Passa ai contenuti principali

LA MITICA GITA IN TOSCANA


Nella primavera del 2006 una mattina presto,  noi ragazzi e ragazze della 1°P e 1°Q siamo partiti per il viaggio d’istruzione in Toscana.  Le nostre mete erano San Gimignano, Parco della Maremma e Siena. Io ero seduto vicino al prof Giovanni il mio professore di sostegno, io dell’altra sezione conoscevo solo Daniele e Wladimir un mio amico Ucraino mentre gli altri ragazzi non li conoscevo. Dopo un po’ di strada ci siamo fermati all’ autogrill dove io mi sono comprato una buona Rustichella e ho conosciuto gli altri partecipanti. Quando siamo arrivati a San Gimignano ci siamo divisi in vari gruppetti,  i nostri amici della altra classe mi sembravano un po’ spaesati con me , ma io non ho fatto fatica ha fare amicizia con loro. Abbiamo visitato San Gimignano che è famosa per le sue bellissime torri e  una porta che si chiama “Porta di San Jacopo”. Nel tardo pomeriggio un nostro amico di Viggiù ,di cui mi  sfugge il nome , ha chiesto al professore Monteleone di dirci le camere e  lui ha risposto “Sei venuto da Viggiù solo per questo?”. Quando eravamo sul pullman finalmente è arrivato il momento più bello del viaggio cioè l’assegnazione delle camere: io ero con Merlina, Menegazzo e Pisano. Dopo esserci sistemati Menegazzo detto “Mene” ha fatto la doccia, io ridevo come un pazzo perché lui sotto la doccia canta tante canzoni, le femmine si sono tutte profumate e poi siamo andati a cena. Dopo cena Io, Calci, Triaca, Massacra, Menegazzo e Ballerini siamo usciti a prendere un po’ di fresco loro fumavano tutti mentre io non ho mai fumato. Alle ore 22:00 sono andato a letto ma non è stato difficile addormentarmi perché Wladimir, Castriciano e altri capitanati da Daniele hanno cominciato a fare casino con una pallina di plastica. Io sono uscito dalla camera che ero nero dall’ arrabbiatura  e ho detto “Blokan, Castriciano e  Danzi piantatela di fare casino io sto dormendo. Daniele ti ricordavo  più timido. Il giorno dopo ci siamo alzati di buon’ora e abbiamo subito chiamato nella camera di Iannuzzi, Conti e Marangon dicendo così  : “Iannuzzi lavati che puzzi”   “Jaco sono il Conti” “scusa Dani”  dopo esserci preparati siamo partiti per il Parco dell’ Uccellina “ o Parco della Maremma” dove c’era tantissimo da camminare. Io avevo dei bellissimi pantaloni il giorno prima  e li ho tenuti per il giorno dopo perché mi sentivo bello. È stato difficile e faticoso fare questa camminata perché io non ero abituato a camminare, ma quando ho intravisto il mare abbiamo fatto una gara a chi arrivava per primo.  L’ultimo giorno siamo andati nella bellissima città di Siena dove ci siamo ancora divisi in gruppetti e siamo andati a vedere la cittadina che a me è piaciuta tantissimo. Per il pranzo io, Calci, Ballerini, Triacca, Massacra e Menegazzo siamo andati in un bar dove abbiamo mangiato i panini.
Questa gita mi è piaciuta tantissimo ho fatto amicizia con Meneghini, Mazzola ,Molina , Sorrenti, Castriciano , Dinisi e altri ragazzi. I  miei  grandi  amici di quei giorni si chiamavano  Mustari e Visco erano due bellissimi ragazzi. La mia amica Cassani mi ha fatto un pochino preoccupare perché continuava a piangere perché  non trovava piu’ il suo telefonino. Anche se sono passati 11 anni questi ricordi di quei bellissimi giorni  mi rimangono sempre nel cuore  e  i i miei amici li sento tuttora 

Jacopo





Commenti

Post popolari in questo blog

LE BANDIERE, I CARTELLI E I LOGHI

La mia passione, oltre a quello delle parole straniere da tradurre in italiano, sono le bandiere, i cartelli e i loghi poiché sono molto belli, colorati e creativi. Dedico molto tempo ad approfondire la conoscenza di questi simboli, mi piace ricercarli in internet specialmente quelli di una volta per guardare com'erano fatti. A casa mia colleziono anche libri dedicati a questi simboli. La mia prima passione sono le bandiere che sono dei drappi di uno o di più colori variamente disposti, attaccati lungo uno dei lati a un’asta o all’albero della nave su cui vengono innalzati: simboli di una nazione, di un’associazione, di un partito, o insegne di corpi e unità militari. In particolare preferisco moltissimo le bandiere nazionali del passato. La scienza che studia le bandiere si chiama “vessillologia”, parola coniata da Whitney Smith nel 1959 che è il fondatore americano della FIAV (Federazione Internazionale Associazioni Vessillologiche), cioè la federazione internazionale dedicata

LA PAROLA “MOTOCAMPESTRE” PRONUNCIATA NEI MEDIA È INTROVABILE

La parola “motocampestre”, ovvero l’equivalente italiano dell’anglicismo “motocross”, non si trova pronunciata in nessun video o podcast, ad eccezione che nelle descrizioni di due video dove compare soltanto scritto, su un sito di un cinegiornale svizzero. Nel primo datato 1952 parla in tedesco sottotitolato in italiano e nel secondo datato 1953 parla in italiano dove compare soltanto la scritta “motocampestre” come titolo, senza neanche una volta pronunciare la stessa parola durante il filmato (collegamento: https://www.memobase.ch/it#find/query=motocampestre ), e in più in un cinegiornale italiano censurato datato 1949 che è stato poi perso negli anni compare scritto con il titolo "gara moto-campestre" nell'indice dei servizi dove è stato successivamente inserito in un libro del 2009 scaricabile in un file PDF da un sito di un archivio audiovisivo italiano (collegamento: https://www.aamod.it/wp-content/uploads/2016/09/AAMOD-annale-11_2008_integrale.pdf ), ma intanto com

LA MIA VITA QUOTIDIANA DI DANIEL

Durante l’anno mi dedico ai miei ex compagni di classe delle superiori di Gazzada Schianno poiché da quando ho finito la scuola nel 2010 li ho considerati i miei amici. Adesso ho il mio vicino di casa Roberto che dal 2011 circa è diventato il mio amico, a volte mi viene a trovare a casa e mi porta fuori a mangiare. Ho anche un altro vecchio amico che andava a scuola con me un anno più grande di me che si chiama Andrea che fa le stesse cose di Roberto. Le mie passioni principali sono le bandiere, i cartelli, i loghi e le parole mentre quelli secondari sono mangiare, chiacchierare, uscire e navigare in rete. Durante la settimana però i miei genitori vogliono che faccia dei lavoretti in casa per passare il tempo, ma invece decido sempre di evitarlo poiché mi annoiano. Quello che mi dicono di fare è guardare la tv, ascoltare la radio, fare cruciverba, tagliare l’erba, aiutare mio papà, correre nel campo e dare acqua alle piante. Però spesso non amo guardare la tv e ascoltare la radio poi