Passa ai contenuti principali

Il mio week end


Venerdì pomeriggio sono andato a fare benzina con mio papà e poi sono andato a Saltrio a trovare mia nonna Franceschina e mio nonno Raul; gli abbiamo portato una focaccia dolce. Alle 16:00 sono andato al Millepiedi per fare il laboratorio d’arte, abbiamo fatto tantissime mascherine io ne ho fatto tre: una di Spiderman, una maschera veneziana e una di Goku. Alle 18:00 è venuto Andrea a prenderci per fare l’uscita mensile con Simone, Mario, Elena, Gabriele e Alessandro, mancava solo Selena perché aveva una festa di compleanno di una sua amica. Dovevamo andare al ristorante vegano ma era chiuso allora abbiamo deciso di andare al ristorante “La cucina tipica di Altamura” dove abbiamo provato diverse prelibatezze tipiche della Puglia. Verso le 20:30 siamo andati alla cioccolateria dove io ho potuto gustare una squisita cioccolata calda ai frutti di busco. Verso le 22:00 siamo tornati a San Cassano e io sono andato alla pizzeria “Alba” dove Francesca, Luciano, Gina, Olga , Alberta, Loredana, Gabriele, Silvana, Enza e il mitico Antonio erano a cena. È stato bello perché Antonio e Luciano non li vedevo da qualche mese e abbiamo riso e scherzato tutti insieme. La mia amica Francesca(Ammi)  ha voluto fare uno foto con  la mascherina di Goku e il sottoscritto. Quella sera la Francesca secondo me era un pochino strana, continuava a ripetere questa frase “E.T. CASA” , la Enza ha fatto anche la foto con  me, Gabriele , Luciano e  Loredana  “ due interisti, un milanista e uno juventino”;  mi è spiaciuto tantissimo perché la mia amica Gina quella sera non è stata bene. Sabato mattina, dopo Aquagym, sono andato a casa a mangiare e alle 16:00 sono andato alle prove di teatro fino alle ore 18:00, poi sono andato a messa con i miei genitori e avevo di fronte a me la mia grande amica Rita e suo marito, che vanno sempre alla messa delle 18:00, perché al marito di Rita piace il nostro prete che si chiama Don Adriano. Dopo messa sono tornato a casa a cambiarmi perché dovevo andare alla festa di carnevale del gruppo “Coretto”. Io ero un bellissimo indiano, abbiamo mangiato la pizza e le torte, le mie amiche Rina, Giuse e Gabriele “ Vezza” volevano a tutti i costi sentire la canzone che ho pubblicato in facebock “Amami Amami” allora io ho chiesto il cellulare di mamma (perché io lo avevo dimenticato a casa) e poi abbiamo anche ballato i balli di gruppo. Ieri invece abbiamo fatto la partita a Como siamo partiti alle 10:15 da San fermo, la partita non è andata bene, io ho giocato solo la partita amichevole. L’unico canestro che è stato fatto dalla lunetta è stato fatto da Andrea “Magic”, purtroppo abbiamo perso mentre l’amichevole è andata benissimo. Dopo la partita abbiamo mangiato, io ho mangiato una buonissima Focaccia alla Mortadella poi siamo tornati al Millepiedi alle 15:50. Dopo io ho portato a casa Paola e sono andato a Porto Ceresio al 40° carnevale ceresino. Io ero vestito da Dotto e ho anche trovato la mia amica milanista Katia che era travestita da Biancaneve e ho fatto una foto con i miei grandi amici Ritina e Domenico. Ieri sera invece ho mangiato una buonissima pizza bianca alla pancetta.

Questo week end mi è piaciuto tantissimo mi è spiaciuto non avere visto i carri di carnevale.

Jacopo 

Commenti

Post popolari in questo blog

L'ITALIANIZZAZIONE DELLE PAROLE STRANIERE

Forestierismi: - backgammon = tavola reale - baseball = pallabase - bob = guidoslitta - byte = ottetto - computer = elaboratore - guardrail = guardavia - halibut = ippoglosso - hamburger = svizzera - lime = limetta - marshmallow = toffoletta - metal detector = cercametalli - motel = autostello - motocross = motocampestre - mountain bike = rampichino - mouse = topo - pacemaker = segnapassi - router = instradatore - spinnaker = fiocco a pallone Acronimi stranieri: - AIDS = SIDA (sindrome da immunodeficienza acquisita) - DNA = ADN (acido desossiribonucleico) - RNA = ARN (acido ribonucleico) - UFO = OVNI (oggetto volante non identificato) Toponimi stranieri: - Bruxelles = Brusselle - Mauritius = Maurizio - New York = Nuova York - Seychelles = Seicelle Antroponimi stranieri: - Charles Darwin = Carlo Darwin - George Washington = Giorgio Washington - Isaac Newton = Isacco Newton - William Shakespeare = Guglielmo

LA PAROLA “MOTOCAMPESTRE” PRONUNCIATA NEI MEDIA È INTROVABILE

La parola “motocampestre”, ovvero l’equivalente italiano dell’anglicismo “motocross”, non si trova pronunciata in nessun video o podcast, ad eccezione che nelle descrizioni di due video dove compare soltanto scritto, su un sito di un cinegiornale svizzero. Nel primo datato 1952 parla in tedesco sottotitolato in italiano e nel secondo datato 1953 parla in italiano dove compare soltanto la scritta “motocampestre” come titolo, senza neanche una volta pronunciare la stessa parola durante il filmato (collegamento: https://www.memobase.ch/it#find/query=motocampestre ), e in più in un cinegiornale italiano censurato datato 1949 che è stato poi perso negli anni compare scritto con il titolo "gara moto-campestre" nell'indice dei servizi dove è stato successivamente inserito in un libro del 2009 scaricabile in un file PDF da un sito di un archivio audiovisivo italiano (collegamento: https://www.aamod.it/wp-content/uploads/2016/09/AAMOD-annale-11_2008_integrale.pdf ), ma intanto com

LE BANDIERE, I CARTELLI E I LOGHI

La mia passione, oltre a quello delle parole straniere da tradurre in italiano, sono le bandiere, i cartelli e i loghi poiché sono molto belli, colorati e creativi. Dedico molto tempo ad approfondire la conoscenza di questi simboli, mi piace ricercarli in internet specialmente quelli di una volta per guardare com'erano fatti. A casa mia colleziono anche libri dedicati a questi simboli. La mia prima passione sono le bandiere che sono dei drappi di uno o di più colori variamente disposti, attaccati lungo uno dei lati a un’asta o all’albero della nave su cui vengono innalzati: simboli di una nazione, di un’associazione, di un partito, o insegne di corpi e unità militari. In particolare preferisco moltissimo le bandiere nazionali del passato. La scienza che studia le bandiere si chiama “vessillologia”, parola coniata da Whitney Smith nel 1959 che è il fondatore americano della FIAV (Federazione Internazionale Associazioni Vessillologiche), cioè la federazione internazionale dedicata