Passa ai contenuti principali

Le mie ricette di Jacopo

Pesto ligure

Ingredienti:

50 g di basilico
2 rametti di prezzemolo
1 spicchio piccolo d’aglio
2 gherigli di noce
1 cucchiaio di pinoli
1 cucchiaio di parmigiano o pecorino grattugiato
100 ml di olio extravergine d’oliva

Procedimento:
Lavare accuratamente le foglie di basilico in acqua fredda corrente e farle asciugare all’ aria, stese su un canovaccio.  Trasferitele nel mortaio con il prezzemolo, l’aglio, le noci e i pinoli e schiacciare con il pestello di legno. Premere con forza senza dare colpi. Incorporare il formaggio poco per volta e, quando il composto sarà omogeneo, unire l’olio a filo mescolando con una spatola di legno fino ad ottenere un composto cremoso.  È un errore cambiare recipiente al momento di aggiungere l’olio : parte della fragranza del basilico rimane infatti sulle pareti del mortaio  , quindi mescolandolo nello stesso recipiente l’olio ne assorbirà tutto l’aroma.


Bomboloni di patate
Ingredienti:
1 patata
1 uovo
6 g di lievito di birra
4 cucchiai di latte
200 g di farina 00
Caciotta q. b. (o altro formaggio che fonda con calore)
Qualche fetta di mortadella
Olio di arachide q.b. per friggere
Sale q.b

Procedimento :
Lessare la patata , sbucciarla e passarla allo schiacciapatate. Trasferitela in una ciotola, aggiungere l’uovo e il lievito sciolto nel latte tiepido. Salare e amalgamare il tutto unendo sufficiente farina per ottenere un impasto morbido (tipo quello degli gnocchi di patate). Infarinarsi le mani, ricavate dal composto delle palline grandi quanto una noce, farcire con un pezzetto di caciotta (o altro formaggio filante)  e  un quadretto di mortadella, passarle nella farina e disporle su un vassoio. Far lievitate a temperatura ambiente per 1 ora circa, quindi friggete in olio bollente. Servire caldi o freddi



Sfogliatine al prosciutto
Ingredienti:
300 gr di pasta sfoglia
150 gr di prosciutto
15 olive (nere o verdi) snocciolate
2 uova sode
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
Olio extravergine d’oliva q.b.
Sale e pepe q.b.

 Procedimento:
Sminuzzare finemente il prosciutto, le uova sode e le olive. Unire il prezzemolo tritato salare, pepare  e condire con 2 cucchiai d’olio. Stendere la pasta in una sfoglia di 2 mm di spessore e ricavare dei dischi del diametro di 7 cm. Farcire ogni disco con un cucchiaio del composto precedentemente preparato e ripiegare a mezzaluna premendo bene i bordi per sigillare. Ungere una placca, disporvi le mezzelune e cuocere in forno a 200° C per 20 minuti. Servire la sfogliatine ben calde.

 




Commenti

Post popolari in questo blog

L'ITALIANIZZAZIONE DELLE PAROLE STRANIERE

Forestierismi: - backgammon = tavola reale - baseball = pallabase - bob = guidoslitta - byte = ottetto - computer = elaboratore - guardrail = guardavia - halibut = ippoglosso - hamburger = svizzera - lime = limetta - marshmallow = toffoletta - metal detector = cercametalli - motel = autostello - motocross = motocampestre - mountain bike = rampichino - mouse = topo - pacemaker = segnapassi - router = instradatore - spinnaker = fiocco a pallone Acronimi stranieri: - AIDS = SIDA (sindrome da immunodeficienza acquisita) - DNA = ADN (acido desossiribonucleico) - RNA = ARN (acido ribonucleico) - UFO = OVNI (oggetto volante non identificato) Toponimi stranieri: - Bruxelles = Brusselle - Mauritius = Maurizio - New York = Nuova York - Seychelles = Seicelle Antroponimi stranieri: - Charles Darwin = Carlo Darwin - George Washington = Giorgio Washington - Isaac Newton = Isacco Newton - William Shakespeare = Guglielmo

LA PAROLA “MOTOCAMPESTRE” PRONUNCIATA NEI MEDIA È INTROVABILE

La parola “motocampestre”, ovvero l’equivalente italiano dell’anglicismo “motocross”, non si trova pronunciata in nessun video o podcast, ad eccezione che nelle descrizioni di due video dove compare soltanto scritto, su un sito di un cinegiornale svizzero. Nel primo datato 1952 parla in tedesco sottotitolato in italiano e nel secondo datato 1953 parla in italiano dove compare soltanto la scritta “motocampestre” come titolo, senza neanche una volta pronunciare la stessa parola durante il filmato (collegamento: https://www.memobase.ch/it#find/query=motocampestre ), e in più in un cinegiornale italiano censurato datato 1949 che è stato poi perso negli anni compare scritto con il titolo "gara moto-campestre" nell'indice dei servizi dove è stato successivamente inserito in un libro del 2009 scaricabile in un file PDF da un sito di un archivio audiovisivo italiano (collegamento: https://www.aamod.it/wp-content/uploads/2016/09/AAMOD-annale-11_2008_integrale.pdf ), ma intanto com

LE BANDIERE, I CARTELLI E I LOGHI

La mia passione, oltre a quello delle parole straniere da tradurre in italiano, sono le bandiere, i cartelli e i loghi poiché sono molto belli, colorati e creativi. Dedico molto tempo ad approfondire la conoscenza di questi simboli, mi piace ricercarli in internet specialmente quelli di una volta per guardare com'erano fatti. A casa mia colleziono anche libri dedicati a questi simboli. La mia prima passione sono le bandiere che sono dei drappi di uno o di più colori variamente disposti, attaccati lungo uno dei lati a un’asta o all’albero della nave su cui vengono innalzati: simboli di una nazione, di un’associazione, di un partito, o insegne di corpi e unità militari. In particolare preferisco moltissimo le bandiere nazionali del passato. La scienza che studia le bandiere si chiama “vessillologia”, parola coniata da Whitney Smith nel 1959 che è il fondatore americano della FIAV (Federazione Internazionale Associazioni Vessillologiche), cioè la federazione internazionale dedicata