Passa ai contenuti principali

la mia vacanza a Kelibia


Il 29 luglio io, i mei genitori e i miei amici Alberto e Elida siamo partiti per la Tunisia precisamente “Kelibia  ci ha accompagnato il mio amico Salvatore, mentre  loro un amico della figlia.
Dopo aver fatto il ceck in siamo andati all’ imbarco a me e ai miei genitori non avevano assegnato dei posti vicini ma alla fine l’ho scambiato con mio papà, il viaggio è durato 1ora e 30.
Quando siamo atterrati al aeroporto di Tunisi dopo aver passato i passaporti e le carte d’identità e aver ritirato i bagagli siamo partiti con due pullman per il villaggio “Kelibia beach” erano tantissimi anni che non andavo ma la durata del tragitto è sempre lunga uguale.
Quando siamo arrivati ci hanno accolto gli animatori tra cui c’era Stefano Pavoni un mio amico che lavorava prima nei villaggi Going per me è stato bello rivederlo dopo qualche anno e mi ha presentato la sua fantastica equipe Ricky, Sam, Patrick, Penny, Andrea, Fabio, Francesca e Gabri, dopo aver sistemato i bagagli siamo andati a cena tutti insieme.
Il maitre lo conoscevamo già  perché gli anni scorsi eravamo già stati lì, il cibo era ottimo e anche il villaggio.
Il giorno dopo ho incominciato subito ad ambientarmi e a fare nuove amicizie Giusy e Ylenia le conoscevo già ma le ho conosciute meglio in questa vacanza poi Diva e Mario i miei amici Emiliani molto simpatici e scherzosi, Daniele il nostro sportivo che quando vedeva mio padre gli diceva che era il suo “incubo” perché l’ha fregato due volte a scala 40 e ultima la nostra prof   Elena molto simpatica e divertente.
Nei giorni in cui sono stato lì non ho fatto gite perché secondo me quando si va in vacanza ci si deve rilassare e fare tantissimi sport, il villaggio era frequentato anche da clientela locale.
io tutti i giorni mi svegliavo alla 8:00 poi dopo colazione andavo in spiaggia a trovare la Diva e Mario, visto che fuori faceva caldo entravamo subito in acqua a chiacchierare poi alle 10:00 arrivava Ricky Lanza a fare freccette “quanti ciapa abbiamo preso “   dopo io andavo in piscina coperta a fare lo scivolo e l’idromassaggio alle 11:30 c’era aquagym    dopo si andava a pranzo e dopo c’era il gioco caffè e nel pomeriggio carte e altri tornei sportivi appuntamento memorabile il quizzettone delle 16:30. Alberto Elida e nia hanno fatto solo una settimana e poi sono arrivati Damiano, Laura e Giorgina.
Le mie impressioni sulla vacanza:
Questa vacanza secondo me è stata favolosa mi ha fatto conoscere gente nuova e mi ha fatto migliorare i rapporti con gente che già conoscevo, spero che il prossimo anno ci si possa tornare tutti insieme
W IL KELIBIA BEACH   JACOPO

Commenti

Post popolari in questo blog

L'ITALIANIZZAZIONE DELLE PAROLE STRANIERE

Forestierismi: - backgammon = tavola reale - baseball = pallabase - bob = guidoslitta - byte = ottetto - computer = elaboratore - guardrail = guardavia - halibut = ippoglosso - hamburger = svizzera - lime = limetta - marshmallow = toffoletta - metal detector = cercametalli - motel = autostello - motocross = motocampestre - mountain bike = rampichino - mouse = topo - pacemaker = segnapassi - router = instradatore - spinnaker = fiocco a pallone Acronimi stranieri: - AIDS = SIDA (sindrome da immunodeficienza acquisita) - DNA = ADN (acido desossiribonucleico) - RNA = ARN (acido ribonucleico) - UFO = OVNI (oggetto volante non identificato) Toponimi stranieri: - Bruxelles = Brusselle - Mauritius = Maurizio - New York = Nuova York - Seychelles = Seicelle Antroponimi stranieri: - Charles Darwin = Carlo Darwin - George Washington = Giorgio Washington - Isaac Newton = Isacco Newton - William Shakespeare = Guglielmo

LA PAROLA “MOTOCAMPESTRE” PRONUNCIATA NEI MEDIA È INTROVABILE

La parola “motocampestre”, ovvero l’equivalente italiano dell’anglicismo “motocross”, non si trova pronunciata in nessun video o podcast, ad eccezione che nelle descrizioni di due video dove compare soltanto scritto, su un sito di un cinegiornale svizzero. Nel primo datato 1952 parla in tedesco sottotitolato in italiano e nel secondo datato 1953 parla in italiano dove compare soltanto la scritta “motocampestre” come titolo, senza neanche una volta pronunciare la stessa parola durante il filmato (collegamento: https://www.memobase.ch/it#find/query=motocampestre ), e in più in un cinegiornale italiano censurato datato 1949 che è stato poi perso negli anni compare scritto con il titolo "gara moto-campestre" nell'indice dei servizi dove è stato successivamente inserito in un libro del 2009 scaricabile in un file PDF da un sito di un archivio audiovisivo italiano (collegamento: https://www.aamod.it/wp-content/uploads/2016/09/AAMOD-annale-11_2008_integrale.pdf ), ma intanto com

LE BANDIERE, I CARTELLI E I LOGHI

La mia passione, oltre a quello delle parole straniere da tradurre in italiano, sono le bandiere, i cartelli e i loghi poiché sono molto belli, colorati e creativi. Dedico molto tempo ad approfondire la conoscenza di questi simboli, mi piace ricercarli in internet specialmente quelli di una volta per guardare com'erano fatti. A casa mia colleziono anche libri dedicati a questi simboli. La mia prima passione sono le bandiere che sono dei drappi di uno o di più colori variamente disposti, attaccati lungo uno dei lati a un’asta o all’albero della nave su cui vengono innalzati: simboli di una nazione, di un’associazione, di un partito, o insegne di corpi e unità militari. In particolare preferisco moltissimo le bandiere nazionali del passato. La scienza che studia le bandiere si chiama “vessillologia”, parola coniata da Whitney Smith nel 1959 che è il fondatore americano della FIAV (Federazione Internazionale Associazioni Vessillologiche), cioè la federazione internazionale dedicata