Passa ai contenuti principali

Spàtlze di spinaci con speck e panna di Jacopo

Gli Spàtlze di spinaci sono dei gnocchetti tipici tirolesi di forma irregolare il cui l’impasto è composto da spinaci lessati, farina, uova e acqua (o a volte latte). Gli Spàtlze vengono realizzati mettendo l’impasto nella speciale pressa per Spàtlze molto simile ad uno schiacciapatate ( che potete tranquillamente usare in sostituzione della pressa ); spremendo l’impasto fuoriesce e cade nell’ acqua bollente. In questa ricetta gli Spàtlze di spinaci vengono conditi con salsa di speck, panna ed erba cipollina.

INGREDIENTI PER GLI SPATZLE
200 g di spinaci lessati e strizzati
250 g di farina doppio 00
3 uova piccole
100 ml acqua
Sale fino q.b
Noce moscata da grattugiare q.b.

INGREDIENTI PER IL CONDIMENTO
100 g speck a fette sottili
30 g di burro
250 ml di panna fresca liquida
Pepe nero q.b
Sale fino q.b
Erba cipollina tritata 2 cucchiai

Preparazione

Tritare gli spinaci e metterli in un frullatore insieme  alle uova, all’ acqua ,alla noce moscata  e al sale; frullate gli ingredienti  e riduceteli in una crema liscia e fine. Versate il composto di spinaci in una ciotola e, poco alla volta, aggiungete la farina mescolando continuamente per amalgamare il tutto, quindi lasciate riposare per qualche minuto. Mettere a bollire l’acqua sul fuoco e nel frattempo, prendere gli ingredienti da utilizzare per il condimento: tritare l’erba cipollina e lo speck e versare quest ‘ultimo in una padella nella quale avrete fatto sciogliere il burro (oppure scaldare con 2 cucchiai di olio di oliva). Fate soffriggere lo speck e poi aggiungete la panna il pepe, l’erba cipollina tritata e aggiustate di sale. Ponete l’impasto degli Spàtlze in uno schiacciapatate con i fori grossi e posizioniate l’attrezzo sopra la pentola di acqua in ebollizione quindi spremete per far fuoriuscire gli gnocchetti. Gli Spàtlze che cadranno nell’ acqua bollente, saranno cotti quando riaffioreranno in superfice; a quel punti prendeteli con una schiumarola, scolateli bene e trasferiteli in una padella per fari saltare per pochi secondi nel condimento di panna e speck. Servire gli Spàtlze immediatamente .  

Commenti

Post popolari in questo blog

L'ITALIANIZZAZIONE DELLE PAROLE STRANIERE

Forestierismi: - backgammon = tavola reale - baseball = pallabase - bob = guidoslitta - byte = ottetto - computer = elaboratore - guardrail = guardavia - halibut = ippoglosso - hamburger = svizzera - lime = limetta - marshmallow = toffoletta - metal detector = cercametalli - motel = autostello - motocross = motocampestre - mountain bike = rampichino - mouse = topo - pacemaker = segnapassi - router = instradatore - spinnaker = fiocco a pallone Acronimi stranieri: - AIDS = SIDA (sindrome da immunodeficienza acquisita) - DNA = ADN (acido desossiribonucleico) - RNA = ARN (acido ribonucleico) - UFO = OVNI (oggetto volante non identificato) Toponimi stranieri: - Bruxelles = Brusselle - Mauritius = Maurizio - New York = Nuova York - Seychelles = Seicelle Antroponimi stranieri: - Charles Darwin = Carlo Darwin - George Washington = Giorgio Washington - Isaac Newton = Isacco Newton - William Shakespeare = Guglielmo

LA PAROLA “MOTOCAMPESTRE” PRONUNCIATA NEI MEDIA È INTROVABILE

La parola “motocampestre”, ovvero l’equivalente italiano dell’anglicismo “motocross”, non si trova pronunciata in nessun video o podcast, ad eccezione che nelle descrizioni di due video dove compare soltanto scritto, su un sito di un cinegiornale svizzero. Nel primo datato 1952 parla in tedesco sottotitolato in italiano e nel secondo datato 1953 parla in italiano dove compare soltanto la scritta “motocampestre” come titolo, senza neanche una volta pronunciare la stessa parola durante il filmato (collegamento: https://www.memobase.ch/it#find/query=motocampestre ), e in più in un cinegiornale italiano censurato datato 1949 che è stato poi perso negli anni compare scritto con il titolo "gara moto-campestre" nell'indice dei servizi dove è stato successivamente inserito in un libro del 2009 scaricabile in un file PDF da un sito di un archivio audiovisivo italiano (collegamento: https://www.aamod.it/wp-content/uploads/2016/09/AAMOD-annale-11_2008_integrale.pdf ), ma intanto com

LE BANDIERE, I CARTELLI E I LOGHI

La mia passione, oltre a quello delle parole straniere da tradurre in italiano, sono le bandiere, i cartelli e i loghi poiché sono molto belli, colorati e creativi. Dedico molto tempo ad approfondire la conoscenza di questi simboli, mi piace ricercarli in internet specialmente quelli di una volta per guardare com'erano fatti. A casa mia colleziono anche libri dedicati a questi simboli. La mia prima passione sono le bandiere che sono dei drappi di uno o di più colori variamente disposti, attaccati lungo uno dei lati a un’asta o all’albero della nave su cui vengono innalzati: simboli di una nazione, di un’associazione, di un partito, o insegne di corpi e unità militari. In particolare preferisco moltissimo le bandiere nazionali del passato. La scienza che studia le bandiere si chiama “vessillologia”, parola coniata da Whitney Smith nel 1959 che è il fondatore americano della FIAV (Federazione Internazionale Associazioni Vessillologiche), cioè la federazione internazionale dedicata