Passa ai contenuti principali

LA MITICA GITA IN TOSCANA


Nella primavera del 2006 una mattina presto,  noi ragazzi e ragazze della 1°P e 1°Q siamo partiti per il viaggio d’istruzione in Toscana.  Le nostre mete erano San Gimignano, Parco della Maremma e Siena. Io ero seduto vicino al prof Giovanni il mio professore di sostegno, io dell’altra sezione conoscevo solo Daniele e Wladimir un mio amico Ucraino mentre gli altri ragazzi non li conoscevo. Dopo un po’ di strada ci siamo fermati all’ autogrill dove io mi sono comprato una buona Rustichella e ho conosciuto gli altri partecipanti. Quando siamo arrivati a San Gimignano ci siamo divisi in vari gruppetti,  i nostri amici della altra classe mi sembravano un po’ spaesati con me , ma io non ho fatto fatica ha fare amicizia con loro. Abbiamo visitato San Gimignano che è famosa per le sue bellissime torri e  una porta che si chiama “Porta di San Jacopo”. Nel tardo pomeriggio un nostro amico di Viggiù ,di cui mi  sfugge il nome , ha chiesto al professore Monteleone di dirci le camere e  lui ha risposto “Sei venuto da Viggiù solo per questo?”. Quando eravamo sul pullman finalmente è arrivato il momento più bello del viaggio cioè l’assegnazione delle camere: io ero con Merlina, Menegazzo e Pisano. Dopo esserci sistemati Menegazzo detto “Mene” ha fatto la doccia, io ridevo come un pazzo perché lui sotto la doccia canta tante canzoni, le femmine si sono tutte profumate e poi siamo andati a cena. Dopo cena Io, Calci, Triaca, Massacra, Menegazzo e Ballerini siamo usciti a prendere un po’ di fresco loro fumavano tutti mentre io non ho mai fumato. Alle ore 22:00 sono andato a letto ma non è stato difficile addormentarmi perché Wladimir, Castriciano e altri capitanati da Daniele hanno cominciato a fare casino con una pallina di plastica. Io sono uscito dalla camera che ero nero dall’ arrabbiatura  e ho detto “Blokan, Castriciano e  Danzi piantatela di fare casino io sto dormendo. Daniele ti ricordavo  più timido. Il giorno dopo ci siamo alzati di buon’ora e abbiamo subito chiamato nella camera di Iannuzzi, Conti e Marangon dicendo così  : “Iannuzzi lavati che puzzi”   “Jaco sono il Conti” “scusa Dani”  dopo esserci preparati siamo partiti per il Parco dell’ Uccellina “ o Parco della Maremma” dove c’era tantissimo da camminare. Io avevo dei bellissimi pantaloni il giorno prima  e li ho tenuti per il giorno dopo perché mi sentivo bello. È stato difficile e faticoso fare questa camminata perché io non ero abituato a camminare, ma quando ho intravisto il mare abbiamo fatto una gara a chi arrivava per primo.  L’ultimo giorno siamo andati nella bellissima città di Siena dove ci siamo ancora divisi in gruppetti e siamo andati a vedere la cittadina che a me è piaciuta tantissimo. Per il pranzo io, Calci, Ballerini, Triacca, Massacra e Menegazzo siamo andati in un bar dove abbiamo mangiato i panini.
Questa gita mi è piaciuta tantissimo ho fatto amicizia con Meneghini, Mazzola ,Molina , Sorrenti, Castriciano , Dinisi e altri ragazzi. I  miei  grandi  amici di quei giorni si chiamavano  Mustari e Visco erano due bellissimi ragazzi. La mia amica Cassani mi ha fatto un pochino preoccupare perché continuava a piangere perché  non trovava piu’ il suo telefonino. Anche se sono passati 11 anni questi ricordi di quei bellissimi giorni  mi rimangono sempre nel cuore  e  i i miei amici li sento tuttora 

Jacopo





Commenti

Post popolari in questo blog

L'ITALIANIZZAZIONE DELLE PAROLE STRANIERE

Forestierismi: - backgammon = tavola reale - baseball = pallabase - bob = guidoslitta - byte = ottetto - computer = elaboratore - guardrail = guardavia - halibut = ippoglosso - hamburger = svizzera - lime = limetta - marshmallow = toffoletta - metal detector = cercametalli - motel = autostello - motocross = motocampestre - mountain bike = rampichino - mouse = topo - pacemaker = segnapassi - router = instradatore - spinnaker = fiocco a pallone Acronimi stranieri: - AIDS = SIDA (sindrome da immunodeficienza acquisita) - DNA = ADN (acido desossiribonucleico) - RNA = ARN (acido ribonucleico) - UFO = OVNI (oggetto volante non identificato) Toponimi stranieri: - Bruxelles = Brusselle - Mauritius = Maurizio - New York = Nuova York - Seychelles = Seicelle Antroponimi stranieri: - Charles Darwin = Carlo Darwin - George Washington = Giorgio Washington - Isaac Newton = Isacco Newton - William Shakespeare = Guglielmo

LA PAROLA “MOTOCAMPESTRE” PRONUNCIATA NEI MEDIA È INTROVABILE

La parola “motocampestre”, ovvero l’equivalente italiano dell’anglicismo “motocross”, non si trova pronunciata in nessun video o podcast, ad eccezione che nelle descrizioni di due video dove compare soltanto scritto, su un sito di un cinegiornale svizzero. Nel primo datato 1952 parla in tedesco sottotitolato in italiano e nel secondo datato 1953 parla in italiano dove compare soltanto la scritta “motocampestre” come titolo, senza neanche una volta pronunciare la stessa parola durante il filmato (collegamento: https://www.memobase.ch/it#find/query=motocampestre ), e in più in un cinegiornale italiano censurato datato 1949 che è stato poi perso negli anni compare scritto con il titolo "gara moto-campestre" nell'indice dei servizi dove è stato successivamente inserito in un libro del 2009 scaricabile in un file PDF da un sito di un archivio audiovisivo italiano (collegamento: https://www.aamod.it/wp-content/uploads/2016/09/AAMOD-annale-11_2008_integrale.pdf ), ma intanto com

LE BANDIERE, I CARTELLI E I LOGHI

La mia passione, oltre a quello delle parole straniere da tradurre in italiano, sono le bandiere, i cartelli e i loghi poiché sono molto belli, colorati e creativi. Dedico molto tempo ad approfondire la conoscenza di questi simboli, mi piace ricercarli in internet specialmente quelli di una volta per guardare com'erano fatti. A casa mia colleziono anche libri dedicati a questi simboli. La mia prima passione sono le bandiere che sono dei drappi di uno o di più colori variamente disposti, attaccati lungo uno dei lati a un’asta o all’albero della nave su cui vengono innalzati: simboli di una nazione, di un’associazione, di un partito, o insegne di corpi e unità militari. In particolare preferisco moltissimo le bandiere nazionali del passato. La scienza che studia le bandiere si chiama “vessillologia”, parola coniata da Whitney Smith nel 1959 che è il fondatore americano della FIAV (Federazione Internazionale Associazioni Vessillologiche), cioè la federazione internazionale dedicata