venerdì 30 settembre 2022

LA MIA SECONDA VOLTA AD IGEA MARINA

Dopo due anni di covid siamo tornati ad Igea Marina e quando eravamo sul torpedone Marco con la sua chiavetta ci ha messo la mia canzone preferita “Guardavia” di “Mal di mare”, io sapevo cantare a modo mio. Ci eravamo fermati in un’area di servizio e avevo mangiato due o tre panini con formaggio, prosciutto, mortadella e salame, avevamo bevuto acqua ed eravamo andati dentro l’autogrill per prendere un caffè o per andare in bagno. Dopo essere arrivati in albergo ci eravamo sistemati e avevamo mangiato e bevuto primi piatti, secondi piatti, antipasti, acqua, dolci, frutta e caffè sia a pranzo che a cena. Dopo andavamo in spiaggia e io quella volta avevo un pochino nuotato in acqua solo perché gli educatori mi avevano consigliato di venire con loro. Poi ero entrato in piscina, perché l’acqua era meglio rispetto a quella del mare dato che non c’erano animali o alghe, e mi divertivo moltissimo. Alla sera uscivamo nei bar e io prendevo la panaché oppure il caffè d’orzo ed erano abbastanza buoni. Dormivo in camera con Marco, Alessandro e Giuseppe, ma preferivo dormire con un altro educatore perché tutti gli anni in vacanza ho dormito con lui. Il penultimo giorno, in serata, eravamo rimasti in hotel a cantare e Martina mi riprendeva col cellulare mentre cantavo la canzone “Guardavia” di “Mal di mare” col microfono di Marco per due volte, ed era molto bello. Per colazione io mangiavo un cornetto che dovevo spalmare con marmellata oppure con nutella, una fetta di torta e bevevo cappuccino, acqua e succo di frutta. Una mattina mentre eravamo andati a fare il bagno in piscina Marco ci ha messo la musica e io ero scioccato perché c’era la canzone “Giovani wannabe” dei Pinguini Tattici Nucleari e durante la canzone hanno usato l’anglicismo “guardrail” al posto di “guardavia”, il che mi faceva tanto arrabbiare. L’ultimo giorno invece siamo andati col bus a fare shopping e io avevo preso in un negozio due souvenir e poi ci siamo fermati in un bar a fare un aperitivo. Più tardi siamo partiti per tornare a casa e io sul pullman avevo detto più volte a Giorgio di non mettere il dvd di “Aladdin” perché usavano anglicismi durante il doppiaggio italiano oppure c’erano parti in inglese come parlato e cantato, così lui ci rimase male, e allora Marco ci ha messo ancora una volta o due la canzone “Guardavia” di “Mal di mare” per accontentarmi. Poi ci siamo fermati in area di servizio per mangiare gallette e biscotti e bere acqua, ed infine siamo andati in bagno dentro l’autogrill. Speriamo che l’anno prossimo si faranno più giorni in vacanza.

Daniel



LE MIE VACANZE QUOTIDIANE A CEFALÙ

Come ogni anno andiamo a Cefalù io, mamma e papà in automobile facendo le autostrade A8 Milano-Varese, A50 tangenziale ovest di Milano, A1 Milano-Napoli, A30 Caserta-Salerno, A2 Salerno-Reggio Calabria e attraversando col traghetto Villa San Giovanni-Messina prendiamo l’altra autostrada A20 Messina-Palermo, perché abbiamo una casa in contrada Campella che venne ereditata dal mio nonno Pasquale, è molto bella la campagna del posto dove tempo fa facevo i segnali stradali di carta. Quest’anno invece di fare le autostrade per il Tirreno, abbiamo preso l’Adriatico ovvero l’autostrada A14 Bologna-Taranto, ma era molto più lunga rispetto alle altre. Ogni volta che dobbiamo andare a Cefalù c’è da fare circa 15 ore di auto, poi fermarci in una specie di autostello a Rogliano ovvero l’albergo Carpino dove mi dà fastidio che papà accende la tv prima di andare a letto. Il giorno dopo prendiamo il traghetto da Villa San Giovanni a Messina, siccome mi dà fastidio che fanno gli annunci bilingue italiano-inglese col volume alto, mi metto le cuffie del furbofono (parola italiana poco usata per “smartphone”) quando dobbiamo scendere dall’auto mentre il ferry-boat si mette in moto. Arrivati in Sicilia trovo sempre i trafori odoranti di zolfo, sono allagati con le pozzanghere e le illuminazioni del tunnel sono spente, a tratti bisogna passare tramite lo spartitraffico quando la corsia è interrotta sull’autostrada A20 Messina-Palermo, poi dentro il lungomare, il corso di Cefalù è sempre affollato di turisti stranieri e fa troppo caldo, mentre ci cammino ci sono quei mezzi turistici simili alle auto da golf che non fanno nessun rumore e secondo me sono un pericolo per uno che non li sente o li vede, per questo anche là metto le cuffie del telefono per evitare di andare fuori di testa per le parole. Un giorno mentre eravamo in campagna lo zio Giovanni aveva parlato di Cristina e Pasquale che avevano strisciato con l’auto il guardavia a Gibilmanna, ma lui disse con la parola inglese “guardrail” e io con insistenza convinsi Giovanni ad usare “guardavia” e poi mi diede ragione e cominciò ad usarlo con fatica. Mi piaceva mangiare a Cefalù panini con le panelle, calzoni col würstel, panini con la milza, arancini col ragù, arancini col prosciutto e mozzarella, pasta col tomato e ricotta, pasta col pesto e ricotta, cosi chini (un tipo di biscotti tipici di Castelbuono), cannoli con la crema, sfincioni, pizza con mortadella, rucola e burrata, cornetti al cioccolato, cornetti ai frutti di bosco e bevevo acqua naturale e frizzante, panaché, caffè dolcegusto, tè col latte, cappuccino e latte macchiato. Parlavo con tutti a Cefalù di una specie di legume desueto perché non mi ricordavo cosa fosse e aveva un nome strano in siciliano che in rete è introvabile: cioè “iangazzi”, perché loro non sapevano come si scriveva e cosa significava in italiano, e io ci rimasi confuso. L’amico di papà che fa l’elettricista e l’apicoltore si chiama Giovanni ed è molto simpatico, sa un sacco di cose sulle parole e ogni anno ci dava in regalo il miele, ma quest’anno non ce lo avevo dato perché forse non lo aveva fatto. Anche lo zio Giovanni è molto simpatico, però non sa molto sulle parole. Ogni giorno andavo alla spiaggia e non mi piaceva nuotare perché c’erano nell’acqua pesci, granchi e meduse, e preferivo stare quasi tutto il tempo sulla sabbia con l’asciugamano, anche se ho nuotato un pochino con mia mamma. Alla sera andavamo al lungomare e al corso di Cefalù a camminare oppure prendevamo qualcosa da mangiare e da bere, ma io mettevo le cuffie per non sentire la gente parlare in lingue diverse. Un giorno eravamo andati a Castelbuono e ho mangiato in un ristorante pasta al ragù di maialino selvatico e come dolce ho mangiato la testa di turco ed erano entrambi abbastanza buoni. Un giorno eravamo andati al Forum di Palermo e ho mangiato in una specie di rosticceria chiamato “Coppola & Meusa” panini con la milza, panini con le panelle e pasta al forno. Un giorno papà aveva comprato uno scooter in un negozio di moto per usarlo quando lui va da solo a Cefalù. Spesso papà va da solo a Cefalù sia con l’auto che con l’aereo. A Rogliano c’è pure un buonissimo bar di nome “Ciardullo” vicino all’hotel Carpino dove fanno buonissimi cornetti, cappucci, caffè e latti macchiati, ma questa volta non ci siamo andati perché era chiuso sia all’andata che al ritorno.

