Passa ai contenuti principali

I RICORDI DELLE DUE GITE DI CESENATICO COL MILLEPIEDI

Sono andato due volte a Cesenatico: uno era l’anno scorso nel 2017 e la seconda quest’anno nel 2018. Cesenatico è una città situata sul mare ed è in provincia di Forlì-Cesena in Emilia-Romagna e c’era un bellissimo albergo chiamato Stella Marina. Sono andato col pullman sia all’andata che al ritorno. L’autista dell'autobus quest’anno era molto freddo mentre quello dello anno scorso era molto più gentile. Abbiamo fatto l’autostrada A8 Milano-Varese, A50 tangenziale ovest di Milano, A1 Milano-Napoli e A14 Bologna-Taranto per arrivare a Cesenatico col pullman e facevamo solo una volta una sosta all’Autogrill sia all’andata che al ritorno. All’Autogrill spesso prendevo il cappuccino oppure le barrette di cioccolato e andavo in bagno molto raramente poiché c’erano le radio che parlavano in italiano con parole straniere oppure in inglese quando c’era l’ospite straniero in cui veniva intervistato. Sul pullman all’andata ascoltavano le canzoni sul cd fatte dai ragazzi a computer al Millepiedi tramite un libro del canzoniere dove si cantava tutto ciò che era scritto mentre al ritorno si guardava un film in dvd, ma questo a me m’infastidiva molto e usavo le cuffie del mio cellulare per ascoltare i file audio in italiano registrati nella memoria del mio telefonino stesso. Arrivati all’albergo Stella Marina di Cesenatico mangiavamo al ristorante sia a pranzo che a cena pasta al pomodoro, risotto alla pescatora, pasta al pesto, risotto agli asparagi (incluso anche il formaggio da grattugiare), pane, carne, pesce, verdure (spinaci, carote, pomodori secchi, cetrioli, patate, fagiolini, piselli, mais), patatine, hamburger, dolci (budini e gelati) e frutta (kiwi, banane, macedonia) e bevevamo acqua (in brocca da versare nei bicchieri) e caffè. A colazione si mangiava e si beveva sempre al ristorante cornflakes, Rice Krispies al cioccolato, muesli, yogurt, cornetti vuoti da spalmare (sia con nutella che con marmellata), panini con salame, formaggio e prosciutto, latte, caffè, tè, succo d’arancia e succo di pompelmo. Il cibo era molto delizioso. Ho conosciuto una bella ragazza di nome Sofia che lei stessa ha messo la canzone dell’albergo di Cesenatico come una sorta di colonna sonora ovvero “Mare sole” di Beto Bahia, che a me mi sembrava noiosa ed era per il tema del 2018 di Cesenatico, ma poi conoscevo un signore di nome Giuseppe, un signore molto gentile che faceva l’albergatore, che una volta mi raccontò che erano venuti degli attori stranieri della celebre saga cinematografica americana di Guerre Stellari dieci anni fa a Cesenatico a fargli delle interviste da parte di alcuni amanti italiani che avevano fatto un sorta di fan club italiano dedicato a Star Wars chiamato YavinCon ed inoltre lui stesso aveva fatto una foto sul giornale con l’attore di R2-D2 ovvero Kenny Baker a quell’epoca (lo vidi tutto sui giornali appesi sul muro dell’albergo messi su una specie di vetro protettivo). Poi lui aveva anche un bar dove ogni tanto compravo merendine, coca-cola e caffè ed inoltre c’erano dei giochi come calcio-balilla, macchinette per vincere peluche, flipper e una pista da corsa per automobili e fuori c’era un palcoscenico, parco giochi e una piscina, dove l’ultimo giorno del ritorno a San Fermo avevo fatto il bagno, ma l’acqua era freddissima. Tutti i giorni andavamo alla spiaggia e stavo sempre sulla sedia a sdraio oppure per terra sull’asciugamano e obbligatoriamente mi mettevo la crema poiché avevo paura delle meduse che trovavo in acqua e non mi piaceva affatto quando mi entrava le conchiglie e i sassolini sui miei piedi attorno alla sabbia che mi faceva molto male e facevo pochissimo il bagno nell’acqua; alla fine mi bagnavo con l’acqua le mani e i piedi nella doccia della spiaggia per pulirmi oppure lo facevo nella doccia dell’albergo. Vedevo che facevano windsurf e kitesurf nell’acqua e tutti gli altri facevano anche uno sport chiamato aquagym ovvero la ginnastica acquatica e mettevano la musica per rilassarsi oppure facevano altri giochi sempre in spiaggia. Mentre ero lì parlavo che io volevo essere in un video di YouTube per parlare delle parole straniere usate dagli italiani ma raccontavo a loro che i miei genitori mi avevano detto tutti di no poiché secondo loro risultava troppo pericoloso e poi lo vorrei farlo solo quando il Millepiedi avrà creato un loro canale YouTube in futuro. Dormivo insieme in camera con Marco Palladini, Alessandro Croci, Simone Breda e Lua Mathlouthi (l’anno scorso invece dormivo con Marco Palladini, Mauro Capriuoli, Alessandro Croci e Stefano Antoni) però durante la notte faceva troppo caldo e si soffocava e una sera guardavano la tv per vedere la finale di Amici su Canale 5 e io mi mettevo come al solito le cuffie col cellulare e mettevo un mio file audio in italiano registrato nella memoria del telefonino (quando sento cose in italiano con parole straniere, in inglese od in altre lingue poiché a me m’infastidisce). Durante le sere andavamo al centro di Cesenatico a fare delle passeggiate vicino al canale oppure compravamo dei souvenir o dei cibi e delle bibite; per esempio compravo la coca-cola biologica al bar del centro di Cesenatico ed era buonissima e gli altri invece si compravano quasi tutti il gelato. Ho comprato come souvenir un megafono, una tazza di Cesenatico, un oggetto di Cesenatico da appendere sul frigorifero e mi hanno pure regalato un braccialetto colorato. L’anno scorso abbiamo fatto anche il giro sul traghetto che arriva dall’altra parte della sponda del canale al centro di Cesenatico e vedevamo gli artisti di strada in cui a me m’annoiavano tanto. Ho fatto anche un giro sul trenino a forma di bruco ed era molto divertente e poi l’autista mi ha portato con l'autobus sul ponte mobile di Cesenatico in via Anita Garibaldi che io l’avevo già passato una decina di anni fa intorno ai primi mesi del 2007 con i miei genitori però ancora oggi mancava il segnale stradale del ponte mobile per quale motivo non lo so. Infatti Giuseppe mi raccontava anche che quel ponte mobile non si apriva mai ed era inutile poiché fu un spreco di denaro e al suo posto dovevano farci un traghetto come al centro di Cesenatico. Facevamo anche una sera al palcoscenico dell’albergo per cantare delle canzoni tutti insieme e a me m’annoiava così io chiacchieravo con gli educatori come quando ero alla spiaggia. Infine ho anche conosciuto per poco Gennaro il cameriere del ristorante dell’albergo dopo che era finito all’ospedale per motivi di salute che era così gentile e mi raccontava che era stato anche a New York con i suoi amici e anche gli spiegavo sempre a lui come mai serviva le verdure come antipasto sia a pranzo che a cena invece della carne e del pesce. Usavo anche il mio cellulare per andare su internet come quando sono a casa per passare il tempo. Inoltre mi piaceva tanto parlare al megafono di Marco Palladini per fare dei bellissimi annunci come esclamazioni o sempre riguardo alle parole straniere da tradurre in italiano e mi filmava col suo cellulare per ricordarmi. A me mi sarebbe piaciuto se tornavamo in Grecia, il paese in cui feci la gita con la mia scuola superiore di Gazzada Schianno (in cui era presente anche Letizia Menzaghi) nel 2009 poiché era molto più bella ed affascinante rispetto a quelle delle due gite di Cesenatico. Speriamo che si farà l’anno prossimo ovvero nel 2019.






