Passa ai contenuti principali

BASKIN: IL NOSTRO PUNTO DI VISTA


Al Millepiedi pratichiamo Baskin da 4 anni, e la squadra è rimasta quasi uguale dall’ inizio.
Abbiamo incominciato parlandone con Marco durante l’attività di Basket perché tantissime persone non riuscivano a fare canestro quindi abbiamo pensato di allargare la squadra con dei volontari in modo da aiutarci a vicenda e da migliorare insieme.
Il Baskin a noi ragazzi piace tanto perché ci da tante emozioni sia negli allenamenti che nelle partite.
Per tutti noi è divertente, per qualcuno è facile e per qualcun altro è difficile perché ci sono tante regole da rispettare e quattro canestri invece di due, però è anche molto interessante e ci rende contenti (soprattutto quando si vince J ).
Questo sport ci fa vivere varie emozioni:
durante l’allenamento anche se ci sentiamo un po’ stanchi perché corriamo tanto siamo allegri in quanto   facciamo esercizi divertenti, schiacciate, tiri liberi e ogni volta miglioriamo;
durante le partite vorremmo stare in campo più tempo possibile senza rimanere seduti in panchina però secondo noi è giusto fare giocare tutti, ci sentiamo sottopressione ma ci aiuta a fare del nostro meglio inoltre rappresenta uno sfogo.
A noi non piace litigare con i nostri compagni e nemmeno con i nostri avversari perché vorremmo essere tutti amici.
Siamo più felici quando arriviamo a casa sapendo di aver fatto bene l’allenamento, di aver seguito le indicazioni dei nostri educatori e ci piace molto andare in trasferta perché amiamo viaggiare e incontrare tante persone nuove.
Invece siamo tristi quando non riusciamo ad impegnarci, quando non vengono ascoltate le consegne dei mister, quando non giochiamo bene e litighiamo tra di noi.
Il Baskin è un gioco di squadra, la nostra è unita e anche se a volte ci capita di discutere ci divertiamo tantissimo. Non importa il risultato perché tutti ci mettiamo l’anima e giocare insieme ci permette di passare più tempo con gli amici. Ci aiutiamo tra di noi perché pensiamo che tutti debbano avere la stessa possibilità di giocare e di stare bene e lo facciamo volentieri.
Abbiamo anche tanti supporters che ci accompagnano in trasferta, che segnano i punti, che preparano il rinfresco, che sono felici se vinciamo e ci consolano se perdiamo.
Il Baskin è aperto a tutti perché giocano insieme ragazzi disabili e volontari, un hobby perché è una cosa costante che ci consente di incontrare i nostri amici e le altre squadre, è più di uno sport e anche se a volte abbiamo difficoltà ci teniamo a giocare perché è un motivo per condividere altre cose oltre alla partita: il viaggio, il cibo, le chiacchierate ecc.
Il Baskin in conclusione per noi è amicizia.
Per finire vorremo condividere alcuni dei nostri ricordi:
“Un episodio che mi ricordo è la finale che abbiamo giocato in cui ho segnato l’ultimo canestro della stagione da tre punti.”
“Quando sono andato a giocare a Cinisello Balsamo due anni fa ho dedicato un canestro alla mia amica che era venuta a vedermi perché glielo avevo promesso.”
“Ricordo una partita contro il Lentate in cui abbiamo perso con tanto scarto e ci è dispiaciuto molto anche perché qualcuno era un po’ arrabbiato.”
“Mi è piaciuto tanto mangiare le torte e i panini insieme ai miei compagni dopo l’ultima partita di Baskin a Rho.”
“Una volta ho segnato con un bel tiro da metà campo e tutti sono stati felici.”

La squadra del Millepiedi  
Jacopo



Commenti

Post popolari in questo blog

L'ITALIANIZZAZIONE DELLE PAROLE STRANIERE

Forestierismi: - backgammon = tavola reale - baseball = pallabase - bob = guidoslitta - byte = ottetto - computer = elaboratore - guardrail = guardavia - halibut = ippoglosso - hamburger = svizzera - lime = limetta - marshmallow = toffoletta - metal detector = cercametalli - motel = autostello - motocross = motocampestre - mountain bike = rampichino - mouse = topo - pacemaker = segnapassi - router = instradatore - spinnaker = fiocco a pallone Acronimi stranieri: - AIDS = SIDA (sindrome da immunodeficienza acquisita) - DNA = ADN (acido desossiribonucleico) - RNA = ARN (acido ribonucleico) - UFO = OVNI (oggetto volante non identificato) Toponimi stranieri: - Bruxelles = Brusselle - Mauritius = Maurizio - New York = Nuova York - Seychelles = Seicelle Antroponimi stranieri: - Charles Darwin = Carlo Darwin - George Washington = Giorgio Washington - Isaac Newton = Isacco Newton - William Shakespeare = Guglielmo

LA PAROLA “MOTOCAMPESTRE” PRONUNCIATA NEI MEDIA È INTROVABILE

La parola “motocampestre”, ovvero l’equivalente italiano dell’anglicismo “motocross”, non si trova pronunciata in nessun video o podcast, ad eccezione che nelle descrizioni di due video dove compare soltanto scritto, su un sito di un cinegiornale svizzero. Nel primo datato 1952 parla in tedesco sottotitolato in italiano e nel secondo datato 1953 parla in italiano dove compare soltanto la scritta “motocampestre” come titolo, senza neanche una volta pronunciare la stessa parola durante il filmato (collegamento: https://www.memobase.ch/it#find/query=motocampestre ), e in più in un cinegiornale italiano censurato datato 1949 che è stato poi perso negli anni compare scritto con il titolo "gara moto-campestre" nell'indice dei servizi dove è stato successivamente inserito in un libro del 2009 scaricabile in un file PDF da un sito di un archivio audiovisivo italiano (collegamento: https://www.aamod.it/wp-content/uploads/2016/09/AAMOD-annale-11_2008_integrale.pdf ), ma intanto com

LE BANDIERE, I CARTELLI E I LOGHI

La mia passione, oltre a quello delle parole straniere da tradurre in italiano, sono le bandiere, i cartelli e i loghi poiché sono molto belli, colorati e creativi. Dedico molto tempo ad approfondire la conoscenza di questi simboli, mi piace ricercarli in internet specialmente quelli di una volta per guardare com'erano fatti. A casa mia colleziono anche libri dedicati a questi simboli. La mia prima passione sono le bandiere che sono dei drappi di uno o di più colori variamente disposti, attaccati lungo uno dei lati a un’asta o all’albero della nave su cui vengono innalzati: simboli di una nazione, di un’associazione, di un partito, o insegne di corpi e unità militari. In particolare preferisco moltissimo le bandiere nazionali del passato. La scienza che studia le bandiere si chiama “vessillologia”, parola coniata da Whitney Smith nel 1959 che è il fondatore americano della FIAV (Federazione Internazionale Associazioni Vessillologiche), cioè la federazione internazionale dedicata