Daniel



venerdì 23 settembre 2022

TORTA DI MELE E MASCARPONE

 La torta di mele e mascarpone è un'alternativa alla classica ricetta ma senza burro e olio che vengono sostituiti dal mascarpone. Prepariamola insieme.




 


ingredienti 


Mele Golden 400 g

Mascarpone 200 g

Farina 00 250 g

Zucchero 150 

Uova (circa 2) 120 g

Lievito in polvere per dolci 16 g

Baccello di vaniglia 1

Sale fino 1 pizzico

PER LA TEGLIA

Burro q.b.

Farina 00 q.b.     

Preparazione

Tagliare le mele a pezzetti.

Sbattere zucchero e le uova con la frusta, aggiungere un pizzico di sale, la farina, il mascarpone e la mela a pezzi.

Ungere la teglia con il burro e un poco di farina.

Infornare a 180 gradi per 40 minuti

Giorgio

Il matrimonio di Giuseppe e Cristina

 

Finalmente è arrivato dopo tantissime prove il grande giorno delle nozze di Giuseppe il nostro maestro di canto e Cristina una nostra corista. Alla mattina ci siamo trovati alle 8:30 alla banca ma io e mia mamma abbiamo beccato la nostra autista Gabriella nel piazzale della cartoleria eravamo in macchina io, mamma , Gabriella e Graziella poi siamo andati a Induno a prendere la mitica e simpaticissima Angela dopo circa mezzora siamo arrivati a destinazione dopo un buonissimo caffè al bar abbiamo iniziato le prove purtuppo mancava la mitica Vittoria (Rina) che aveva la febbre tra i due cori eravamo una 60 io ero vicino a Luciano Francesco e Augusto. La messa è stata molto bella la sposa era bellissima con un velo lunghissimo è arrivata 15 minuti di ritardo, quando abbiamo finito abbiamo fato l’uscita da chiesa con delle note musicali fatte su dei cartoncini io ero in coppia con Alessandra la più bella di tutte le coriste e poi ci siamo andati al ristorante Alessandra faceva molta fatica perché non aveva portato le scarpe di ricambio e quindi gli facevamo male i piedi io gli ho proposto di aiutarla a scendere le scale perché erano molto ripide. Al tavolo eravamo io Marzia, Ileana , Angela , Gabriella e Graziella ridevamo come dei pazzi e chiacchieravamo di tutto soprattutto di Squadre Calcistiche e Catechismo Gabriella era la mia Baby siter e catechista io ho mangiato Bresaola Patate e tiramisù era tutto molto buono. Al ritorno ho proposto ad Alessandra se voleva la portavo in spagnoletta fino alle macchine in macchina abbiamo ripreso i discorsi è Gabriella mi ha detto che suo marito Lorenzo sta diventando un appassionato di pesca. A casa dopo esserci rinfrescati e mangiato una super piadina ci siamo ritrovati alla banca alle 18:45 questa volta mancavamo Gabriella e Graziella ma c’era mio papà siamo andati a prendere Angela e siamo partiti per il ristorante lago dei salici villa Puccini 2 a Cassano Magnago la serata è stata molto divertente ci siamo vestiti da suore e frati , abbiamo cantato e ballato io ho ballato con Alessandra e Camilla poi c’erano i balli di gruppo la bomba e tantissimi altri a me è dispiaciuto tantissimo per la mia amica Rina che non è potuta venire verso le 10:00 siamo rientrati è stata proprio bellissima giornata mi sono divertito tantissimo grazie Giuseppe e Cristina

Jacopo


DOPPIAGGIO IN SINCRONO, DOPPIAGGIO FUORI CAMPO E SOTTOTITOLI

Il doppiaggio è quello che permette in modo tecnico mediante prodotti audiovisivi (cartoni animati, telefilm, videogiochi, film o documentari) di sostituire la colonna sonora originale, sia parlata o cantata del prodotto stesso con la traduzione relativa di un’altra lingua straniera. Spesso esistono due tipi di doppiaggi: in sincrono oppure fuori campo (detto anche all’inglese “voice over” oppure più comunemente “oversound”).

Il doppiaggio in sincrono è quando viene completamente sostituito la voce originale dell’attore con quello del doppiatore e viene utilizzato spesso in film, serie tv e videogiochi.

Invece il doppiaggio fuori campo è quando la voce originale dell’attore non viene totalmente sostituita e si sovrappone a quella del doppiatore, rimanendo la voce originale in sottofondo e viene utilizzato spesso in interviste e documentari.

I sottotitoli sono invece delle scritte poste nella parte inferiore del teleschermo e si utilizzano per tradurre i dialoghi in lingua diversa da quella della colonna sonora per chi non è in grado di comprendere la lingua originale per motivi di costi o di scelta (spesso le interviste, le pubblicità oppure i videogiochi).

