Passa ai contenuti principali

La mia esperienza da animatore all’ oratorio di Bisuschio

Io sono un ragazzo a cui piace stare in compagnia di altre persone, per questo tutte le estati, da quando ho finito gli esami di 3° media (che era nel lontano 2005) , ci vado tutti gli anni. Fare l’animatore non è una cosa semplice devi avere tantissima pazienza con i bambini e avere un bellissimo rapporto con gli altri animatori che per me sono dei “compagni di viaggio” .
Io ho incominciato grazie al mio grandissimo amico Luca”Mene” che mi ha accompagnato e aiutato per i primi anni.  A Bisuschio l’oratorio incomincia dopo la messa delle 9:15 i per i  bambini che sono iscritti al dopo scuola  e poi mangiano li’ mentre i bambini che non vanno al dopo scuola si presentano in oratorio alle ore 14:00.
All’ oratorio si fanno tantissime attività: Lavoretti, Murales, Mosaico  ,Sketch , Balletto, Teatro , Clownerie, Canto, Cucina e anche tantissimi sport: Piscina, Ippica ,Mountain-bike, Pallavolo, Basket, Pingpong, Atletica, Bocce e Tennis. Dopo la merenda si fanno anche dei giochi a squadra tipo :Palla prigioniera, Napoleone, Postino, Bandiera, Bandiera Incrociata.
Io di solito seguo i bambini di 1° e 2° elementare perché sono i più facili da curare. I bambini mi vogliono tantissimo bene e ogni anno alla festa finale c’è sempre qualche bambino o animatore che piange per nostalgia.
All’ oratorio si fanno anche tantissime gite tipo alla Casa di Riposo San Giuseppe o Madonna della Croce a Viggiù,  in montagna ad Alagna, in val d’Aosta , nelle nostre montagne vicine o al mare, o in Piscina a Fara Novarese, Acquaneva, Lodysplash, Brebbia,Ondaland .
Io mi ricordo di due gite  in particolare:   nella prima  si partiva con il battello dall’ imbarcadero di Porto Ceresio e si costeggiava tutto il lago fermandosi a Riva San Vitale, Morcote, Campione, Melide  ad ogni posto si scendeva e si  facevano delle piccole  soste. Mi ricordo tantissimo la Swise Miniatura a Melide dove abbiamo fato anche un giretto con il trenino, in quella gita c’era anche mia mamma. La seconda gita che mi ricordo era due anni fa, non mi ricordo dove eravamo, io ero da solo senza i miei genitori, ma avevo Marisa e Silvana che mi guardavano. Mi ricordo di quella gita il santuario e il lago. 
L’anno scorso ho fatto una bellissima attività in oratorio che si chiama K factor  e alla serata finale si siamo esibiti.

I miei pareri:
Secondo me l’oratorio è un bellissimo posto dove si possono incontrare tanti amici io non ho quasi mai vinto un oratorio ma l’importante non è vincere ma è partecipare

JACOPO 

Commenti

Post popolari in questo blog

L'ITALIANIZZAZIONE DELLE PAROLE STRANIERE

Forestierismi: - backgammon = tavola reale - baseball = pallabase - bob = guidoslitta - byte = ottetto - computer = elaboratore - guardrail = guardavia - halibut = ippoglosso - hamburger = svizzera - lime = limetta - marshmallow = toffoletta - metal detector = cercametalli - motel = autostello - motocross = motocampestre - mountain bike = rampichino - mouse = topo - pacemaker = segnapassi - router = instradatore - spinnaker = fiocco a pallone Acronimi stranieri: - AIDS = SIDA (sindrome da immunodeficienza acquisita) - DNA = ADN (acido desossiribonucleico) - RNA = ARN (acido ribonucleico) - UFO = OVNI (oggetto volante non identificato) Toponimi stranieri: - Bruxelles = Brusselle - Mauritius = Maurizio - New York = Nuova York - Seychelles = Seicelle Antroponimi stranieri: - Charles Darwin = Carlo Darwin - George Washington = Giorgio Washington - Isaac Newton = Isacco Newton - William Shakespeare = Guglielmo

LA PAROLA “MOTOCAMPESTRE” PRONUNCIATA NEI MEDIA È INTROVABILE

La parola “motocampestre”, ovvero l’equivalente italiano dell’anglicismo “motocross”, non si trova pronunciata in nessun video o podcast, ad eccezione che nelle descrizioni di due video dove compare soltanto scritto, su un sito di un cinegiornale svizzero. Nel primo datato 1952 parla in tedesco sottotitolato in italiano e nel secondo datato 1953 parla in italiano dove compare soltanto la scritta “motocampestre” come titolo, senza neanche una volta pronunciare la stessa parola durante il filmato (collegamento: https://www.memobase.ch/it#find/query=motocampestre ), e in più in un cinegiornale italiano censurato datato 1949 che è stato poi perso negli anni compare scritto con il titolo "gara moto-campestre" nell'indice dei servizi dove è stato successivamente inserito in un libro del 2009 scaricabile in un file PDF da un sito di un archivio audiovisivo italiano (collegamento: https://www.aamod.it/wp-content/uploads/2016/09/AAMOD-annale-11_2008_integrale.pdf ), ma intanto com

LE BANDIERE, I CARTELLI E I LOGHI

La mia passione, oltre a quello delle parole straniere da tradurre in italiano, sono le bandiere, i cartelli e i loghi poiché sono molto belli, colorati e creativi. Dedico molto tempo ad approfondire la conoscenza di questi simboli, mi piace ricercarli in internet specialmente quelli di una volta per guardare com'erano fatti. A casa mia colleziono anche libri dedicati a questi simboli. La mia prima passione sono le bandiere che sono dei drappi di uno o di più colori variamente disposti, attaccati lungo uno dei lati a un’asta o all’albero della nave su cui vengono innalzati: simboli di una nazione, di un’associazione, di un partito, o insegne di corpi e unità militari. In particolare preferisco moltissimo le bandiere nazionali del passato. La scienza che studia le bandiere si chiama “vessillologia”, parola coniata da Whitney Smith nel 1959 che è il fondatore americano della FIAV (Federazione Internazionale Associazioni Vessillologiche), cioè la federazione internazionale dedicata