sono “Guarda che luna”, “Io non mi inchino”, “Vivere”, “Se mi lasci non vale” e così via. Peccato che non è così famoso questo gruppo rock femminile dato che magari la musica non è piacevole, che fanno paura oppure per il nome del gruppo che utilizza una parola italiana poco usata nel linguaggio comune per il fatto che si preferisce adoperare il corrispettivo inglese che poi quasi tutte le radio italiane non le trasmettono mai una loro canzone. Speriamo che un giorno le radio italiane trasmetteranno le loro canzoni in modo di diffondere anche all’estero questo gruppo musicale. In più all’estero sono conosciute pochissimo soltanto in Belgio dato che hanno fatto due concerti in collaborazione con Salvatore Adamo. Per di più potete visitare anche il loro sito: http://www.lerivoltelle.it/.
Daniel

Commenti

Post popolari in questo blog

LE PAROLE STRANIERE DA ITALIANIZZARE (VERSIONE ITALIANA)

Oggi giorno nella nostra lingua usiamo un sacco di forestierismi provenienti maggiormente dall’inglese e dal francese. Ce ne sono alcuni che non italianizziamo mai come “computer”, “mouse”, “hamburger”, “lime”, “marshmallow”, “baseball”, “motel”, “revolver”, “metal detector”, “pacemaker”, “motocross”, “mountain bike”, “bob”, “backgammon”, “guardrail” o “spinnaker”. I corrispettivi italiani di questi forestierismi come “elaboratore”, “topo”, “svizzera”, “limetta”, “toffoletta”, “pallabase”, “autostello”, “rivoltella”, “cercametalli”, “segnapassi”, “motocampestre”, “rampichino”, “guidoslitta”, “tavola reale”, “guardavia” o “fiocco pallone” sono decisamente ormai caduti in disuso e tutto questo ha portato alla definitiva contaminazione della lingua italiana. In Italia però c’è l’Accademia della Crusca di Firenze (sito web: www.accademiadellacrusca.it) che ha lo scopo di salvaguardare la lingua italiana e dal 2015 ha fondato il gruppo Incipit che ha lo scopo di monitorare i forestierismi i…

ITALIANIZING THE FOREIGN WORDS (ENGLISH VERSION)

Everyday in the italian language are importing a lot of borrowed words come mostly from english or french and for this the italians are considered xenophiles because themselves formerly are a people of explorers and navigators. In Italy exists the Accademia della Crusca of Florence that protects the italian language and in 2015 have founded the Incipit group that has the purpose to monitor the incipient loanwords in the phase in which they take place in the italian language like "jobs act", “spending review”, "smart working", "voluntary disclosure", "bail-in", "bail-out", "stepchild adoption", "whistleblower", "flat tax" or "hotspot" and their italian equivalents are "legge del lavoro", “revisione della spesa pubblica”, "lavoro agile", "collaborazione volontaria", "salvataggio interno", "salvataggio esterno", "adozione del configlio", &q…