Il doppiaggio italiano dei film e serie tv stranieri è quello naturalmente più diffuso (invece nei paesi anglofoni utilizzano più i sottotitoli tranne i film e serie tv stranieri per bambini che sono quasi sempre doppiati in inglese) e io personalmente conosco doppiatori come:

 

·      Marco Balzarotti (ha doppiato Giniu in Dragon Ball Z, Yokomizo in Detective Conan, Nick Mattone in Isola Lego, Dallas in Ratchet: Gladiator)

·      Riccardo Rovatti (ha doppiato Majinbu in Dragon Ball Z, Megure in Detective Conan, Dr. Nefarious in Ratchet & Clank 3),

·      Elda Olivieri (ha doppiato Lara Croft da Tomb Raider 2 a Tomb Raider Underworld)

·      Pietro Ubaldi (ha doppiato Gleeman Vox in Ratchet: Gladiator)

·      Antonio Paiola (ha doppiato Papà Mattoncelli in Isola Lego)

·      Silvana Fantini (ha doppiato entrambi Pepe e Mamma Mattoncelli in Isola Lego)

·      Roberta Gallina (ha doppiato Laura Mattone in Isola Lego)

·      Luca Sandri (ha doppiato Gis in Dragon Ball Z e il Briccone in Isola Lego)

·      Giorgio Melazzi (ha doppiato l’Informatto in Isola Lego)

·      Carlo Bonomi (ha doppiato Pingu, La Linea e Capitano Rom in Isola Lego)

·      Raffaele Fallica (ha doppiato Werner Von Croy in Tomb Raider 4 e Tomb Raider 5, e Leonardo in Isola Lego)

·      Claudio Moneta (ha doppiato Pieter Van Eckhardt in Tomb Raider: The Angel Of Darkness)

·      Paolo Sesana (ha doppiato Kurtis Trent in Tomb Raider: The Angel Of Darkness)

·      Simone D’Andrea (ha doppiato Trunks in Dragon Ball Z e Ratchet in Ratchet & Clank)

·      Aldo Stella (ha doppiato Guldo in Dragon Ball Z e Clank in Ratchet & Clank)

·      Roberto Del Giudice (ha doppiato Lupin in Lupin III)

·      Ferruccio Amendola (ha doppiato Sylvester Stallone e Robert De Niro)

·      Mino Caprio (ha doppiato Peter Griffin ne I Griffin)

·      Tonino Accolla (ha doppiato Homer Simpson ne I Simpson)

·      Paolo Torrisi (ha doppiato Goku adulto in Dragon Ball Z)

  

    Io critico il doppiaggio quando utilizzano le parole straniere (tipo “computer” o “mouse”) e secondo me il miglior doppiaggio in italiano è quello di Megaforce del 1982, proprio perché in una scena hanno detto “elaboratore” al posto di “computer”.

    Il doppiaggio italiano è nato nel 1932 a Roma durante il Fascismo per le persone analfabete che non erano proprio in grado di seguire i film sottotitolati, mentre dagli anni 1980 è nata quella milanese quando Fininvest iniziò ad affidare le edizioni italiane dei cartoni animati mandati in onda sulle tre reti televisive dovuto alle cooperative di doppiaggio milanesi (in gran parte alla Merak Film). Spesso anche i film e serie tv italiani quando c’è un attore straniero poi viene doppiato da un doppiatore italiano per motivi che non conosce la lingua italiana (es. Paolo Ferrari doppia Jean-Louis Trintignant in Il Sorpasso e Claudia Catani doppia entrambe Katharina Böhm e Lina Perned in Il Commissario Montalbano). Infine esiste anche un sito web dedicato ai doppiatori italiani ed è "Il mondo dei doppiatori" andando al link: https://www.antoniogenna.net/doppiaggio/. C'è pure un blog sulle critiche del doppiaggio italiano dei film stranieri che si chiama "Doppiaggi italioti" ma per andarci cliccate su: https://doppiaggiitalioti.com/.

Daniel

La mia vacanza a Kelibia


Finalmente è arrivato il 15 agosto grande giorno di partenza per me e i miei genitori dopo esserci lavati e vestisti siamo partiti per Milano Malpensa destinazione Tunisi. All’aeroporto c’era un sacco di gente e tantissima coda per i controlli dopo avere fatto colazione con un buon panino con la Mortadella siamo partiti, il viaggio è durato un’ora e mezza arrivati a Tunisi ci sono volute altre due ore di coda per i passaporti e altre due per arrivare al villaggio. Il Villagio si chiama Kelibia ed è di fronte a Pantelleria li ci aspettavano gli animatori Antonio, Fabio, Giada, Andrea, Thomas ecc. quando siamo arrivati hanno fatto subito la riunione informativa e poi sono andato a cena e a vedere il musical “Aggiungi un posto a tavola.

Nelle due settimane che ho passato lì ho conosciuto tantissimi amici Pasquale , Fulvia, Claudio , Emanuela , Simona, Pietro, Salvatore , sua moglie , Filippo , Stefania , Nicola, Romano e sua moglie la maggior parte ha fatto tutte due le settimane con me mentre altri solo la prima. Al mattino dopo colazione andavo in spiaggia con il mio amico Filippo e i suoi genitori si chiacchierava tantissimo in acqua poi alle 10:15 andavo a fare freccette con Pasquale e Claudio finite le freccette andavo a bere e poi in piscina coperte verso mezzogiorno andavo in camera a cambiarmi e poi a pranzo dopo pranzo c’era il gioco caffè e poi alle 15:30 il torneo di carte e successivamente i tornei sportivi. Per noi era la sesta volta che ci andavamo e abbiamo trovato moltissimi cambiamenti perché questo villaggio prima era solo italiano adesso è diventato internazionale e quindi il cibo non era un granché tantissimo pesce e pochissima carne io e mia mamma abbiamo fatto una scorpacciata di pasta e pizze , i cibi tunisini sono molto spezziati ma molto buoni c’erano tantissime verdure e tantissimi fritti. Purtruppo l’ultimo giorno il mio grande amico Pietro ha avuto un virus intestinale è quindi febbre, dissenteria e malessere e questa cosa mi ha fatto molto preucuppare perché l’indomani sarebbe partito con me meno male che mia mamma ha sempre dietro l’imodium .

