Passa ai contenuti principali

Inaugurazione CSE di Morosolo 12 settembre 2016

Il 12 settembre dopo la messa delle 20.30, alle ore 21.15 si terrà un incontro dove si parlerà de Il Millepiedi e dell’apertura del nuovo Centro Socio Educativo.
Saranno presenti un educatore, una coppia di genitori, un volontario e una psicologa, che parleranno della loro esperienza e del Millepiedi.
L’incontro si svolgerà in chiesa durante la "Sagra Settembrina" che si terrà dall’ 8 al 15 settembre a Morosolo.
Non mancate perché sarà interessante e bello e vi offriremo anche qualche dolcetto, vi aspettiamo numerosi!


Un breve riassunto della nostra storia
Il millepiedi è nato nel 1998 a Induno Olona, che è stata la nostra prima sede. È un centro per ragazzi e ragazze disabili di età compresa tra i 18 e i 65 anni. La sede era molto piccola e noi stavamo molto stretti. Dopo qualche anno i nostri educatori hanno deciso di aprire una nuova sede a   San Fermo, che è   un quartiere di Varese. 
Il nostro centro  offre diversi servizi:  Minori, SFA e CSE ma anche dei corsi  sportivi ,teatrali, artistici e informatici . E infine abbiamo aperto una Casa Didattica a Morosolo, dove si possono fare dei week end   e corsi di cucina   che si chiamano “Acquolina in bocca” aiutati dai nostri educatori. 

I week end si fanno due volte al mese e si impara a conoscersi meglio e creare una bella amicizia tra noi. Nei week end impariamo a essere molto indipendenti e a essere autonomi, per esempio impariamo a fare il letto, a cucinare, a lavare i piatti, a fare la spesa, a lavare il pavimento, ecc.  Durante i week end si fanno anche dei giochi e delle bellissime scampagnate nei dintorni, oppure si vedono dei film o si esce a bere qualcosa.


Il corso di “Acquolina in bocca”, invece, è un bellissimo corso di cucina che si tiene il Lunedì , il  Martedì e il Giovedì sera dalle ore 17:00 alle 21:00. Prima di tutto noi ragazzi andiamo a fare la spesa con le nostre educatrici e poi si cucina. Tante volte ci beviamo anche una gustosissima tisana relax . La cosa più difficile è quella di lavare i piatti e le stoviglie. 
La cosa bella della casa “Mille e una notte” e quella che i ragazzi imparano a cucinare ed è  proprio una casa accogliente.  


Commenti

Post popolari in questo blog

L'ITALIANIZZAZIONE DELLE PAROLE STRANIERE

Forestierismi: - backgammon = tavola reale - baseball = pallabase - bob = guidoslitta - byte = ottetto - computer = elaboratore - guardrail = guardavia - halibut = ippoglosso - hamburger = svizzera - lime = limetta - marshmallow = toffoletta - metal detector = cercametalli - motel = autostello - motocross = motocampestre - mountain bike = rampichino - mouse = topo - pacemaker = segnapassi - router = instradatore - spinnaker = fiocco a pallone Acronimi stranieri: - AIDS = SIDA (sindrome da immunodeficienza acquisita) - DNA = ADN (acido desossiribonucleico) - RNA = ARN (acido ribonucleico) - UFO = OVNI (oggetto volante non identificato) Toponimi stranieri: - Bruxelles = Brusselle - Mauritius = Maurizio - New York = Nuova York - Seychelles = Seicelle Antroponimi stranieri: - Charles Darwin = Carlo Darwin - George Washington = Giorgio Washington - Isaac Newton = Isacco Newton - William Shakespeare = Guglielmo

LA PAROLA “MOTOCAMPESTRE” PRONUNCIATA NEI MEDIA È INTROVABILE

La parola “motocampestre”, ovvero l’equivalente italiano dell’anglicismo “motocross”, non si trova pronunciata in nessun video o podcast, ad eccezione che nelle descrizioni di due video dove compare soltanto scritto, su un sito di un cinegiornale svizzero. Nel primo datato 1952 parla in tedesco sottotitolato in italiano e nel secondo datato 1953 parla in italiano dove compare soltanto la scritta “motocampestre” come titolo, senza neanche una volta pronunciare la stessa parola durante il filmato (collegamento: https://www.memobase.ch/it#find/query=motocampestre ), e in più in un cinegiornale italiano censurato datato 1949 che è stato poi perso negli anni compare scritto con il titolo "gara moto-campestre" nell'indice dei servizi dove è stato successivamente inserito in un libro del 2009 scaricabile in un file PDF da un sito di un archivio audiovisivo italiano (collegamento: https://www.aamod.it/wp-content/uploads/2016/09/AAMOD-annale-11_2008_integrale.pdf ), ma intanto com

LE BANDIERE, I CARTELLI E I LOGHI

La mia passione, oltre a quello delle parole straniere da tradurre in italiano, sono le bandiere, i cartelli e i loghi poiché sono molto belli, colorati e creativi. Dedico molto tempo ad approfondire la conoscenza di questi simboli, mi piace ricercarli in internet specialmente quelli di una volta per guardare com'erano fatti. A casa mia colleziono anche libri dedicati a questi simboli. La mia prima passione sono le bandiere che sono dei drappi di uno o di più colori variamente disposti, attaccati lungo uno dei lati a un’asta o all’albero della nave su cui vengono innalzati: simboli di una nazione, di un’associazione, di un partito, o insegne di corpi e unità militari. In particolare preferisco moltissimo le bandiere nazionali del passato. La scienza che studia le bandiere si chiama “vessillologia”, parola coniata da Whitney Smith nel 1959 che è il fondatore americano della FIAV (Federazione Internazionale Associazioni Vessillologiche), cioè la federazione internazionale dedicata