Passa ai contenuti principali

Sister Act


1.     Che lavoro faceva la protagonista?
2.     Che lavoro faceva il suo fidanzato?
3.     Cosa la mette nei guai?
4.     Quale soluzione le propone la polizia?
5.     Lei è contenta?
6.     Qual è il suo nome da suora?
7.     Com’è organizzata la vita delle suore?
8.     Cosa combina una notte insieme ad altre due suore?
9.     In che modo si rende utile all’interno del convento?
10.  Che effetto hanno il nuovo coro e le nuove canzoni?
11.  Qual è la seconda proposta che fa?
12.  Come fa Vince a scoprire dov’è Delois?
13.  Cosa decidono di fare le sorelle per salvare Delois?
14.  Come va il concerto?
15.  Cosa succede dopo il concerto a Delois?

Delois è una cantante che è fidanzata con Vince, che è una persona cattiva. Un giorno litigano e lei assiste per sbaglio a un omicidio.  Vince vuole farla uccidere. Per salvarla la polizia la fa nascondere in un convento. All’inizio lei non è contenta perché le regole del convento sono molto toste, ma alla fine con la direzione del coro e con le sue idee riesce a portare un po’ di innovazione e felicità. Un giorno però Vince la trova e la rapisce. Le suore decidono di partire per salvarla e ci riescono. Il film si conclude con il concerto in cui è presente anche il Papa.

LUA: mi è piaciuto, non l’avevo mai visto. Ho trovato molto brava la protagonista
ANNA: L’avevo già visto in tv, mi è piaciuto, ma la parte con la pistola mi ha spaventata
TAMARA: anche io l’avevo già visto, due volte. Ho trovato molto bello il coro e il concerto
ALE: è un film che avevo già visto più volte. Mi è piaciuto il contesto della chiesa e delle suore (io andavo a scuola dalle suore). Si parte da una brutta situazione che si trasforma in una bella
GIUSEPPE: a me piace tutto di questo film, lei è una bravissima attrice. È bello che lei riesca a salvare il convento che stava andando male

Commenti

Post popolari in questo blog

LE BANDIERE, I CARTELLI E I LOGHI

La mia passione, oltre a quello delle parole straniere da tradurre in italiano, sono le bandiere, i cartelli e i loghi poiché sono molto belli, colorati e creativi. Dedico molto tempo ad approfondire la conoscenza di questi simboli, mi piace ricercarli in internet specialmente quelli di una volta per guardare com'erano fatti. A casa mia colleziono anche libri dedicati a questi simboli. La mia prima passione sono le bandiere che sono dei drappi di uno o di più colori variamente disposti, attaccati lungo uno dei lati a un’asta o all’albero della nave su cui vengono innalzati: simboli di una nazione, di un’associazione, di un partito, o insegne di corpi e unità militari. In particolare preferisco moltissimo le bandiere nazionali del passato. La scienza che studia le bandiere si chiama “vessillologia”, parola coniata da Whitney Smith nel 1959 che è il fondatore americano della FIAV (Federazione Internazionale Associazioni Vessillologiche), cioè la federazione internazionale dedicata

LA PAROLA “MOTOCAMPESTRE” PRONUNCIATA NEI MEDIA È INTROVABILE

La parola “motocampestre”, ovvero l’equivalente italiano dell’anglicismo “motocross”, non si trova pronunciata in nessun video o podcast, ad eccezione che nelle descrizioni di due video dove compare soltanto scritto, su un sito di un cinegiornale svizzero. Nel primo datato 1952 parla in tedesco sottotitolato in italiano e nel secondo datato 1953 parla in italiano dove compare soltanto la scritta “motocampestre” come titolo, senza neanche una volta pronunciare la stessa parola durante il filmato (collegamento: https://www.memobase.ch/it#find/query=motocampestre ), e in più in un cinegiornale italiano censurato datato 1949 che è stato poi perso negli anni compare scritto con il titolo "gara moto-campestre" nell'indice dei servizi dove è stato successivamente inserito in un libro del 2009 scaricabile in un file PDF da un sito di un archivio audiovisivo italiano (collegamento: https://www.aamod.it/wp-content/uploads/2016/09/AAMOD-annale-11_2008_integrale.pdf ), ma intanto com

LA MIA VITA QUOTIDIANA DI DANIEL

Durante l’anno mi dedico ai miei ex compagni di classe delle superiori di Gazzada Schianno poiché da quando ho finito la scuola nel 2010 li ho considerati i miei amici. Adesso ho il mio vicino di casa Roberto che dal 2011 circa è diventato il mio amico, a volte mi viene a trovare a casa e mi porta fuori a mangiare. Ho anche un altro vecchio amico che andava a scuola con me un anno più grande di me che si chiama Andrea che fa le stesse cose di Roberto. Le mie passioni principali sono le bandiere, i cartelli, i loghi e le parole mentre quelli secondari sono mangiare, chiacchierare, uscire e navigare in rete. Durante la settimana però i miei genitori vogliono che faccia dei lavoretti in casa per passare il tempo, ma invece decido sempre di evitarlo poiché mi annoiano. Quello che mi dicono di fare è guardare la tv, ascoltare la radio, fare cruciverba, tagliare l’erba, aiutare mio papà, correre nel campo e dare acqua alle piante. Però spesso non amo guardare la tv e ascoltare la radio poi