Jacopo




venerdì 9 settembre 2022

SALUTO A UN VECCHIO AMICO

 

Domenica 4 settembre non è stata una bellissima serata alla sera ero a casa de


i miei vicini è ci è giunta la voce che un ragazzo di Bisuschio è morto si chiamava Karim è aveva 14 anni stava frequentando la scuola da parrucchiere e io lo conoscevo abbastanza bene. Karim arrivava da una bravissima famiglia marocchina quando era un bambino piccolo veniva sempre a casa mia perché era amico di Cristian è quindi giocavamo insieme nel giardino io conoscevo benissimo la sua sorella Asmaa e suo fratello Samir . Purtroppo domenica è morto a campo blennio era andato in ritiro con la squadra di calcio è quindi tutta la popolazione bisuschiese è molto dispiaciuta . Oggi ci sono i funerali a Varese . Ti voglio bene piccolo angelo

Karim

jacopo

ADDIO ELISABETTA

 

Ieri purtuppo è morta la regina Elisabetta d’Inghilterra i funerali saranno tra dieci giorni aveva 96 anni il futuro re si chiamerà Carlo e la sua moglie Camilla è morta nella sua casa in Scozia i funerali saranno a Londra a Battigan Palace e tutti i Londinesi potranno andare al funerale. Tutto il mondo è dispiaciuto, anche Giorgino la regina era amica di tutti i potenti del mondo alla regina le piaceva usare i vestiti molto colorati  con tinte accese . 


Jacopo

Giorgio

Camilla

martedì 6 settembre 2022

PERCHÉ ALCUNI NOMI GEOGRAFICI STRANIERI NON VENGONO MAI ITALIANIZZATI???

Alcuni toponimi stranieri non vengono mai italianizzati come ad esempio gli stati africani noti con gli endonimi “Mauritius” e “Seychelles”. Però nei testi degli atlanti italiani come la De Agostini e la Zanichelli compaiono sempre scritti gli esonimi italiani “Maurizio” e “Seicelle”, ma in altri contesti sono totalmente inutilizzati. L’esonimo “Maurizio” non viene mai usato per lo stato africano noto con l’endonimo “Mauritius” secondo gli italiani in generale per non essere confuso col nome proprio di persona, mentre l’esonimo “Seicelle” non viene mai usato per lo stato africano noto con l’endonimo “Seychelles” secondo gli italiani in generale per assonanza con “6 celle”. La diffusione dei due endonimi “Mauritius” e “Seychelles” secondo me nella nostra lingua è dovuta soprattutto alle agenzie di viaggi e agli opuscoli turistici intorno agli anni settanta del secolo scorso. In tal modo vogliono farci sentire internazionali abbandonando così gli esonimi italiani "Maurizio" e "Seicelle". Quindi se vogliamo diffondere nel linguaggio comune gli esonimi italiani “Maurizio” e “Seicelle” scrivetelo sotto nei commenti.

Daniel




DIFFUSIONE DEL TRADUCENTE "TOFFOLETTA" NEL LINGUAGGIO COMUNE

L’equivalente italiano dell’anglicismo “marshmallow” è “toffoletta”, traducente coniato dal traduttore italiano Franco Cavallone nel 1963, incaricato di tradurre in italiano le strisce statunitensi dei Peanuts di Charles Monroe Schulz per l’editore Milano Libri. Successivamente la parola “toffoletta” è stata anche utilizzata nella versione italiana del romanzo britannico per bambini “La fabbrica di cioccolato” (1964) di Roald Dahl. Infatti nel linguaggio comune la parola "toffoletta" non è molto frequente per il fatto che tutti usano solamente l'anglicismo "marshmallow" grazie ai film e alle serie tv americani. Oggigiorno talvolta sulle confezioni italiane dei marshmallow si trova scritto “cotone dolce”, un altro possibile traducente dell’anglicismo “marshmallow”. Nel 2018 la parola "toffoletta" è stata inserita nei neologismi della Treccani (link: https://www.treccani.it/vocabolario/toffoletta_%28Neologismi%29/). Quindi se vogliamo diffondere nel linguaggio comune la parola “toffoletta” scrivetelo sotto nei commenti.

Daniel

venerdì 2 settembre 2022

SI RITORNA AL MILLEPIEDI!! SIAMO CONTENTI



dopo tre settimane di chiusura  la redazione del blog  è al completo pronto per il nuovo anno  ci saranno tantissime novità  siamo pensando alle nuove idee vi inviatiamo ad andare a visitare i nostri social per tenervi aggiornati con le nostre proposte 

BUONA RIPRESA A TUTTI  E BUONA VACANZA A CHI PARTE  ADESSO 

martedì 26 luglio 2022

IL MIO PIÙ BEL VIDEO MUSICALE DI TUTTI I TEMPI

Il mio video musicale preferito è “Reach out” di Hilary Duff del 2008 e si vede la cantante stessa coi capelli biondi vestita in diversi modi in una casa in stile ottocentesco in cui si vede a tratti anche il rappista statunitense Prophet vestito di nero che fa la parte rap. All’inizio e alla fine si vedono pure gli uomini e le donne in biancheria intima che corrono fuori attorno alla casa. Comunque questa canzone è molto bella dato che lo ascoltavo quando andavo ancora a scuola ed era intorno all’inizio del 2009 prima che facevo la gita in Grecia con la mia scuola e mi faceva pure ricordare il periodo iniziale delle parole straniere da italianizzare come adesso. Inoltre questa canzone è stata campionata sulla canzone dei Depeche Mode “Personal Jesus” del 1989. Però Hilary Duff mi piacerebbe tanto conoscerla che non so quando mi capiterà dato che ha un milione di fan di tutto il mondo che la seguano e poi prima di cantare questa canzone aveva anche cantato la famosa canzone del 2005 “Wake up” e prima ancora faceva pure l’attrice nella serie tv statunitense “Lizzie McGuire” nel 2001. Per vedere il video di questa canzone cliccate su: https://www.youtube.com/watch?v=JStfziF4duQ. Buona visione!!!

