Passa ai contenuti principali

QUALCHE RISATA CON LE MIE BARZELLETTE di Jacopo

IL BIANCO E IL BRUNO  
Un giovane orso bruno dal carattere affettuoso parte dalla sua tana per conoscere il mondo. Si spinge a nord, arrivando nelle terre delle nevi eterne. Un giorno si abbatte in un orso bianco. Non avendo mai visto una cosa simile con una pelliccia così candida esclama: Ma come sei vecchio!


CHE MAETRA!
Manuele torna a casa da scuola tutto arrabbiato. La mamma gli domanda il motivo e lui dice che è arrivate una supplente di matematica che non sa nulla. La mamma meravigliata da quel giudizio, gli chiese allora; _ Come fa a dire che non sa nulla? – Ma dai mamma – ribatte il bambino– per tutta la mattina non ha fatto altro che chiedere a noi alunni quanto fa due per due, tre per cinque, sei per otto…

 PARLI INGLESE
Un tizio domanda ad un amico: - Sai mica cosa vuol dire “why” in inglese? L’altro risponde; - “Perché”! E’ il primo; - Mah, così tanto per saperlo !

AL POLO NORD
Mamma orsa e il piccolo orsetto bianco si imbattono in un eschimese che ha ai piedi delle racchette da neve. Guarda mamma dice il piccolo orso tutto contento. - in quelle merendina ci sono due racchette da tennis in omaggio!

BRICOLAGE
Una signora dice all’ amica –Mio marito è un vero appassionato del “ Fai da te”! – Anche il mio – ribatte l’altra-  Me lo dice ogni volta che gli chiedo di  fare qualcosa !

LAVORI DI SCAVO
Un bambino sta scavando una buca in giardino. Il padre quando se ne accorge , gli grida: Ma cosa stai facendo? E il figlio convinto:-  Voglio vedere  quanto è stato profondo il nostro giardino !

IL LETTO ADATTO
Un tizio basso e mingherlino entra in un negozio e dice al commesso: - Vorrei un letto robusto !  - Ma se mi permette lei non mi sembra così grosso da avere !bisogno ! Lo so ma ho il sonno moolto pesante

DRIIN
Suonano alla porta. Mentre la mamma va ad aprire , Alberto le si avvicina e le dice :- Se è una signora con un secchio di vernice in testa , io non ci sono

LA LETTERA NACOSTA
A Scuola la maestra domanda a Filippo-  Dimmi una parola che contenga la lettera “L” il bambino si pensa un po’ ; poi dice  : Uovo . Uovo? chiede la maestra meravigliata e la “L” dov’è? Nel tuorlo!

IMPOSSIBILE DORMIRE
In tenda, a notte fonda, Mario si lamenta a voce alta – Non riesco a dormire accipicchia!  Deve esserci una formica morta, nel mio sacco a pelo!  E che noia ti dà? gli domanda l’amico Giulio un po’ meravigliato. – Lei nessuna ma le diecimila che sono venute al suo funerale me ne danno eccome!

L’AVVISO
Mentre passeggia su lungo mare la signora Elvira sente improvvisamente il bisogno di andare in bagno. Si reca perciò sul retro di una gelateria dove ha visto l’insegna dei bagni. La porta però e chiusa e sulla maniglia è attaccato un cartellino     con scritto “Serratura guasta “: La donna prova lo stesso a girare la maniglia ma, le rimane in mano il pomolo con tutta l’asticella. Sulla quale legge:” Ora ci credi?”

MAMMA COME PESA
Due facchini stanno facendo un trasloco. A un certo punto si trovano a dover trasportare al terzo piano un pesantissimo pianoforte a coda. Mentre salgono le scale sudando e sbuffando uno dei due dice all’ altro, uno dei due dice all’ altro: - Ora capisco perché quando dovevo scegliere uno strumento da suonare a scuola, mio padre fece di tutto per convincermi a suonare il flauto!

