Passa ai contenuti principali

3 puntata de il trono di spade

 

Robert ha un figlio che quando lui non ci sarà più suo figlio posto alla guida del regno lord starc ha la figlia maggiore che è in età da marito.

Intanto che tutto il seguito di robert è in visita a grande inverno il principe e la figlia di lord starc si innamorano

Ma dopo poco i due giovani si resero conto che per vivere il loro amore

La figlia di lord starc avrebbe dovuto seguire l’erede al trono al castello regnante.

Da precisare che per l’epoca di cui stiamo parlando le donne quando compivano 16 anni erano considerate già in età da marito

All’ epoca quando si parlava di matrimonio

Si deve considerare che già nella storia si usava fare i matrimoni anche tra parenti ma per fortuna i due ragazzi non lo sono.

La cosa nell’epoca storica di qui stiamo parlando si usava fare i matrimoni così per fare soprattutto per fare una sorta di fusione tra le due casate per dare più potere al regno per combattere in caso insorga una guerra ma questo è un altro discorso che affronteremo approfonditamente più volte

Da ora che entreremo nei meandri della storia della storia vera e propria.

Per iniziare la storia bisogna tornare in dietro all’ inizio della storia

Il trono di spade inizia così con una fitta nevicata in qui era veramente difficile riuscire a muoversi a causa della nevicata

La neve era veramente abbondante pensate che le persone mentre camminavano sprofondavano nella neve aprendo nei buchi con gli stivali veramente grossi era difficile muoversi anche per i cavalli che erano l’unico mezzo di trasporto che si usava all’epoca.

Fino a quel giorno a grande inverno vivevano tranquilli.

Robert baration alla guida del regno e lord starc alla guida di grande inverno.

Ma dal giorno in cui nevico cambio tutto.

Ma cosa accade?

Da quel giorno a grande inverno possiamo tranquillamente dire che a grande inverno finì definitivamente il periodo tranquillo.

The winter is coming

Commenti

Post popolari in questo blog

LE PAROLE STRANIERE DA ITALIANIZZARE (VERSIONE ITALIANA)

Oggi giorno nella nostra lingua usiamo un sacco di forestierismi provenienti maggiormente dall’inglese e dal francese. Ce ne sono alcuni che non italianizziamo mai come “computer”, “mouse”, "byte", "router", “hamburger”, “lime”, "halibut", “marshmallow”, “baseball”, “motel”, “revolver”, “metal detector”, “pacemaker”, “motocross”, “mountain bike”, “bob”, “backgammon”, “guardrail”, "hovercraft" o “spinnaker”. I corrispettivi italiani di questi forestierismi come “elaboratore”, “topo”, "ottetto", "instradatore", “svizzera”, “limetta”, "ippoglosso", “toffoletta”, “pallabase”, “autostello”, “rivoltella”, “cercametalli”, “segnapassi”, “motocampestre”, “rampichino”, “guidoslitta”, “tavola reale”, “guardavia”, "aeroscafo" o “fiocco a pallone” sono decisamente ormai caduti in disuso e tutto questo ha portato alla definitiva contaminazione della lingua italiana. In Italia però c’è l’Accademia della Crusca di Firen

LE BANDIERE, I CARTELLI E I LOGHI

La mia passione, oltre a quello delle parole straniere da tradurre in italiano, sono le bandiere, i cartelli e i loghi poiché sono molto belli, colorati e creativi. Dedico molto tempo ad approfondire la conoscenza di questi simboli, mi piace ricercarli in internet specialmente quelli di una volta per guardare com'erano fatti. A casa mia colleziono anche libri dedicati a questi simboli. La mia prima passione sono le bandiere che sono dei drappi di uno o di più colori variamente disposti, attaccati lungo uno dei lati a un’asta o all’albero della nave su cui vengono innalzati: simboli di una nazione, di un’associazione, di un partito, o insegne di corpi e unità militari. In particolare preferisco moltissimo le bandiere nazionali del passato. La scienza che studia le bandiere si chiama “vessillologia”, parola coniata da Whitney Smith nel 1959 che è il fondatore americano della FIAV (Federazione Internazionale Associazioni Vessillologiche), cioè la federazione internazionale dedicata

LA PAROLA “MOTOCAMPESTRE” PRONUNCIATA NEI MEDIA È INTROVABILE

La parola “motocampestre”, ovvero l’equivalente italiano dell’anglicismo “motocross”, non si trova pronunciata in nessun video o podcast, ad eccezione che nelle descrizioni di due video dove compare soltanto scritto, su un sito di un cinegiornale svizzero. Nel primo datato 1952 parla in tedesco sottotitolato in italiano e nel secondo datato 1953 parla in italiano dove compare soltanto la scritta “motocampestre” come titolo, senza neanche una volta pronunciare la stessa parola durante il filmato (collegamento: https://www.memobase.ch/it#find/query=motocampestre ), e in più in un cinegiornale italiano censurato datato 1949 che è stato poi perso negli anni compare scritto con il titolo "gara moto-campestre" nell'indice dei servizi dove è stato successivamente inserito in un libro del 2009 scaricabile in un file PDF da un sito di un archivio audiovisivo italiano (collegamento: https://www.aamod.it/wp-content/uploads/2016/09/AAMOD-annale-11_2008_integrale.pdf ), ma intanto com