Passa ai contenuti principali

Le vacanze di Paolo

Giovedì 6 aprile sono partito dal Millepiedi per andare a Sanremo con i miei genitori. C’era bel tempo ma non ho fatto il bagno perché c’era vento. Era una bella giornata di sole e ho giocato a palla con i miei amici Alessio, che è di Milano, e Luca che è  di Torino. Ho conosciuto dei nuovi amici Fabio e Roberta che abitano a Sanremo e ho rivisto i nostri amici di Milano che si chiamano Claudio e Raffaella e i nostri amici di Torino che si chiamano Gianluca e Laura, che tengono la squadra del Torino.  Con loro mi piace chiacchierare e cantare le canzoni, con loro mi diverto tanto e non mi lamento mai.
D’estate mi piace nuotare con loro, ma mi dicono che mi  mettono le telecamere di sorveglianza per vedere dove sono perché faccio il birichino. Il mio papà mi vuole anche guardare anche col cannocchiale e anche la mia mamma vuole sapere dove sono.
Dalla fine di giugno ad agosto tutti gli anni vado a Sanremo e faccio sempre colazione al Lido Foce, con  brioches con la nutella e latte macchiato, poi mi piace ascoltare anche rtl 102.5. Io conosco Jade Peters che è una mia amica che conosco da tantissimi anni che ha come collaboratori Sandro Blanc e Nicole Giorgi che mi stanno sempre simpatici.
Mi piace anche ballare, poi tutti gli anni mangio a casa e poi vengo giù presto in spiaggia dove gioco sempre a palla, poi quando ho finito di cantare con tutti i miei amici vado sempre a farmi la doccia.

Tutti gli anni quando piove e sono giù al mare pulisco sempre la ringhiera con la spugna, pulisco casa mia, la casa di mia cugina Carlotta e poi la casa dei signori Carignola.
Io son sempre abbronzato tutte le volte che vado al mare.

Quando mi alzo tutte le mattine per andare in spiaggia, la prima cosa che faccio è lavarmi e poi mettermi il costume da bagno.
Gioco sempre a ping pong con la mia amica Elisa e lei sempre sorridente, incandescente, carina e solare, non si arrabbia mai e quando le dico delle bellissime cose lei ride sempre.

Domenica 9 aprile, invece, eravamo giù in spiaggia e ho visto Elisa e ho ascoltato "Occidentali's karma" di Francesco Gabbani, che a me piace tantissimo.


Il 15 aprile sono andato con i miei amici Claudio e Raffaella a vedere un paese bellissimo che si chiama Arma di taggia. Poi per tradizione è venuto in spiaggia il mio amico interista e gli abbiamo consegnato l’uovo di cioccolato della Lindt e poi a quelli di Torino Luca, Ilaria e Giulia. Sono stati contenti

Venerdì 21 Aprile sono andato con mia mamma Antonella e mio papà Roberto a mangiare da Fabio e Elisa e ho mangiato la pizza che era davvero buonissima, dove c’e il campo di tennis. A me piace molto la pizza con le patatine fritte. Mi son divertito tantissimo, mi ha detto la mia amica Laura che quest’anno dobbiamo controllare tutti il mio amico di Gallarate Umberto che va sempre a controllare le belle ragazze. Io dico a Umberto “devi stare fermo non impicciarti delle belle ragazze, devi curare tua moglie Priscilla”. I suoi figli Stefano e Clara nuotano sempre e mi voglio fare sempre i gavettoni quando sono sulla sabbia. Umberto è anche un appassionato di pesca e l’anno scorso mio papà è andato sugli scogli del lido foce a pescare con lui.

Quando son a Sanremo non posso mandare i messaggi perché non ho la connessione a internet.

Stare in vacanza mi piace moltissimo, son sempre contentissimo, sono sempre grintoso, sono sempre bello come il sole. Poi tutti gli anni a giugno preparano anche le cabine e gli ombrelloni.Andiamo sempre giù al Nettuno a prenderci il sole.

Quando i miei finiscono di lavorare e vanno sempre in ferie, preparano sempre la valigia che è anche una bella cosa e poi partiamo.

