Passa ai contenuti principali

Ezio Bosso


Carissimi lettori oggi vi parlo del maestro Ezio Bosso.

Per chi non lo conosce lui è Ezio Bosso anzi il maestro Ezio Bosso.
La musica per lui era come una sorella compagna amica. Si avvicina alla musica fin da piccolo precisamente da quando aveva 4 anni grazie all’intercessione di suo fratello che si accorge che Ezio aveva l'esigenza di suonare.
Ma non deve ringraziare solo il fratello perchè aveva anche una pro zia che era una pianista professionista.
Bisogna però dire che Ezio diventa polistrumentista non si avvicina subito al pianoforte ma il primo strumento che tocca con le sue regali dita è un basso.
Ora vi dico una cosa che vi stupirà in una intervista molto toccante il maestro dichiara che prima di imparare a leggere normalmente ha imparato a leggere le note musicali, la cosa per molti potrebbe risultare strana ma  per chi ha la passione per la musica  come molti di noi la cosa se permettete non è tanto stramba  considerando il fatto che per lui la musica è aria.
Il maestro inizia a girare il mondo con la sua musica ad un certo punto dopo tanti successi si ammala di una malattia che lo cambia totalmente perchè gli prende tutti i muscoli ma sopratutto quelli delle mani e la parola. Ma lui non si arrende e dopo un lungo periodo di stop dovuto alla situazione in cui si trova, grazie alla determinazione e all’aiuto di persone a lui vicine,  trova in primo luogo la forza di andare avanti e poi in un secondo momento trova rifugio in quello che lo ha sempre appassionato la musica.

Il maestro Bosso nasce a Torino il 13 settembre 1971-
Grazie alle sue conoscenze il maestro riesce a farsi costruire un pianoforte con i tasti allentati che hanno permesso che lui e il piano diventassero una cosa sola e soprattutto ha potuto continuare a esibirsi fino a che la morte non lo ha portato con sé.


Sapete una cosa, io penso che lui stia suonando le sue meravigliose melodie in cielo. Inoltre penso che un artista così non si debba mettere nel dimenticatoio. Maestro Bosso lei è stato un esempio per chi a volte non trova la forza di combattere.

Giuseppe



Commenti

Post popolari in questo blog

L'ITALIANIZZAZIONE DELLE PAROLE STRANIERE

Forestierismi: - backgammon = tavola reale - baseball = pallabase - bob = guidoslitta - byte = ottetto - computer = elaboratore - guardrail = guardavia - halibut = ippoglosso - hamburger = svizzera - lime = limetta - marshmallow = toffoletta - metal detector = cercametalli - motel = autostello - motocross = motocampestre - mountain bike = rampichino - mouse = topo - pacemaker = segnapassi - router = instradatore - spinnaker = fiocco a pallone Acronimi stranieri: - AIDS = SIDA (sindrome da immunodeficienza acquisita) - DNA = ADN (acido desossiribonucleico) - RNA = ARN (acido ribonucleico) - UFO = OVNI (oggetto volante non identificato) Toponimi stranieri: - Bruxelles = Brusselle - Mauritius = Maurizio - New York = Nuova York - Seychelles = Seicelle Antroponimi stranieri: - Charles Darwin = Carlo Darwin - George Washington = Giorgio Washington - Isaac Newton = Isacco Newton - William Shakespeare = Guglielmo

LA PAROLA “MOTOCAMPESTRE” PRONUNCIATA NEI MEDIA È INTROVABILE

La parola “motocampestre”, ovvero l’equivalente italiano dell’anglicismo “motocross”, non si trova pronunciata in nessun video o podcast, ad eccezione che nelle descrizioni di due video dove compare soltanto scritto, su un sito di un cinegiornale svizzero. Nel primo datato 1952 parla in tedesco sottotitolato in italiano e nel secondo datato 1953 parla in italiano dove compare soltanto la scritta “motocampestre” come titolo, senza neanche una volta pronunciare la stessa parola durante il filmato (collegamento: https://www.memobase.ch/it#find/query=motocampestre ), e in più in un cinegiornale italiano censurato datato 1949 che è stato poi perso negli anni compare scritto con il titolo "gara moto-campestre" nell'indice dei servizi dove è stato successivamente inserito in un libro del 2009 scaricabile in un file PDF da un sito di un archivio audiovisivo italiano (collegamento: https://www.aamod.it/wp-content/uploads/2016/09/AAMOD-annale-11_2008_integrale.pdf ), ma intanto com

LE BANDIERE, I CARTELLI E I LOGHI

La mia passione, oltre a quello delle parole straniere da tradurre in italiano, sono le bandiere, i cartelli e i loghi poiché sono molto belli, colorati e creativi. Dedico molto tempo ad approfondire la conoscenza di questi simboli, mi piace ricercarli in internet specialmente quelli di una volta per guardare com'erano fatti. A casa mia colleziono anche libri dedicati a questi simboli. La mia prima passione sono le bandiere che sono dei drappi di uno o di più colori variamente disposti, attaccati lungo uno dei lati a un’asta o all’albero della nave su cui vengono innalzati: simboli di una nazione, di un’associazione, di un partito, o insegne di corpi e unità militari. In particolare preferisco moltissimo le bandiere nazionali del passato. La scienza che studia le bandiere si chiama “vessillologia”, parola coniata da Whitney Smith nel 1959 che è il fondatore americano della FIAV (Federazione Internazionale Associazioni Vessillologiche), cioè la federazione internazionale dedicata