Daniel



IL VIDEO PIÙ BELLO SUI PARACADUTISTI

Nel 1988 il direttore della fotografia americano Norman Kent e il regista americano Guy Manos hanno realizzato entrambi il documentario sul paracadutismo intitolato “Flight of the Dream Team” (letteralmente “Il volo della squadra dei sogni”) che venne distribuito dalla Lumivision su LaserDisc. La durata massima del film è di 30 minuti circa. Lo spezzone più famoso fu quello con la canzone strumentale di Mark Shreeve intitolata “Myriad of colours” (versione remixata di “Storm column”) dalla durata di 5 minuti. Di questo spezzone ne venne prodotto un estratto di soli 5 secondi (esiste anche quello con la durata di 1 minuto e 43 secondi) rendendolo disponibile come video di prova per il software XingMPEG Player nel 1995. Infine per vedere lo spezzone completo cliccate qui: https://www.youtube.com/watch?v=hFevrbUdS94. Buona visione!!!

Daniel



venerdì 15 luglio 2022

UNA BELLA CANZONE CON UN TITOLO DI NICCHIA

Vi consiglio di ascoltare una canzone molto bella che si chiama “Guardavia”, tratta dall’album d'esordio “Rimpianti”, uscita in rete nel 2020 ed è cantata dal giovane cantante italiano Antonio Vista, in arte “Mal di mare”. La canzone è poco conosciuta dovuta al fatto che la parola “guardavia” non è mai adoperata da nessuno nell’uso comune a favore dell’anglicismo “guardrail”. Infatti per questo non si sente mai in nessuna radio del mondo. Il collegamento di questa canzone è: https://www.youtube.com/watch?v=jI9tLrNwK_c. Se aumenteranno in giorni e giorni le visualizzazioni e i mi piace di questa canzone su YouTube forse avrà molto più successo e la parola “guardavia” comincerà ad essere più usata nell’uso comune. Buon ascolto!!!

Daniel







venerdì 1 luglio 2022

La vacanza sul lago di Mergozzo

 

Martedi’21 giugno  mio papà, e le mie vicine Cosima e Luisa mi hanno accompagnato a San Fermo alle ore : 8:45. La partenza era alle ore 9:00, la nostra meta era Omegna e poi Lago di Mergozzo. Sul pullman stavo seduto da solo, si sentiva solo il chiasso che facevano Vanessa, Luca  P, Ivonne e Selena. Dopo circa 1 ora e 15 minuti siamo arrivati a Omegna, dove ci aspettavano Matteo e Roberta con un loro amico. Ci hanno fatto vedere il paesello e il museo di Rodari, il museo era molto bello interessante e   interattivo, le storie erano  molto belle: mi sono piaciute quelle all’ incontrario e quelle nelle altre lingue. Il mio migliore amico Filippo si è divertito a sentire quelle nella lingua tedesca perché lui è vissuto in Germania. Dopo la visita siamo andati a pranzo in un ristorantino bellissimo, ho mangiato la cotoletta con le patatine e il caffè, era tutto molto buono.

Poi siamo risaliti sul pullman e ci hanno dato le casetta, meno male, si sono avverati i miei sogni! Era da anni che volevo dormire con il mio “fratellone Filippo” e c’è l’ho fatta.. la mia casetta era composta da me , Filippo, Marco, Mario e Luca C  

Ci stiamo sistemati io e Filippo dormivamo il mio asinello di pezza con Hi-ho nel letto matrimoniale. Luca C nella camera da solo, e Mario con Marco nella altra camera. Alla sera abbiamo cucinato noi il pesto di zucchine, era già pronto io ho buttato la pasta e come secondo avevamo gli affettati. Alla sera andavamo all’ arena dove gli animatori facevano dei giochi e degli spettacoli, al mattino facevamo colazione nella casetta con latte, biscotti, cacao ecc. Dopo la colazione andavamo in giro per il campeggio a fare attività con l’animazione, tipo Freccette e risveglio muscolare, o se no giocavamo a calcio balilla ping pong. Qualche volta quando il tempo era bello andavamo in piscina o al lago dove Mauro  Luca P e Andrea si sono buttati dal trampolino  e siamo andati anche sul pedalò con lo scivolo con la nostra volontaria Nicoletta. Una sera abbiamo preso l’aperitivo e abbiamo conosciuto Hersan un signore di Stoccarda che è diventato amico di Filippo e di tutti noi. A pranzo e a cena andavamo al ristorante, una sera abbiamo preso la pizza e tutte le sera mangiavamo il gelato.

A me è piaciuta tantissimo questa vacanza: ho conosciuto gente nuova, il mio amico Filippo ha portato un po’ di iella con le previsioni del tempo e ho giocato a calcetto con i miei amici Maurino e Pasqualino.        

Jacopo Carlo Maria

 

 

 

 

 

 

 

Le ricette di Padre Pio: Aragosta alla Catalana

 

INGREDIENTI 600 G DI GAMBERI SGUSCIATI 2 SPICCHI DI AGLIO 30 G DI BURRO 3 CUCCHIAI DI OLIO EVO ½ BICCHIERE DI VINO BIANCO 2 PEPERONCINI 1 LIMONE PAPRICA DOLCE PREZZEMOLO SALE E PEPE.


PULISCI I GAMBERI, STACCA LA TESTA E SFILA L’INTESTINO SCALDA IN PADELLA A FUOCO VIVO L’OLIO EXTRA VERGINE ED IL BURRO CON L’AGLIO TAGLIATO A PEZZETTI.

QUANDO IL BURRO SI E’ SCIOLTO AGGIUNGI I GAMBERI SGUSCIATI E FAI ROSOLARE PER 2-3 MINUTI, SFUMA CON IL SUCCO DI LIMONE E VINO BIANCO MESCOLATI IN UN BICCHIERE.

AGGIUNGI I PEPERONCINI, LA PAPRICA DOLCE, PREZZEMOLO, SALE E PEPE, E FAI CUOCERE ANCORA PER CIRCA UN MINUTO.


L’attività ippica del venerdì al Frassino

 











Invece di stare dentro al Millepiedi siamo andati a vedere i nostri compagni che vanno a cavallo.

Il maneggio dove vanno si chiama “Il Frassino” ed è aperto da 30 anni. Ci sono 16 cavalli e tanti cani che ci hanno fatto le feste. Abbiamo fatto qualche domanda alla signora Piera sulle attività del maneggio. Ha detto che fanno delle lezioni di equitazione sia per adulti che per bambini. Domenica hanno anche fatto una gara dove hanno vinto due ragazzi che frequentano il maneggio: sono arrivati primi.

