Passa ai contenuti principali

LA PIÙ BELLA VACANZA COL MILLEPIEDI, IGEA MARINA

Quest’anno il Millepiedi ha totalmente cambiato luogo di vacanza: invece di andare come ogni anno a Cesenatico siamo andati a Igea Marina, che si trova sempre sul mare ed è in Emilia-Romagna. Siamo partiti il 31 maggio 2019 da Piazza Spozio a San Fermo con la corriera rossa marca Castano e abbiamo percorso le solite autostrade A8 Milano-Varese, A50 tangenziale ovest di Milano, A1 Milano-Napoli e A14 Bologna-Taranto. A metà ci siamo fermati all’Autogrill ed io ho mangiato e bevuto grissini con la nutella ed Estathè e sono andato anche alla toeletta. Sul pullman ascoltavano la musica tramite il CD o talvolta col sintonizzatore della radio per sentire se c’erano belle canzoni. Siamo arrivati a destinazione ad Igea Marina e abbiamo pranzato in una casa per le vacanze chiamata “Mare e Verde”, dove abbiamo mangiato e bevuto pasta col tomate ed acqua con un buffet composto da mais, carote, pizzette, pomodori secchi, cetrioli, pane, riso freddo, pasta fredda, patate, melanzane e piselli ed infine ho preso il caffè al bar. Dopo ci siamo sistemati nelle camere e per fortuna non c’era nessuna tv in quella camera, dove ho dormito con Marco, David, Simone e Jacopo e la doccia era senza cabina. Poi al pomeriggio siamo andati in spiaggia ed in lontananza sull’acqua vicino agli scogli c’erano dei segnali di pericolo con disegnato un uomo che nuotava che a me all’inizio sembrava il cartello del “pericolo onde di piena improvvise”, invece indicava l’acqua alta. In spiaggia stavo sempre sulla sabbia a chiacchierare con gli educatori. Poi alla sera ho fatto la doccia, mi sono cambiato i vestiti e abbiamo cenato. Più tardi siamo andati a camminare per le vie di Igea Marina arrivando a Torre Pedrera e ci siamo fermati in un bar dove ho preso un gelato Ringo Pavesi ed era buonissimo: mi faceva ricordare il batterista dei Beatles, Ringo Starr ovvero quello che narrava nella versione originale in inglese del celebre cartone animato britannico “Il trenino Thomas” nelle prime due stagioni che vanno dal 1984 al 1986 per poi essere soppiantato nel 1991 da Michael Angelis. Dopo la mangiata al bar siamo tornati all’albergo e abbiamo dormito. Il giorno dopo ci siamo lavati e abbiamo fatto colazione composta da cornetti da spalmare, fette di torta, fiocchi di granoturco (o "cornflakes"), Rice Krispies al cioccolato, muesli, yogurt, latte, pane, creme spalmabili, burri e abbiamo bevuto caffè, aranciata rossa o gialla, cappuccino e cioccolata. Dopo siamo andati di nuovo alla spiaggia e abbiamo fatto le solite cose, ho anche guardato i video col mio cellulare e mostravo agli educatori la sigla di Windows 95 suonata da Brian Eno nel 1995. Gli chiedevo se la conoscevano, perchè ai tempi quando avevano un vecchio elaboratore con questo sistema operativo, durante l’avvio si sentiva questa melodia. Lo avevo già raccontato la sera precedente a Martina di questa melodia. In spiaggia tutti usavano le pistole d’acqua come se fossero le rivoltelle usate dai vaccari per spruzzare l’acqua addosso a noi e avevo molta paura che bagnassero il mio telefonino poiché si poteva rompere. Dopo siamo tornati in albergo e abbiamo pranzato ancora. Poi siamo tornati in camera e poi siamo tornati in spiaggia. Alla sera abbiamo cenato e poi siamo andati col torpedone a Bellaria prima in gelateria dove io non ho preso niente e poi a piedi al ponte mobile pedonale. Marco e Gabriele mi portano a vedere i segnali del ponte mobile e mi hanno fatto delle foto e dei video. Dopo siamo tornati al pullman che ci ha portati di nuovo all’albergo e poi abbiamo dormito. Il giorno dopo abbiamo fatto colazione e siamo andati a camminare per Torre Pedrera per comprare ricordi, mentre alcuni sono andati in chiesa a pregare e Jacopo è andato in ospedale con Marco perché si era fatto male all’alluce del piede sinistro quand’era in spiaggia. Io mi sono comprato come souvenir una cartolina con la bandiera italiana e poi siamo tornati in albergo a pranzare e poi siamo andati alla spiaggia e verso la fine siamo andati a tuffarci in piscina. Poi abbiamo cenato e quella sera siamo rimasti in albergo a cantare ed io mi sono annoiato perché volevo uscire. Dopo siamo andati a letto e il giorno 3 giugno 2019 abbiamo sistemato le valigie, fatto colazione e andati in spiaggia per fare le foto di gruppo del Millepiedi. Ad un certo punto abbiamo ripetuto le parole “panciotto” e “sintonizzatore” tutti insieme mentre facevamo le foto al posto di dire “cheese” o "Millepiedi olé". Poi siamo andati a pranzare e mentre stavamo sistemando le valigie Luca Castellan mi ha preso per errore il costume rosso e bianco e l’ho sgridato perché lo aveva proprio lui. Dopo abbiamo lasciato l’albergo e abbiamo preso di nuovo il torpedone. Mentre viaggiavamo hanno guardato il DVD di “Il ritorno di Mary Poppins” e mi sono messo le cuffie col cellulare ripetendo la canzone di “Quello che comunemente noi chiamiamo amore” di Max Pezzali poiché mi dava fastidio se usavano parole straniere durante il film. Dopo la pellicola ci siamo fermati in Autogrill e mi sono comprato una spremuta d’arancia e un KitKat rosa ed erano molto buoni. Dopo abbiamo ripreso la corriera e l’autista dell'autobus di nuovo ha usato il sintonizzatore della radio per cercare se c’erano ancora belle canzoni e poi non trovando niente di bello ha rimesso il CD che avevamo sentito il giorno in cui siamo partiti per Igea Marina. Intanto abbiamo scritto su dei fogli di com’è andata la nostra gita e poi Marco faceva il karaoke. Poi siamo arrivati a San Fermo e terminata la nostra escursione di quest’anno sono andato a casa con la mia mamma che è venuta a prendermi.
È stata una bellissima vacanza poiché mi sembrava più facile arrivare alla spiaggia e la piscina era molto più grande. Solo che un giorno avevo provato a nuotare nel mare però poi sono uscito subito perché c’erano grossi pesci e piccoli granchi che mi hanno spaventato tantissimo ed era un po' meno bella l’acqua. Ma l’anno prossimo ovvero nel 2020 io proporrò di guardare la pellicola all’andata e non più al ritorno e di fare anche più giorni spero.





