Passa ai contenuti principali

HEIDI




Io guardo pochissimo la televisione ma il mio cartone animato preferito è Heidi. Questo cartone è molto bello e a me e a Mia mamma ci fa rilassare tantissimo.  La storia racconta di questa piccola bambina svizzera di nome Heidi che era una povera orfana e viveva con la zia Dete. Quando aveva 6 anni la zia trova un posto di lavoro a Francoforte quindi non poteva accudirla e quindi la lascia a suo nonno che si chiama Hessen ma lo chiamano tutti “Vecchio dell’alpe “, questo nonno era molto solitario e burbero e viveva in una baita in alto alla montagna con il suo cane Nebbia e le sue caprette Bianchina e Diana. Dopo qualche giorno che Heidi abitava con lui conobbe Peter il ragazzo che portava le capre all’ alpeggio. Dopo qualche anno è tornata Zia Dete dicendo che voleva portare con se Heidi a Francoforte ma Heidi non voleva separarsi dal nonno e da Peter. A Francoforte Zia Dete la porta subito a casa di Clara Seseman. Clara era una bellissima ragazza bionda che non poteva camminare ed era sempre assistista dalla cattivissima signorina Rotermeier. Heidi soffriva di nostalgia e quindi non poteva stare a Francoforte perché se no si ammalava. E quindi il dottore si era accorto che la piccola era molto pallida e sognava sempre il nonno così ordino a Sebastiano il maggiordomo di accompagnare Heidi a casa sua. Heidi era molto felice perché voleva tornare a casa dal Nonno Hessen e da Peter il suo migliore amico ma era anche triste perché doveva lasciare la sua amica Clara, ma Clara le fece una promessa “quando sarà primavera verrò a trovarti”. Quando la piccola arriva a Majefeld il paese del nonno i suoi amici erano tutti felici di rivederla ma Heidi trova tre cambiamenti : uno era il suo letto di fieno che era stato disfatto da suo nonno perché non pensava che tornasse indietro ,la seconda era che Fiocco di neve la sua capretta preferita aveva  avuto una figlia e la terza era che Bianchina la capra del Nonno era incinta. Heidi quell’ inverno incominciò ad andare a scuola con il suo amico Peter e quindi si era trasferita in paese Heidi era bravissima a scuola ma Peter non lo era per niente lui preferiva andare a correre con la slitta. Nel frattempo a casa Seseman Clara era un pochino triste perché voleva andare a trovare la sua amica Heidi e quindi ordinò alla signorina Rotermeier di scrivere un telegramma al papà per digli di tornare a casa. Prima è andato il Dotor Klassen a trovare Heidi e poi ha detto a Clara che poteva andare. Clara e Heidi erano molto contente di rivedersi Clara è stata da Heidi quasi un mesetto e le loro giornate passavano sempre velocemente giocando e facendo esercizi per imparare a camminare. Ma un bel giorno d’estate Clara ha finalmente imparato a camminare da sola e quindi è ritornata a Francoforte.



JACOPO 

Commenti

Post popolari in questo blog

L'ITALIANIZZAZIONE DELLE PAROLE STRANIERE

Forestierismi: - backgammon = tavola reale - baseball = pallabase - bob = guidoslitta - byte = ottetto - computer = elaboratore - guardrail = guardavia - halibut = ippoglosso - hamburger = svizzera - lime = limetta - marshmallow = toffoletta - metal detector = cercametalli - motel = autostello - motocross = motocampestre - mountain bike = rampichino - mouse = topo - pacemaker = segnapassi - router = instradatore - spinnaker = fiocco a pallone Acronimi stranieri: - AIDS = SIDA (sindrome da immunodeficienza acquisita) - DNA = ADN (acido desossiribonucleico) - RNA = ARN (acido ribonucleico) - UFO = OVNI (oggetto volante non identificato) Toponimi stranieri: - Bruxelles = Brusselle - Mauritius = Maurizio - New York = Nuova York - Seychelles = Seicelle Antroponimi stranieri: - Charles Darwin = Carlo Darwin - George Washington = Giorgio Washington - Isaac Newton = Isacco Newton - William Shakespeare = Guglielmo

LA PAROLA “MOTOCAMPESTRE” PRONUNCIATA NEI MEDIA È INTROVABILE

La parola “motocampestre”, ovvero l’equivalente italiano dell’anglicismo “motocross”, non si trova pronunciata in nessun video o podcast, ad eccezione che nelle descrizioni di due video dove compare soltanto scritto, su un sito di un cinegiornale svizzero. Nel primo datato 1952 parla in tedesco sottotitolato in italiano e nel secondo datato 1953 parla in italiano dove compare soltanto la scritta “motocampestre” come titolo, senza neanche una volta pronunciare la stessa parola durante il filmato (collegamento: https://www.memobase.ch/it#find/query=motocampestre ), e in più in un cinegiornale italiano censurato datato 1949 che è stato poi perso negli anni compare scritto con il titolo "gara moto-campestre" nell'indice dei servizi dove è stato successivamente inserito in un libro del 2009 scaricabile in un file PDF da un sito di un archivio audiovisivo italiano (collegamento: https://www.aamod.it/wp-content/uploads/2016/09/AAMOD-annale-11_2008_integrale.pdf ), ma intanto com

LE BANDIERE, I CARTELLI E I LOGHI

La mia passione, oltre a quello delle parole straniere da tradurre in italiano, sono le bandiere, i cartelli e i loghi poiché sono molto belli, colorati e creativi. Dedico molto tempo ad approfondire la conoscenza di questi simboli, mi piace ricercarli in internet specialmente quelli di una volta per guardare com'erano fatti. A casa mia colleziono anche libri dedicati a questi simboli. La mia prima passione sono le bandiere che sono dei drappi di uno o di più colori variamente disposti, attaccati lungo uno dei lati a un’asta o all’albero della nave su cui vengono innalzati: simboli di una nazione, di un’associazione, di un partito, o insegne di corpi e unità militari. In particolare preferisco moltissimo le bandiere nazionali del passato. La scienza che studia le bandiere si chiama “vessillologia”, parola coniata da Whitney Smith nel 1959 che è il fondatore americano della FIAV (Federazione Internazionale Associazioni Vessillologiche), cioè la federazione internazionale dedicata