Daniel

Commenti

Post popolari in questo blog

L'ITALIANIZZAZIONE DELLE PAROLE STRANIERE

Forestierismi: - backgammon = tavola reale - baseball = pallabase - bob = guidoslitta - byte = ottetto - computer = elaboratore - guardrail = guardavia - halibut = ippoglosso - hamburger = svizzera - lime = limetta - marshmallow = toffoletta - metal detector = cercametalli - motel = autostello - motocross = motocampestre - mountain bike = rampichino - mouse = topo - pacemaker = segnapassi - router = instradatore - spinnaker = fiocco a pallone Acronimi stranieri: - AIDS = SIDA (sindrome da immunodeficienza acquisita) - DNA = ADN (acido desossiribonucleico) - RNA = ARN (acido ribonucleico) - UFO = OVNI (oggetto volante non identificato) Toponimi stranieri: - Bruxelles = Brusselle - Mauritius = Maurizio - New York = Nuova York - Seychelles = Seicelle Antroponimi stranieri: - Charles Darwin = Carlo Darwin - George Washington = Giorgio Washington - Isaac Newton = Isacco Newton - William Shakespeare = Guglielmo

LA PAROLA “MOTOCAMPESTRE” PRONUNCIATA NEI MEDIA È INTROVABILE

La parola “motocampestre”, ovvero l’equivalente italiano dell’anglicismo “motocross”, non si trova pronunciata in nessun video o podcast, ad eccezione che nelle descrizioni di due video dove compare soltanto scritto, su un sito di un cinegiornale svizzero. Nel primo datato 1952 parla in tedesco sottotitolato in italiano e nel secondo datato 1953 parla in italiano dove compare soltanto la scritta “motocampestre” come titolo, senza neanche una volta pronunciare la stessa parola durante il filmato (collegamento: https://www.memobase.ch/it#find/query=motocampestre ), e in più in un cinegiornale italiano censurato datato 1949 che è stato poi perso negli anni compare scritto con il titolo "gara moto-campestre" nell'indice dei servizi dove è stato successivamente inserito in un libro del 2009 scaricabile in un file PDF da un sito di un archivio audiovisivo italiano (collegamento: https://www.aamod.it/wp-content/uploads/2016/09/AAMOD-annale-11_2008_integrale.pdf ), ma intanto com

LE BANDIERE, I CARTELLI E I LOGHI

La mia passione, oltre a quello delle parole straniere da tradurre in italiano, sono le bandiere, i cartelli e i loghi poiché sono molto belli, colorati e creativi. Dedico molto tempo ad approfondire la conoscenza di questi simboli, mi piace ricercarli in internet specialmente quelli di una volta per guardare com'erano fatti. A casa mia colleziono anche libri dedicati a questi simboli. La mia prima passione sono le bandiere che sono dei drappi di uno o di più colori variamente disposti, attaccati lungo uno dei lati a un’asta o all’albero della nave su cui vengono innalzati: simboli di una nazione, di un’associazione, di un partito, o insegne di corpi e unità militari. In particolare preferisco moltissimo le bandiere nazionali del passato. La scienza che studia le bandiere si chiama “vessillologia”, parola coniata da Whitney Smith nel 1959 che è il fondatore americano della FIAV (Federazione Internazionale Associazioni Vessillologiche), cioè la federazione internazionale dedicata