I nostri compagni quando vengono qui, prima di tutto preparano il cavallo: gli spazzolano il pelo, gli puliscono gli zoccoli, lo sellano, si mettono le protezioni, fanno stretching e montano a cavallo.

Sono bravissimi! Lanciano la palla mentre cavalcano, si alzano in piedi sul cavallo, e vanno anche al trotto. Che cavallerizzi bravissimi! Complimenti!

venerdì 17 giugno 2022

Per scherzare..

 IO HO MESSO TUTTE LE STAGIONI IN ORDINE ALFABETICO, COSI’ SONO PIU’ ORDINATI,E PURE PURE I GIORNI DELLA SETTIMANA..



  • 1 AUTUNNO 4 PIOGGIA

    2 ESTATE 1 CALDO

    3 INVERNO 2 FREDDO

    4 PRIMAVERA 3 PAZZERRELLO


    1 DOMENICA

    2 GIOVEDI

    3 LUNEDI

    4 MARTEDI

    5 MERCOLEDI

    6 SABATO

    7 VENERDI


    FILIPPO


Falcone e Borsellino

 in questo articolo parlo di un magistrato che si chiamava Giovanni Falcone 

e secondo me e stato un magistrato bravo e molto serio, lui insieme con il suo 

amico Paolo Borsellino, indagavano sulla mafia e sulle cose non belle, ma purtroppo sono

venuti a mancare tanti ani fa' per colpa della mafia.  Sono stati dei bravi magistrati.

La mia opione: dal mio punto di vista sono stati delle brave persone oneste nel loro 

lavoro. Loro erano di palermo, nati lì e cresciuti lì fin quando è sucesso quello che non

doveva succedere, cioè il loro attentato a Capaci, sempre a Palermo, tutti e due bravi andavano 

andavano in tv,interviste su interviste e tanti libri hanno scritto loro, erano delle persone davvero molto importanti, come i politici di adesso 

che ci sono qui in italia, Tifafano tutti e due il palermo, che ai tempi era 

in serie A,  

Lucia

aforismi sui cartoni e sulla vita

 ismi sui  cartoni animati

    1. “Spero soltanto che non ci si dimentichi di una cosa. Che tutto è cominciato da un topo.”

    2. “Sapete chi mi fa piangere di più? Bambi. Ho pianto per tre giorni di fila per quel film. No, un attimo: due! Il terzo giorno mia madre si suicidò e... piangevo anche per lei.”

    3. “I cartoni animati sono colore, fantasia, gioco, ci devono portare indietro nel tempo e, attraverso i concerti, i film e i cartoon, abbiamo ogni tanto la possibilità di entrare in questo mondocolorato.”

CRISTINA D'AVENA

    4. “[Sull'anime Devilman] Peccato che un prodotto di tale impatto visivo sia destinato a non uscire dai confinigiapponesi a causa della storica miopia italiana.”

TIZIANO SCLAVI

    5.  “Se non ti piacciono i cartoni animati devi avere qualcosa che non va.”

JOHN DIMAGGIO

    6.  “Noi cartoni facciamo gli scemi, ma non siamo mica stupidi!”

    7. “Da piccolo registravo i cartoni animati alla televisione, era un'ossessione. Ho capito molto presto che doppiare i cartoni sarebbe stato il mio lavoro, ma non avevo idea della portata di questo sogno.”

BOB BERGENa

    8. “Non ho mai smesso di guardare i cartoni animati. Mi piacevano da bambino e mi diverte ancora adesso guardarli.”

ED ASNER

    9.  “- Cartman: I Simpson hanno già fatto tutto. Chissenefrega.

- Stan: Ci sono da più di tredici anni, è normale che l'abbiano già fatto.”

Aforismi sulla vita 

    1. avvero una vita non basta: così poco tempo e così tanti coglioni da mandare affanculo.”

    2. “Una volta accettata la consapevolezza che anche fra gli esseri più vicini continuano a esisteredistanze infinite, si può evolvere una meravigliosa vita, fianco a fianco, se quegli esseri riescono ad amare questa distanza fra loro, che rende possibile a ciascuno dei due di vedere l'altro, nella sua interezza, stagliato contro il cielo.”

RAINER MARIA RILKE

    3.  “Le nostre vite cominciano a finire il giorno in cui stiamo zitti di fronte alle cose che contano.”

MARTIN LUTHER KING

    4.  “Io vivo per dominare la vita, non per essereschiavo.”

JIM MORRISON

    5.  “La vita è preziosa solo perché ha una fine. Voi mortali non sapete quanto siete fortunati.”

RICK RIORDAN

    6.  “Vale milioni di volte di più la vita di un solo essereumano che tutte le proprietà dell'uomo più ricco della terra.”

CHE GUEVARA

    7.  “Non aver paura della morte... Fa meno male della vita!”

JIM MORRISON

    8.  “Compraredroga è come comprare un biglietto per un mondo fantastico, ma il prezzo di questo biglietto è la vita.”

JIM MORRISON

    9. “Vivi ora ciò che gli altri sognano di vivere nel futuro.”

PAULO COELHO

    10.  “Nella vita ci sono un'alba e un tramonto ogni giorno. E tu puoi scegliere di essere presente, puoi metterti sulla strada della bellezza.”

REESE WITHERSPOON - Cheryl

    12. “Senza donna, la vita è pura prosa.”

RUBÉN DARÍO

    13. “Io la vita l’ho goduta perché mi piace anche l’inferno della vita e la vita è spesso un inferno. Per me la vita è stata bella perché l’ho pagata cara.”

ALDA MERINI

    15. “Noi siamo come farfalle che battono le ali per un giorno pensando che sia l'eternità.”

CARL SAGAN 

    17. “Ero dentro e fuori, contemporaneamente incantato e respinto dall’inesauribile varietà della vita.”

FRANCIS SCOTT KEY FITZGERALD

   

    19. “Viviamo tutti con l'obiettivo di essere felici; le nostre vite sono diverse, eppure uguali.”

ANNA FRANK

    20. “Nella Vita e nella Storia vi sono casi in cui non è lecito aver paura.”

ORIANA FALLAC 

    21. “Dei mali della vita ci si consola con la morte, e della morte con i mali della vita. Una gradevole situazione.”

ARTHUR SCHOPENHAUER

  

    23. “È compito del medicoprolungare la vita e non è suo compitoprolungare l'atto della morte.”

