Passa ai contenuti principali

LA MIA VITA DURANTE IL CORONAVIRUS

Dopo il sabato sera del carnevale a Morosolo a fine febbraio del 2020 il centro del Millepiedi era chiuso perché ci fu il COVID-19 che si era diffuso in Lombardia e quindi fummo costretti a stare in casa tutto il giorno senza uscire per evitare di essere beccati da questo maledetto virus. Durante questa quarantena ho aiutato a spostare alcuni mobili con la mia mamma e tutto il giorno andavo su internet col mio cellulare o con il computer ma comunque avevo molta noia per il fatto che non si poteva uscire di casa. Abbiamo mangiato a casa kebab con patatine e pizza tramite asporto e quando era bel tempo facevamo le grigliate. Ogni tanto alla sera guardavo con la mamma o con Alex alcuni film su Netflix per passare un po' il tempo. Poi facevo videochiamate con WhatsApp per sentire come stavano le persone oppure facevo le stesse domande sulle parole tipo perché secondo loro mi dicevano che al posto dell’anglicismo “hovercraft” si usava spesso solo negli ultimi dieci anni anche il termine italianizzato “aeroscafo” nel linguaggio comune ed io non ne ero così convinto. Poi dopo qualche mese ho cominciato a fare le videolezioni del Millepiedi su Zoom: al lunedì mattina facevo cucina con Andrea e Francesco, al martedì mattina facevo cultura con Noemi e Nicole, prima facevo anche il venerdì mattina con Martina ed Andrea e cioè facevo attività cognitiva mentre il venerdì pomeriggio facevo arte con Marco, Mariangela e Noemi. Al giovedì mattina e venerdì mattina (prima lo facevo al martedì mattina) facevo telelavoro con Matteo di Officina025 su alcune cose riguardanti i film o gli artisti musicali e scrivevo le risposte, il testo e i nomi da cercare nelle immagini e questo è stato proprio un bel lavoro.
A giugno ho fatto il prelievo del sangue per sapere se avevo problemi di COVID-19 e poi qualche settimana dopo mi hanno detto che era negativo cioè che stavo bene. Ho tagliato i capelli da Alessandro verso maggio perché ce li avevo lunghissimi. Poco prima che il coronavirus si era molto diffuso un giorno ero andato all’Esselunga e mentre cercavo l’halibut ho detto al pescivendolo “avete l’ippoglosso o halibut?” e lui mi ha risposto “l’halibut non ce l’abbiamo” così i miei occhi mi bruciavano dato che a me non piaceva affatto l’anglicismo “halibut” e preferivo che avesse detto “ippoglosso” visto che è il suo nome in italiano più corretto. Anche quando sono andato ieri alla pasticceria Aurora a Gallarate con Alex a ordinare il gelato al cocco e limetta mi avevano capito e mi rispondevano “cocco e lime” dato che per molte persone la limetta è l’utensile per limare le unghie e non il lime ovvero il limone verde e a me mette molta confusione; infatti anche papà quando ha chiesto per il lime sul gelato a Cefalù aveva detto “limetta” alla gelataia e non ha capito sempre perché intendeva perlopiù quello delle unghie e io sono rimasto molto deluso quando l’ho sentito ieri al telefono. A me alcune parole straniere sembrano eccessive dato che si usano un po' troppo e spesso mi bruciano gli occhi come per esempio l’anglicismo “revolver” che non viene mai alternato con il termine italianizzato “rivoltella” dato che questo mi crea anch’esso troppa confusione.
Dopo la quarantena sono tornato a fare il banco alimentare ad Arsago Seprio il mercoledì pomeriggio e il giovedì pomeriggio (poi martedì pomeriggio) a fare palestra da Biagio a Jerago.
Chissà quanto tempo ci vorrà per finire il coronavirus: è scomodo portare la mascherina perché non si può respirare bene e poi mi fa venire il vomito.
Ci sono venuti a trovare Andrea e Licia ed una volta Roberto e Diana a casa nostra per farci visita. Papà è andato ad aiutare Andrea a lavorare nella sua casa nuova e due settimane fa è andato da solo in vacanza a Cefalù e torna questo giovedì da noi.
Siamo andati a giugno io, mamma e papà a Hinwil, in Svizzera, per andare a trovare l’amica irlandese della mamma, Clare e al ritorno invece di fare la galleria autostradale del San Gottardo abbiamo fatto il passo del San Gottardo e mi venivano fortemente le vertigini e faceva freddo e poi non si respirava molto bene dato che eravamo altissimi e verso un tratto di strada c’era un cartello stradale di pericolo ingiallito indicante una lunga “i” nera ovvero significava “pericolo generico” che avrà avuto circa 50 anni e sotto nel pannello integrativo c’era scritto “caduta massi” e questo sembra proprio un bel ricordo è bello tenere un segnale stradale così vecchio lì.
Forse ad agosto dovrò andare a Cefalù con la mia mamma e papà per non stare sempre in casa. Inoltre a giugno abbiamo montato la piscina e ho fatto poche volte il bagno poiché era leggermente freddo e si riscaldava poco dal sole. Alcune sere verso giugno uscivo con Alex per passeggiare o per prendere un gelato; inoltre la sera del giovedì scorso di una settimana fa ero uscito solo con Alex per prendere una birra al Johnnie Fox’s di Somma Lombardo e poi abbiamo camminato a Gallarate. In più ho firmato una petizione contro gli anglicismi sul sito: https://www.change.org/p/sergio-mattarella-basta-anglicismi-nel-linguaggio-istituzionale-viva-l-italiano-litalianoviva per salvare la lingua italiana grazie all’aiuto di Alex.
È stato proprio una noia stare sempre in casa durante la quarantena poiché come al solito rifiutavo di guardare la tv e ascoltare la radio, non si poteva uscire molto di casa e andavo solamente su internet col cellulare e col calcolatore ma per il resto era abbastanza bello.
Daniel


