Passa ai contenuti principali

LA PAROLA “MOTOCAMPESTRE” PRONUNCIATA NEI MEDIA È INTROVABILE

La parola “motocampestre”, ovvero l’equivalente italiano dell’anglicismo “motocross”, non si trova pronunciata in nessun video o podcast tranne in due video su un sito di cinegiornale svizzero, in cui nel primo datato 1952 parla in tedesco sottotitolato in italiano e nel secondo datato 1953 parla in italiano dove compare la scritta “motocampestre” come titolo senza neanche una volta pronunciare la stessa parola durante il filmato (collegamento: https://www.memobase.ch/it#find/query=motocampestre), e in più in un cinegiornale italiano censurato datato 1949 che è stato perso negli anni compare scritto in un resoconto salvato in un file PDF (il collegamento non ve lo mostriamo perché si tratta di un sito pericoloso in cui devi avere 18 anni), ma intanto come si fa a trovarlo in un video o podcast in cui viene pronunciata la parola “motocampestre”??? Probabilmente è stato una parola italiana che non ha avuto successo dato che il motocross è uno sport di origine inglese e abbastanza recente (dal 1948 l’anglicismo “motocross” è entrato a far parte del dizionario italiano) e nessuno per ragioni sconosciute vuole usare un termine italiano. Il termine italiano “motocampestre” è registrato nel dizionario italiano a partire dal 1965 circa. Ma se volete sapere cose sulla motocampestre dovete per forza scrivere quella parola inglese internazionale altrimenti se scrivete “motocampestre” (o anche “moto campestre”) vi dà pochissimi risultati (circa una decina) senza darti neanche un video o un podcast in cui pronunciano questo termine italiano molto raro. Però invece qualcuno chiama il ciclocross (l’antenato del rampichino) col termine italiano “ciclocampestre” dato che si tratta di uno sport poco conosciuto nei paesi anglofoni ma molto popolare in Italia e si tratta anche di uno sport molto vecchio. In più c’è anche un forum delle Cruscate dedicato all’anglicismo “motocross” in cui perché nessuno vuole adoperare il termine “motocampestre” in cui potete andare al link: https://www.achyra.org/cruscate/viewtopic.php?t=6330. Quindi se vogliamo diffondere la parola “motocampestre” in un video o podcast in cui viene pronunciata scrivetelo sotto nei commenti.

Daniel

 

 

Commenti

Post popolari in questo blog

LE PAROLE STRANIERE DA ITALIANIZZARE (VERSIONE ITALIANA)

Oggi giorno nella nostra lingua usiamo un sacco di forestierismi provenienti maggiormente dall’inglese e dal francese. Ce ne sono alcuni che non italianizziamo mai come “computer”, “mouse”, "byte", "router", “hamburger”, “lime”, "halibut", “marshmallow”, “baseball”, “motel”, “revolver”, “metal detector”, “pacemaker”, “motocross”, “mountain bike”, “bob”, “backgammon”, “guardrail”, "hovercraft" o “spinnaker”. I corrispettivi italiani di questi forestierismi come “elaboratore”, “topo”, "ottetto", "instradatore", “svizzera”, “limetta”, "ippoglosso", “toffoletta”, “pallabase”, “autostello”, “rivoltella”, “cercametalli”, “segnapassi”, “motocampestre”, “rampichino”, “guidoslitta”, “tavola reale”, “guardavia”, "aeroscafo" o “fiocco a pallone” sono decisamente ormai caduti in disuso e tutto questo ha portato alla definitiva contaminazione della lingua italiana. In Italia però c’è l’Accademia della Crusca di Firen

LE BANDIERE, I CARTELLI E I LOGHI

La mia passione, oltre a quello delle parole straniere da tradurre in italiano, sono le bandiere, i cartelli e i loghi poiché sono molto belli, colorati e creativi. Dedico molto tempo ad approfondire la conoscenza di questi simboli, mi piace ricercarli in internet specialmente quelli di una volta per guardare com'erano fatti. A casa mia colleziono anche libri dedicati a questi simboli. La mia prima passione sono le bandiere che sono dei drappi di uno o di più colori variamente disposti, attaccati lungo uno dei lati a un’asta o all’albero della nave su cui vengono innalzati: simboli di una nazione, di un’associazione, di un partito, o insegne di corpi e unità militari. In particolare preferisco moltissimo le bandiere nazionali del passato. La scienza che studia le bandiere si chiama “vessillologia”, parola coniata da Whitney Smith nel 1959 che è il fondatore americano della FIAV (Federazione Internazionale Associazioni Vessillologiche), cioè la federazione internazionale dedicata

ITALIANIZING THE FOREIGN WORDS (ENGLISH VERSION)

Everyday in the italian language are importing a lot of borrowed words come mostly from english or french and for this the italians are considered xenophiles because themselves formerly are a people of explorers and navigators. In Italy exists the Accademia della Crusca of Florence that protects the italian language in order to make it pure and in 2015 have founded the Incipit group that has the purpose to monitor the incipient loanwords in the phase in which they take place in the italian language like "jobs act", “spending review”, "smart working", "voluntary disclosure", "bail-in", "bail-out", "stepchild adoption", "whistleblower", "flat tax" or "hotspot" and their italian equivalents are "legge del lavoro", “revisione della spesa pubblica”, "lavoro agile", "collaborazione volontaria", "salvataggio interno", "salvataggio esterno", "adozio