BARONE THOMAS JEEVES HORDER

    

    25. “Cos'è la vita? Delirio. Cos'è la vita? Illusione, appena chimera ed ombra, e il massimo bene è un nulla, ché tutta la vita è sogno, e i sogni, sogni sono.”

PEDRO CALDERÓN DE LA BARCA

  

    27. “Dovresti imparare che la vita, come l’amore, è l’unicobusiness il cui bilancio deve finire in rosso: bisogna dare tutto senza calcolare ciò che ci viene riversato. Quello che diamo agli altri è nostro per sempre, mentre quello che si tiene per sé è perso per sempre.”PAOLO CREPE

jacopo 


venerdì 10 giugno 2022

Il clima delle stagioni dell'anno

 In un anno ci sono 12 mesi e quattro stagioni (come la pizza).

La prima stagione è l'inverno, che di solito è molto freddo, però quest'anno è stato più mite del solito, per colpa del riscaldamento globale.

A marzo l'iniverno finisce ed arriva la primavera. La primavera è una stagione pazzerella, guardi il sole è apri l'ombrella. Spuntano i fiori, Iniziano a volare gli insetti e si fanno i pic-nic (se c'è il sole..).

A giugno finisce la primavera e inizia l'estate. Di solito fa' un gran caldo e le temperature si alzano fino a 40 gradi per il caldo africano. D'estate si fanno anche le grigliate ma anche le passeggiate. Poi si va al mare, si fa il bagno, l'acquagym, si fanno le buche nella spiaggia. Ci sono le feste in piazza, tipo il karaoke, le anguriate, le canzoni dell'estate etc. etc.

Poi a settembre inizial'autunno. Ricominciano le scuole, si fanno le vendemmie, si raccolgono le castagne e i funghi, si mangia l'uva. Si festeggia una festa americana che però è inglese. C'è la zucca..

In autunno comincia il fresco e ci sono le prime piogge, ma quest'anno non ha piovuto. 

Il tempo dell'anno è tutto sballato.

Per capire che tempo farà dobbiamo controllare sempre le previsioni metereologiche.

I siti che vi consigliamo per vedere le previsioni sono :

3B meteo

Astrogeo

La svizzera (che ci becca sempre)

Le previsioni di Google

Camilla, Giuseppe, Lucia, Jacopo, Arnela, Filippo, Paolo e Giorgio

Proposta di un nuovo calendario

 



IO DICO CHE IL CALENDARIO DEVE ESSERE CON I MESI IN ORDINE ALFABETICO, COSI’ E’ PIU’ ORDINATO E DIVERTENTE!!


1 AGOSTO


2 APRILE


3 DICEMBRE


4 FEBBRAIO


5 GENNAIO


6 GIUGNO


7 LUGLIO


8 MAGGIO


9 MARZO


10 NOVEMBRE


11 OTTOBRE


12 SETTEMBRE


Possiamo fare la proposta di mettere in ordine i mesi al Governo?


Filippo


Gli Amici del Millepiedi partono con un nuovo progetto!!

 

Buon giorno a tutti cari lettori, oggi vi voglio parlare di un incontro che abbiamo organizzato mercoledì primo giugno con la mia equipe del  gruppo “amici del millepiedi”. Come sapete, noi ragazzi abbiamo creato un gruppo: ogni mercoledì sera ci colleghiamo tra di noi per parlare della nostra associazione. Come già spiegato in precedenza, mercoledì scorso abbiamo fatto venire alcuni nostri educatori per spiegare come è andato l’anno del gruppo, ma soprattutto abbiamo presentato un progetto dal titolo “Lavoriamo insieme”, che partirà a settembre.

Il progetto è in fase di programmazione, poi in seguito vi faremo sapere dettagliatamente cosa faremo..

Giuseppe

 

boy scouts  la mia esperienza

 Quando avevo 8 anni circa i miei amici Marco e Manuel mi hanno parlato del gruppo Scouts d’Europa cattolici ,i miei genitori erano molto entusiasti e mi hanno iscritto al gruppo  di Induno Olona. Ho iniziato a fare i Lupetti che narrano la storia di Mowgli, abbiamo fatto tantissime risate e giocate insieme, la mia sestiglia era gli Spezzati. Mi ricordo molto bene le vacanze di branco del 2002 dove eravamo tutti in una camerata, ma io ho preferito dormire con i miei genitori, eravamo proprio un bellissimo gruppo: Luca Alessandro Carlo Danilo Daniele Francesco Massimo , Andrea ecc.

Quando ero alle medie sono passato agli esploratori e la mia squadriglia era i Castori  e li ho conosciuto  meglio i miei amici Simone , Roberto e Luca  abbiamo passato tantissimi sabati pomeriggio insieme a loro,  i nostri genitori facevano a turno per portarci a Induno.  Dopo qualche annetto il gruppo è aumentato e quindi siamo passati a Bisuschio che per noi era molto più comodo , mi ricordo molto bene il campo estivo 2005 dove Stefano il mio capo nonché il marito della nostra coordinatrice Anna arrivava con lo zaino pieno di pietanze, che bello che era quel campo! era la prima volta che dormivo in tenda i miei amici l’avevano costruita sull’ albero mentre io ho dormito con mio papà e Roberto (detto Molla), alla sera facevamo delle  canzoncine.. che ridere il mio amico Francesco quanto gli abbiamo fatto bere il vino “ per finta”.

I miei pensieri  : fare gli scouts è molto bello , anche molto faticoso ti fanno imparare tantissime cose tipo a cucinare , fare la griglia, lavare le scodelle , raccogliere la legna. Mi dispiece tantissimo che il mio carissimo capo Moreno sia morto in un incedente .

Jacopo


Ricominciamo a fare le vacanze!!

 


Quest'anno facciamo le vacanze, dopo un sacco di tempo che non potevamo farle!!!

andiamo un gruppo alla volta..

A giugno il primo gruppo va a fare la vacanza al lago. Il lago si chiama Lago di Mergozzo ed è in piemonte, vicino a Domodossola.

Il secondo gruppo va al mare a Igea Marina in romagna. Noi siamo nel gruppo che va al mare.