Commenti

Post popolari in questo blog

LE BANDIERE, I CARTELLI E I LOGHI

La mia passione, oltre a quello delle parole straniere da tradurre in italiano, sono le bandiere, i cartelli e i loghi poiché sono molto belli, colorati e creativi. Dedico molto tempo ad approfondire la conoscenza di questi simboli, mi piace ricercarli in internet specialmente quelli di una volta per guardare com'erano fatti. A casa mia colleziono anche libri dedicati a questi simboli. La mia prima passione sono le bandiere che sono dei drappi di uno o di più colori variamente disposti, attaccati lungo uno dei lati a un’asta o all’albero della nave su cui vengono innalzati: simboli di una nazione, di un’associazione, di un partito, o insegne di corpi e unità militari. In particolare preferisco moltissimo le bandiere nazionali del passato. La scienza che studia le bandiere si chiama “vessillologia”, parola coniata da Whitney Smith nel 1959 che è il fondatore americano della FIAV (Federazione Internazionale Associazioni Vessillologiche), cioè la federazione internazionale dedicata

LA PAROLA “MOTOCAMPESTRE” PRONUNCIATA NEI MEDIA È INTROVABILE

La parola “motocampestre”, ovvero l’equivalente italiano dell’anglicismo “motocross”, non si trova pronunciata in nessun video o podcast, ad eccezione che nelle descrizioni di due video dove compare soltanto scritto, su un sito di un cinegiornale svizzero. Nel primo datato 1952 parla in tedesco sottotitolato in italiano e nel secondo datato 1953 parla in italiano dove compare soltanto la scritta “motocampestre” come titolo, senza neanche una volta pronunciare la stessa parola durante il filmato (collegamento: https://www.memobase.ch/it#find/query=motocampestre ), e in più in un cinegiornale italiano censurato datato 1949 che è stato poi perso negli anni compare scritto con il titolo "gara moto-campestre" nell'indice dei servizi dove è stato successivamente inserito in un libro del 2009 scaricabile in un file PDF da un sito di un archivio audiovisivo italiano (collegamento: https://www.aamod.it/wp-content/uploads/2016/09/AAMOD-annale-11_2008_integrale.pdf ), ma intanto com

LA MIA VITA QUOTIDIANA DI DANIEL

Durante l’anno mi dedico ai miei ex compagni di classe delle superiori di Gazzada Schianno poiché da quando ho finito la scuola nel 2010 li ho considerati i miei amici. Adesso ho il mio vicino di casa Roberto che dal 2011 circa è diventato il mio amico, a volte mi viene a trovare a casa e mi porta fuori a mangiare. Ho anche un altro vecchio amico che andava a scuola con me un anno più grande di me che si chiama Andrea che fa le stesse cose di Roberto. Le mie passioni principali sono le bandiere, i cartelli, i loghi e le parole mentre quelli secondari sono mangiare, chiacchierare, uscire e navigare in rete. Durante la settimana però i miei genitori vogliono che faccia dei lavoretti in casa per passare il tempo, ma invece decido sempre di evitarlo poiché mi annoiano. Quello che mi dicono di fare è guardare la tv, ascoltare la radio, fare cruciverba, tagliare l’erba, aiutare mio papà, correre nel campo e dare acqua alle piante. Però spesso non amo guardare la tv e ascoltare la radio poi