Daniel

Commenti

Post popolari in questo blog

LE BANDIERE, I CARTELLI E I LOGHI

La mia passione, oltre a quello delle parole straniere da tradurre in italiano, sono le bandiere, i cartelli e i loghi poiché sono molto belli, colorati e creativi. Dedico molto tempo ad approfondire la conoscenza di questi simboli, mi piace ricercarli in internet specialmente quelli di una volta per guardare com'erano fatti. A casa mia colleziono anche libri dedicati a questi simboli. La mia prima passione sono le bandiere che sono dei drappi di uno o di più colori variamente disposti, attaccati lungo uno dei lati a un’asta o all’albero della nave su cui vengono innalzati: simboli di una nazione, di un’associazione, di un partito, o insegne di corpi e unità militari. In particolare preferisco moltissimo le bandiere nazionali del passato. La scienza che studia le bandiere si chiama “vessillologia”, parola coniata da Whitney Smith nel 1959 che è il fondatore americano della FIAV (Federazione Internazionale Associazioni Vessillologiche), cioè la federazione internazionale dedicata

LA PAROLA “MOTOCAMPESTRE” PRONUNCIATA NEI MEDIA È INTROVABILE

La parola “motocampestre”, ovvero l’equivalente italiano dell’anglicismo “motocross”, non si trova pronunciata in nessun video o podcast, ad eccezione che nelle descrizioni di due video dove compare soltanto scritto, su un sito di un cinegiornale svizzero. Nel primo datato 1952 parla in tedesco sottotitolato in italiano e nel secondo datato 1953 parla in italiano dove compare soltanto la scritta “motocampestre” come titolo, senza neanche una volta pronunciare la stessa parola durante il filmato (collegamento: https://www.memobase.ch/it#find/query=motocampestre ), e in più in un cinegiornale italiano censurato datato 1949 che è stato poi perso negli anni compare scritto con il titolo "gara moto-campestre" nell'indice dei servizi dove è stato successivamente inserito in un libro del 2009 scaricabile in un file PDF da un sito di un archivio audiovisivo italiano (collegamento: https://www.aamod.it/wp-content/uploads/2016/09/AAMOD-annale-11_2008_integrale.pdf ), ma intanto com

LA MIA VITA QUOTIDIANA DI DANIEL

Durante l’anno mi dedico ai miei ex compagni di classe delle superiori di Gazzada Schianno poiché da quando ho finito la scuola nel 2010 li ho considerati i miei amici. Adesso ho il mio vicino di casa Roberto che dal 2011 circa è diventato il mio amico, a volte mi viene a trovare a casa e mi porta fuori a mangiare. Ho anche un altro vecchio amico che andava a scuola con me un anno più grande di me che si chiama Andrea che fa le stesse cose di Roberto. Le mie passioni principali sono le bandiere, i cartelli, i loghi e le parole mentre quelli secondari sono mangiare, chiacchierare, uscire e navigare in rete. Durante la settimana però i miei genitori vogliono che faccia dei lavoretti in casa per passare il tempo, ma invece decido sempre di evitarlo poiché mi annoiano. Quello che mi dicono di fare è guardare la tv, ascoltare la radio, fare cruciverba, tagliare l’erba, aiutare mio papà, correre nel campo e dare acqua alle piante. Però spesso non amo guardare la tv e ascoltare la radio poi