Passa ai contenuti principali

BASKIN: IL NOSTRO PUNTO DI VISTA


Al Millepiedi pratichiamo Baskin da 4 anni, e la squadra è rimasta quasi uguale dall’ inizio.
Abbiamo incominciato parlandone con Marco durante l’attività di Basket perché tantissime persone non riuscivano a fare canestro quindi abbiamo pensato di allargare la squadra con dei volontari in modo da aiutarci a vicenda e da migliorare insieme.
Il Baskin a noi ragazzi piace tanto perché ci da tante emozioni sia negli allenamenti che nelle partite.
Per tutti noi è divertente, per qualcuno è facile e per qualcun altro è difficile perché ci sono tante regole da rispettare e quattro canestri invece di due, però è anche molto interessante e ci rende contenti (soprattutto quando si vince J ).
Questo sport ci fa vivere varie emozioni:
durante l’allenamento anche se ci sentiamo un po’ stanchi perché corriamo tanto siamo allegri in quanto   facciamo esercizi divertenti, schiacciate, tiri liberi e ogni volta miglioriamo;
durante le partite vorremmo stare in campo più tempo possibile senza rimanere seduti in panchina però secondo noi è giusto fare giocare tutti, ci sentiamo sottopressione ma ci aiuta a fare del nostro meglio inoltre rappresenta uno sfogo.
A noi non piace litigare con i nostri compagni e nemmeno con i nostri avversari perché vorremmo essere tutti amici.
Siamo più felici quando arriviamo a casa sapendo di aver fatto bene l’allenamento, di aver seguito le indicazioni dei nostri educatori e ci piace molto andare in trasferta perché amiamo viaggiare e incontrare tante persone nuove.
Invece siamo tristi quando non riusciamo ad impegnarci, quando non vengono ascoltate le consegne dei mister, quando non giochiamo bene e litighiamo tra di noi.
Il Baskin è un gioco di squadra, la nostra è unita e anche se a volte ci capita di discutere ci divertiamo tantissimo. Non importa il risultato perché tutti ci mettiamo l’anima e giocare insieme ci permette di passare più tempo con gli amici. Ci aiutiamo tra di noi perché pensiamo che tutti debbano avere la stessa possibilità di giocare e di stare bene e lo facciamo volentieri.
Abbiamo anche tanti supporters che ci accompagnano in trasferta, che segnano i punti, che preparano il rinfresco, che sono felici se vinciamo e ci consolano se perdiamo.
Il Baskin è aperto a tutti perché giocano insieme ragazzi disabili e volontari, un hobby perché è una cosa costante che ci consente di incontrare i nostri amici e le altre squadre, è più di uno sport e anche se a volte abbiamo difficoltà ci teniamo a giocare perché è un motivo per condividere altre cose oltre alla partita: il viaggio, il cibo, le chiacchierate ecc.
Il Baskin in conclusione per noi è amicizia.
Per finire vorremo condividere alcuni dei nostri ricordi:
“Un episodio che mi ricordo è la finale che abbiamo giocato in cui ho segnato l’ultimo canestro della stagione da tre punti.”
“Quando sono andato a giocare a Cinisello Balsamo due anni fa ho dedicato un canestro alla mia amica che era venuta a vedermi perché glielo avevo promesso.”
“Ricordo una partita contro il Lentate in cui abbiamo perso con tanto scarto e ci è dispiaciuto molto anche perché qualcuno era un po’ arrabbiato.”
“Mi è piaciuto tanto mangiare le torte e i panini insieme ai miei compagni dopo l’ultima partita di Baskin a Rho.”
“Una volta ho segnato con un bel tiro da metà campo e tutti sono stati felici.”

La squadra del Millepiedi  
Jacopo



Commenti

Post popolari in questo blog

LE BANDIERE, I CARTELLI E I LOGHI

La mia passione, oltre a quello delle parole straniere da tradurre in italiano, sono le bandiere, i cartelli e i loghi poiché sono molto belli, colorati e creativi. Dedico molto tempo ad approfondire la conoscenza di questi simboli, mi piace ricercarli in internet specialmente quelli di una volta per guardare com'erano fatti. A casa mia colleziono anche libri dedicati a questi simboli. La mia prima passione sono le bandiere che sono dei drappi di uno o di più colori variamente disposti, attaccati lungo uno dei lati a un’asta o all’albero della nave su cui vengono innalzati: simboli di una nazione, di un’associazione, di un partito, o insegne di corpi e unità militari. In particolare preferisco moltissimo le bandiere nazionali del passato. La scienza che studia le bandiere si chiama “vessillologia”, parola coniata da Whitney Smith nel 1959 che è il fondatore americano della FIAV (Federazione Internazionale Associazioni Vessillologiche), cioè la federazione internazionale dedicata

LA PAROLA “MOTOCAMPESTRE” PRONUNCIATA NEI MEDIA È INTROVABILE

La parola “motocampestre”, ovvero l’equivalente italiano dell’anglicismo “motocross”, non si trova pronunciata in nessun video o podcast, ad eccezione che nelle descrizioni di due video dove compare soltanto scritto, su un sito di un cinegiornale svizzero. Nel primo datato 1952 parla in tedesco sottotitolato in italiano e nel secondo datato 1953 parla in italiano dove compare soltanto la scritta “motocampestre” come titolo, senza neanche una volta pronunciare la stessa parola durante il filmato (collegamento: https://www.memobase.ch/it#find/query=motocampestre ), e in più in un cinegiornale italiano censurato datato 1949 che è stato poi perso negli anni compare scritto con il titolo "gara moto-campestre" nell'indice dei servizi dove è stato successivamente inserito in un libro del 2009 scaricabile in un file PDF da un sito di un archivio audiovisivo italiano (collegamento: https://www.aamod.it/wp-content/uploads/2016/09/AAMOD-annale-11_2008_integrale.pdf ), ma intanto com

LA MIA VITA QUOTIDIANA DI DANIEL

Durante l’anno mi dedico ai miei ex compagni di classe delle superiori di Gazzada Schianno poiché da quando ho finito la scuola nel 2010 li ho considerati i miei amici. Adesso ho il mio vicino di casa Roberto che dal 2011 circa è diventato il mio amico, a volte mi viene a trovare a casa e mi porta fuori a mangiare. Ho anche un altro vecchio amico che andava a scuola con me un anno più grande di me che si chiama Andrea che fa le stesse cose di Roberto. Le mie passioni principali sono le bandiere, i cartelli, i loghi e le parole mentre quelli secondari sono mangiare, chiacchierare, uscire e navigare in rete. Durante la settimana però i miei genitori vogliono che faccia dei lavoretti in casa per passare il tempo, ma invece decido sempre di evitarlo poiché mi annoiano. Quello che mi dicono di fare è guardare la tv, ascoltare la radio, fare cruciverba, tagliare l’erba, aiutare mio papà, correre nel campo e dare acqua alle piante. Però spesso non amo guardare la tv e ascoltare la radio poi