LO DICE L’OROSCOPO
La signora Furbotti è seduta in poltrona a leggere un giornale. A un certo punto dice al marito :- Sai secondo il mio oroscopo oggi riceverò un bellissimo regalo da un uomo bello, simpatico e generoso  !- Ah- commenta il marito – e di me  cosa dice l’oroscopo ? Che sei bello simpatico e generoso!

DUBBI DA FANTASMI
Due fantasmi stanno trascinando le loro catene per i corridoi di un antico castello . A un certo punto uno chiede all’ altro : -Ma tu ci credi ancora all’ esistenza degli esseri umani ?

SCENDE IL TERMOMETRO

Un bambino corre dal padre –Papà, Papà! Il termometro è sceso di brutto – Va bene- sorride il genitore- Ci metteremo vestiti più pesanti! Qi quanto è sceso il termometro? – Di quattro piani risponde il bimbo – risponde il bimbo – mi è caduto dal balcone! 

Commenti

Post popolari in questo blog

LE BANDIERE, I CARTELLI E I LOGHI

La mia passione, oltre a quello delle parole straniere da tradurre in italiano, sono le bandiere, i cartelli e i loghi poiché sono molto belli, colorati e creativi. Dedico molto tempo ad approfondire la conoscenza di questi simboli, mi piace ricercarli in internet specialmente quelli di una volta per guardare com'erano fatti. A casa mia colleziono anche libri dedicati a questi simboli. La mia prima passione sono le bandiere che sono dei drappi di uno o di più colori variamente disposti, attaccati lungo uno dei lati a un’asta o all’albero della nave su cui vengono innalzati: simboli di una nazione, di un’associazione, di un partito, o insegne di corpi e unità militari. In particolare preferisco moltissimo le bandiere nazionali del passato. La scienza che studia le bandiere si chiama “vessillologia”, parola coniata da Whitney Smith nel 1959 che è il fondatore americano della FIAV (Federazione Internazionale Associazioni Vessillologiche), cioè la federazione internazionale dedicata

LA PAROLA “MOTOCAMPESTRE” PRONUNCIATA NEI MEDIA È INTROVABILE

La parola “motocampestre”, ovvero l’equivalente italiano dell’anglicismo “motocross”, non si trova pronunciata in nessun video o podcast, ad eccezione che nelle descrizioni di due video dove compare soltanto scritto, su un sito di un cinegiornale svizzero. Nel primo datato 1952 parla in tedesco sottotitolato in italiano e nel secondo datato 1953 parla in italiano dove compare soltanto la scritta “motocampestre” come titolo, senza neanche una volta pronunciare la stessa parola durante il filmato (collegamento: https://www.memobase.ch/it#find/query=motocampestre ), e in più in un cinegiornale italiano censurato datato 1949 che è stato poi perso negli anni compare scritto con il titolo "gara moto-campestre" nell'indice dei servizi dove è stato successivamente inserito in un libro del 2009 scaricabile in un file PDF da un sito di un archivio audiovisivo italiano (collegamento: https://www.aamod.it/wp-content/uploads/2016/09/AAMOD-annale-11_2008_integrale.pdf ), ma intanto com

LA MIA VITA QUOTIDIANA DI DANIEL

Durante l’anno mi dedico ai miei ex compagni di classe delle superiori di Gazzada Schianno poiché da quando ho finito la scuola nel 2010 li ho considerati i miei amici. Adesso ho il mio vicino di casa Roberto che dal 2011 circa è diventato il mio amico, a volte mi viene a trovare a casa e mi porta fuori a mangiare. Ho anche un altro vecchio amico che andava a scuola con me un anno più grande di me che si chiama Andrea che fa le stesse cose di Roberto. Le mie passioni principali sono le bandiere, i cartelli, i loghi e le parole mentre quelli secondari sono mangiare, chiacchierare, uscire e navigare in rete. Durante la settimana però i miei genitori vogliono che faccia dei lavoretti in casa per passare il tempo, ma invece decido sempre di evitarlo poiché mi annoiano. Quello che mi dicono di fare è guardare la tv, ascoltare la radio, fare cruciverba, tagliare l’erba, aiutare mio papà, correre nel campo e dare acqua alle piante. Però spesso non amo guardare la tv e ascoltare la radio poi