Nella valigia ci mettiamo:

  • accappatoio
  • bagno schiuma
  • tappetino
  • spugna piccola e grande
  • cuffia e occhialini
  • costume da bagno (un paio)
  • vestiti eleganti per uscire la sera
  • sandali
  • calze
  • mutande
  • occhiali da sole
Al mare vogliamo giocare a bocce, conoscere belle ragazze, nuotare con i braccioli, chiacchierare, abbronzarci, mangiare la piadina con la nutella e panzerotti.

Buone vacanze a tutti!!

Giogio e Camilla e Paolo



martedì 7 giugno 2022

SPIRIT. UN BEL FILM CHE PARLA DI AVVENTURE E AMICIZIA

 

Ciao a tutti! Come state??

Oggi amici lettori vi parliamo di un film molto bello chiamato Spirit cavallo selvaggio.

È un film d’animazione del 2002 che racconta l’avventura di un cavallo che vive libero con la madre e altri cavalli nelle praterie del nord America ai tempi del vecchio West.

Ci sono molte scene che ci hanno colpito e adesso ve ne parliamo per farvi conoscere un po’ questa storia bellissima ed interessante.

Come già detto il cavallo protagonista si chiama Spirit, la cavalla di cui si innamora nel corso del film si chiama Pioggia e il pellerossa suo amico si chiama Piccolo Fiume.

L’antagonista che all’inizio del film vuole addestrare e sottomettere Spirit è il Colonnello.

Il film inizia con Spirit che sta passando una tranquilla giornata assieme alla sua famiglia ed improvvisamente fa la conoscenza degli esseri umani, da lì parte una lunga avventura piena di emozioni e colpi di scena.

Una scena molto romantica è quando Spirit incontra per la prima volta Pioggia, che è una cavalla che vive assieme ad una tribù di pellerossa. Spirit non aveva probabilmente mai visto una cavalla bella come lei e si innamora a prima vista.


Emozionante è la scena quando il nostro eroe scappa da un incendio che ha provocato fermando la costruzione di una ferrovia che avrebbe attraversato la terra della sua famiglia.

Una scena quasi tragica è quando Spirit scappa dall’accampamento dei militari dopo essere stato catturato. Il colonnello vuole addirittura ucciderlo, assieme e Piccolo Fiume che era stato catturato il giorno dopo Spirit.


Una scena commovente è stata quando Spirit e Pioggia cadono nel fiume per scappare dai soldati. È commovente perché Pioggia si fa male perché il colonnello le ha sparato e Spirit rimane accanto a lei finché viene catturato un’altra volta dai soldati.

Spirit se ne va pensando che Pioggia rimarrà lì da sola affranta e ferita, ma invece arriva Piccolo Fiume ad aiutarla.

Un’altra scena molto emozionante è quando Spirit fa un grande salto sui suoi possenti zoccoli per scappare da un grande pericolo.


Ci è piaciuto molto il finale che ovviamente non vi raccontiamo perché alla fine del film succede una cosa che rende Spirit molto felice e fa un bel ringraziamento al suo amico Piccolo Fiume facendogli un sacco di feste.


Dei personaggi che ci stanno un po’ antipatici sono i militari dell’esercito americano perché sparano sempre ai cavalli o cercano di catturarli, inoltre sparano anche ai poveri pellerossa e ci chiediamo il perché di tanta violenza…

Una scena del film ci ha fatto molto divertire. Spirit ad inizio del film viene catturato e un maniscalco cerca in tutti i modi di addomesticarlo, gli taglia la criniera, vuole pulirgli gli zoccoli, cerca di marchiarlo ecc, però Spirit si ribella e trova sempre il modo di liberarsi, facendo fare al povero maniscalco dei voli!


Segnaliamo anche l’ascolto molto attento delle belle canzoni orecchiabili della colonna sonora, che sono cantate dal famoso cantante Zucchero!

Consigliamo a tutti di vedere questo film perché ci fa capire cosa vuol dire essere liberi e non rinchiusi dentro una prigione. Speriamo che vi piaccia e fateci sapere se lo avete già visto oppure no!

Grazie di tutto e a presto per il prossimo articolo!

venerdì 27 maggio 2022

le ricette di padre pio




BISCOTTI ALL’ANICE INGREDIENTI


175 G R FARINA DI FRUMENTO

120 G R DI ZUCCHERO


120 G R DI BURRO


100 G R DI CIOCCOLATO FONDENTE

        

75 G R G R DI FECOLA DI PATATE


1 UOVO


1 CUCCHIAINO DI LIEVITO


BUCCIA GRATTUGIATA DI 1 ARANCIA


IMPASTATE INSIEME GLI INGREDIENTI

(GRATTUGIATE IL CIOCCOLATO).

FORMATE UNA PALLA E FATELA RIPOSARE IN FRIGO.

TRASCORSA MEZZORA TIRATE SULLA SPIANATOIA UNA SFOGLIA DI ½ C M E FORMATE I VOSTRI BISCOTTI.

SISTEMATE I BISCOTTI SULLA PLACCA DEL FORNO UNTA CON DEL BURRO E INFORNARE A 2OO ° PER 15 MINUTI.

LASCIATE RAFFREDDARE E SERVITE. 

week end di camilla

 

oggi dopo il millepiedi alle 16:30

 vado ad Angera con mio papà e la

 valigia. Quando arrivo faccio la

 doccia e poi ceniamo insieme con

 mio papà Enrico mi trovo bene con

 lui gioco tanto

COMPLEANNO MAMMA



 Oggi è il compleanno di mia mamma che compie  70 anni,  è quindi oggi dopo il millepiedi mi trovo con Olga, Francesca , Loredana , Anna , Simonetta , Gabriella ;Alessandra ;Mirna e Laura al bar per festeggiare insieme. Stasera invece con i miei genitori e  Gabriella andiamo  a mangiare al ristorante  cucina Barzetti di Malnate , mentre domani vado con mio nonno a pranzo al vecchio tram di Viggiù.

A mia mamma le voglio un mondo di bene ANCHE SE TIFIAMO SQUADRE DIVERSE con le vado molto d’accordo  E’ BRAVISSIMA A CUCINARE  QUANDO SONO A CASA PASSO UN SACCO DI TEMPO CON LEI A GIOCARE A CARTE , GUARDARE LA TV  E LEGGERE LIBRI.  


LA MIA SECONDA VOLTA AD IGEA MARINA

Dopo due anni di covid siamo tornati ad Igea Marina e quando eravamo sul torpedone Marco con la sua chiavetta ci ha messo la mia canzone pre...