Tutti gli anni, quando veniamo giù all'ultima di agosto e la prima di settembre, vedo sempre mio zio che si chiama Mario e sua moglie Rossana. Mio zio fa il bancario e mia zia fa la casalinga e quindi non va al lavoro. Di solito a Natale vengono giù sempre i miei zii Edo e Irma e andiamo sempre a mangiare al ristorante e poi andiamo sempre a Montecarlo, dove c’è il cambio della guardia e poi andiamo sempre a Bordighera, dove ha la casa Adriano Celentano.
Poi mi ricordo che dopo Natale sono venuti i miei amici di Milano che si chiamano Claudio e Raffaella e poi ancora i nostri amici Roberto e Ornella che hanno una figlia che si chiama Camilla che è tifosa del torino. In quell'occasione le  abbiamo consegnato il regalo di natale e io le ho cantato una bella canzone che dice: "forza dai ragazzi, cantiamo tutti in coro, stanno entrando in campo gli uomini del toro! Uno ad uno sono undici più uno con la maratona non li ferma nessuno! Forza! Forza toro! Forza grande toro! dai cantiamo insieme forza forza toro".





Commenti

Post popolari in questo blog

LE BANDIERE, I CARTELLI E I LOGHI

La mia passione, oltre a quello delle parole straniere da tradurre in italiano, sono le bandiere, i cartelli e i loghi poiché sono molto belli, colorati e creativi. Dedico molto tempo ad approfondire la conoscenza di questi simboli, mi piace ricercarli in internet specialmente quelli di una volta per guardare com'erano fatti. A casa mia colleziono anche libri dedicati a questi simboli. La mia prima passione sono le bandiere che sono dei drappi di uno o di più colori variamente disposti, attaccati lungo uno dei lati a un’asta o all’albero della nave su cui vengono innalzati: simboli di una nazione, di un’associazione, di un partito, o insegne di corpi e unità militari. In particolare preferisco moltissimo le bandiere nazionali del passato. La scienza che studia le bandiere si chiama “vessillologia”, parola coniata da Whitney Smith nel 1959 che è il fondatore americano della FIAV (Federazione Internazionale Associazioni Vessillologiche), cioè la federazione internazionale dedicata

LA PAROLA “MOTOCAMPESTRE” PRONUNCIATA NEI MEDIA È INTROVABILE

La parola “motocampestre”, ovvero l’equivalente italiano dell’anglicismo “motocross”, non si trova pronunciata in nessun video o podcast, ad eccezione che nelle descrizioni di due video dove compare soltanto scritto, su un sito di un cinegiornale svizzero. Nel primo datato 1952 parla in tedesco sottotitolato in italiano e nel secondo datato 1953 parla in italiano dove compare soltanto la scritta “motocampestre” come titolo, senza neanche una volta pronunciare la stessa parola durante il filmato (collegamento: https://www.memobase.ch/it#find/query=motocampestre ), e in più in un cinegiornale italiano censurato datato 1949 che è stato poi perso negli anni compare scritto con il titolo "gara moto-campestre" nell'indice dei servizi dove è stato successivamente inserito in un libro del 2009 scaricabile in un file PDF da un sito di un archivio audiovisivo italiano (collegamento: https://www.aamod.it/wp-content/uploads/2016/09/AAMOD-annale-11_2008_integrale.pdf ), ma intanto com

LA MIA VITA QUOTIDIANA DI DANIEL

Durante l’anno mi dedico ai miei ex compagni di classe delle superiori di Gazzada Schianno poiché da quando ho finito la scuola nel 2010 li ho considerati i miei amici. Adesso ho il mio vicino di casa Roberto che dal 2011 circa è diventato il mio amico, a volte mi viene a trovare a casa e mi porta fuori a mangiare. Ho anche un altro vecchio amico che andava a scuola con me un anno più grande di me che si chiama Andrea che fa le stesse cose di Roberto. Le mie passioni principali sono le bandiere, i cartelli, i loghi e le parole mentre quelli secondari sono mangiare, chiacchierare, uscire e navigare in rete. Durante la settimana però i miei genitori vogliono che faccia dei lavoretti in casa per passare il tempo, ma invece decido sempre di evitarlo poiché mi annoiano. Quello che mi dicono di fare è guardare la tv, ascoltare la radio, fare cruciverba, tagliare l’erba, aiutare mio papà, correre nel campo e dare acqua alle piante. Però spesso non amo guardare la tv e ascoltare la radio poi