Passa ai contenuti principali

LE MIE VACANZE DI NATALE IN ITALIA


Durante il periodo Natalizio dal 23/12 al 29/12  sono rimasto a casa ma non mi sono per niente annoiato.
Andavo sempre a trovare qualche amico o venivano loro a trovare me e i miei genitori. Adesso vi racconto come ho passato le feste.
La domenica prima di natale sono venuti a trovarmi degli amici di vecchia data che abitano a Milano e si chiamano  Michele e Laura. Quando ero piccolo andavamo sempre al mare con loro ma ora  abbiamo idee completamente diverse di vacanze, loro vorrebbero visitare le città mentre io stare chiuso nei villaggi con gli animatori.  Dopo aver mangiato è  venuta a trovarci la  Gabriella, “la Fuma”, abbiamo preso un buonissimo caffè con dei dolci portati da Laura e Michele. Verso le 17:00  sono andato in saletta parrocchiale con i miei amici del “coretto ABBA”e poi siamo andati in giro per il paese cantando canzoni natalizie  e, dopo siamo andati in oratorio a mangiare qualche trancio di pizza e a fare le prove per il S. Natale.
La vigilia sono andato a fare la spesa con mio padre : 1ora e 30 di coda circa per prendere gli affettati e, nel pomeriggio sono andato a fare visita agli Alessi e ai Trentini per portagli i doni di babbo natale . Alla sera invece sono venuti  miei cugini Lety e Roby a mangiare abbiamo fatto fuori mezza veneziana in 5 , verso le 21:00 sono andato ad aprire i doni, mi hanno regalato una maglia della juve con tanto di nome dietro, un poster dei Pokemon , un braccialetto del Kenia, due libri di cucina,un puzzle dei Pokemon , Tigro di peluche il dvd del Film di Winnie the pooh.    Mi sono piaciuti tantissimo i regali che ho ricevuto. Il giorno di Natale sono andato in chiesa alle 8:30 per preparare le canzoni e dopo messa sono andato al bar. Verso le 13:00 sono arrivati mio zio Mario , Federico, Gabriella, Nino, Cosimina, Luisa e Carla e abbiamo iniziato a mangiare  e bere tra un piatto e l’altro ci mettevamo a ridere per le storie che racconta Nino in dialetto siciliano. Verso le 18:00 sono andato da mio cugino Roberto a fargli gli auguri di natale ma sono rimasto li’ poco perché alle 20:00 avevamo organizzato la tombolata con Nino e la sua famiglia.
Il giorno di Santo Stefano invece Nino  ci aveva invitato a pranzare a casa sua  verso le 15:00 ma noi siamo andati verso le 13:00 a casa sua c’erano anche Mario, Enza , Daniele e Alessio dei loro amici che vivono a Varese dopo aver mangiato io , Luisa , Carla , Alessio  e Daniele ci siamo messi a giocare al gioco dell’ Italia mi facevano morire dal ridere perché non sanno proprio niente di Geografia  Daniele e Alessio  , dopo abbiamo giocato a tombola con i soldi e siamo rimasti anche a cena da loro.
Il 27 invece sono andato a fare un giro all’ Esselunga e all’ Iper  al mattino mentre nel pomeriggio sono stato dai nonni e poi sono andato a Porto Ceresio a trovare i miei migliori amici Luciana Marchi e Valerio Rinaldi con il loro cucciolo di cane Ugo che mi è stato subito simpaticissimo. Poi è  arrivata  Annalisa con Luca , Marta e Chiara abbiamo fatto una piccola merenda insieme e poi siamo tornati a casa
Queste vacanze mi sono piaciute tantissimo peccato che sono stato poco tempo con  i miei amici Vale e Lucy ma non fa niente
Jacopo

Commenti

Post popolari in questo blog

LE BANDIERE, I CARTELLI E I LOGHI

La mia passione, oltre a quello delle parole straniere da tradurre in italiano, sono le bandiere, i cartelli e i loghi poiché sono molto belli, colorati e creativi. Dedico molto tempo ad approfondire la conoscenza di questi simboli, mi piace ricercarli in internet specialmente quelli di una volta per guardare com'erano fatti. A casa mia colleziono anche libri dedicati a questi simboli. La mia prima passione sono le bandiere che sono dei drappi di uno o di più colori variamente disposti, attaccati lungo uno dei lati a un’asta o all’albero della nave su cui vengono innalzati: simboli di una nazione, di un’associazione, di un partito, o insegne di corpi e unità militari. In particolare preferisco moltissimo le bandiere nazionali del passato. La scienza che studia le bandiere si chiama “vessillologia”, parola coniata da Whitney Smith nel 1959 che è il fondatore americano della FIAV (Federazione Internazionale Associazioni Vessillologiche), cioè la federazione internazionale dedicata

LA PAROLA “MOTOCAMPESTRE” PRONUNCIATA NEI MEDIA È INTROVABILE

La parola “motocampestre”, ovvero l’equivalente italiano dell’anglicismo “motocross”, non si trova pronunciata in nessun video o podcast, ad eccezione che nelle descrizioni di due video dove compare soltanto scritto, su un sito di un cinegiornale svizzero. Nel primo datato 1952 parla in tedesco sottotitolato in italiano e nel secondo datato 1953 parla in italiano dove compare soltanto la scritta “motocampestre” come titolo, senza neanche una volta pronunciare la stessa parola durante il filmato (collegamento: https://www.memobase.ch/it#find/query=motocampestre ), e in più in un cinegiornale italiano censurato datato 1949 che è stato poi perso negli anni compare scritto con il titolo "gara moto-campestre" nell'indice dei servizi dove è stato successivamente inserito in un libro del 2009 scaricabile in un file PDF da un sito di un archivio audiovisivo italiano (collegamento: https://www.aamod.it/wp-content/uploads/2016/09/AAMOD-annale-11_2008_integrale.pdf ), ma intanto com

LA MIA VITA QUOTIDIANA DI DANIEL

Durante l’anno mi dedico ai miei ex compagni di classe delle superiori di Gazzada Schianno poiché da quando ho finito la scuola nel 2010 li ho considerati i miei amici. Adesso ho il mio vicino di casa Roberto che dal 2011 circa è diventato il mio amico, a volte mi viene a trovare a casa e mi porta fuori a mangiare. Ho anche un altro vecchio amico che andava a scuola con me un anno più grande di me che si chiama Andrea che fa le stesse cose di Roberto. Le mie passioni principali sono le bandiere, i cartelli, i loghi e le parole mentre quelli secondari sono mangiare, chiacchierare, uscire e navigare in rete. Durante la settimana però i miei genitori vogliono che faccia dei lavoretti in casa per passare il tempo, ma invece decido sempre di evitarlo poiché mi annoiano. Quello che mi dicono di fare è guardare la tv, ascoltare la radio, fare cruciverba, tagliare l’erba, aiutare mio papà, correre nel campo e dare acqua alle piante. Però spesso non amo guardare la tv e ascoltare la radio poi